Tutelare la libertà di stampa e promuovere il dibattito pubblico transnazionale sulle violazioni registrate nell'Unione europea, nei paesi dell'allargamento e del partenariato orientale sono gli obiettivi del progetto European Centre for Press and Media Freedom (ECPMF), che nel 2017 è entrato nel suo terzo anno di attività grazie al rinnovato sostegno della Commissione europea.

Tra i servizi garantiti dalla partecipazione di OBCT al consorzio, lo sviluppo e la cura del Resource Centre on Media freedom in Europe e un costante lavoro di informazione e approfondimento su temi chiave per le democrazia europea, in rete con numerosi media partner in Italia e nel sud-est Europa.

In questo progetto OBCT collabora con la cooperativa ECPMF con sede a Lipsia ; Index on Censorhip ; IPI ; Ossigeno per l'informazione ; South East Europe Media Organisation Journalismfund.eu .

 

I nostri materiali:

27 luglio 2017

Partito a Istanbul il processo a giornalisti e amministratori del quotidiano Cumhuriyet, accusati di terrorismo. Le voci dall'aula nel dibattimento simbolo del preoccupante rapporto tra giornalismo e potere in Turchia

24 luglio 2017

Oggi inizia il processo a 17 giornalisti del quotidiano turco Cumhuriyet. Federazione europee, Fnsi, Articolo 21 e altre testate come OBC Transeuropa hanno raccolto la loro richiesta di sostegno e oggi si mobilitano per ribadire #nobavaglioturco e #FreeTurkeyJournalists

21 luglio 2017

Il 24 luglio comincia il processo ai giornalisti del quotidiano turco Cumhuriyet. FNSI, Articolo 21, OBCT e molte altre organizzazioni raccolgono la loro richiesta di sostegno con la mobilitazione europea #FreedomForTurkeysJournalists

A Trieste, dal 10 al 12 luglio 2017, OBCT ha preso parte al Forum della Società Civile che ha preceduto il vertice per l'integrazione dei Balcani nell'Unione Europea. Siamo intervenuti sul tema "Libertà dei media: una problematica molto europea" chiedendo poi ai nostri colleghi del panel di dirci, in 1 minuto, perché la libertà dei media è essenziale non solo nella regione balcanica. Risposta di Dragana Obradović - BIRN (Balkan Investigative Reporting Network) Serbia

Dai nostri media partner:

Il sensazionalismo domina i media bulgari

Crimini, disastri e incidenti sono le notizie più diffuse nelle televisioni e nei media online della Bulgaria. Secondo un sondaggio condotto dall'Associazione dei giornalisti europei (AEJ), i media bulgari contribuiscono a creare "un'agenda della propaganda" e la notizia veramente importante non riesce a raggiungere i cittadini.

Mediapool: leggi l'articolo completo in bulgaro

Il giornalista Ivo Nikodimov attaccato nel centro di Sofia

Il celebre giornalista bulgaro Ivo Nikodimov, a capo del programma mattutino della televisione nazionale bulgara, è stato attaccato da tre uomini sconosciuti nel centro della capitale.

Mediapool: leggi l'articolo completo in bulgaro

Le divisioni interne alla Radio Televisione Slovena

Il Consiglio di programma della Radio Televisione Slovena (RTV) ha votato “no” alla rimozione della direttrice TV Ljerka Bizilj. La proposta di licenziamento era giunta dal direttore generale dopo la messa in onda di una trasmissione dedicata alla controversa figura del cantante nazionalista croato Marko Perković - Thompson. Secondo il sistema di controllo interno alla rete, il programma, fazioso, avrebbe violato gli “standard giornalistici” del paese, senza che la direttrice Bizilj prendesse adeguate misure al riguardo. Tuttavia, con il suo voto, il Consiglio ha difeso la posizione di Ljerka Bizilj.

Radio Student: leggi l'articolo completo in sloveno

Ucraina e libertà di stampa

A cura della redazione "Esteri" di Radio Popolare la nona puntata della seconda annualità del progetto ECPMF di cui Radio Popolare è media partner. Il servizio del giornalista Emanuele Valenti, di Radio Popolare, dedicato alle difficoltà dello svolgere la professione giornalistica nel paese

Radio Popolare: ascolta la trasmissione in italiano

Balcani e proprietà dei media

A cura della redazione "Esteri" di Radio Popolare l'ottava puntata della seconda annualità del progetto ECPMF di cui Radio Popolare è media partner. Il servizio approfondisce la situazione della proprietà dei media nei Balcani Occidentali

Radio Popolare: ascolta la trasmissione in italiano

Turchia e libertà di stampa negata

A cura della redazione "Esteri" di Radio Popolare la settima puntata della seconda annualità del progetto ECPMF di cui Radio Popolare è media partner. In Turchia quasi tutti i media sono sotto stretto controllo governativo. Il corrispondente da Istanbul Dimitri Bettoni e Fazila Mat di OBCT fanno il quadro della situazione

Radio Popolare: ascolta la trasmissione in italiano

La rovina del giornalismo in Macedonia

Il culmine della crisi politica in Macedonia ha provocato l'aumento degli attacchi contro i giornalisti nel paese. La narrazione diffusa per anni da parte della classa politica locale non poteva che portare a violenza e divisione.

Media Centar: leggi l'articolo completo in bosniaco

Una piattaforma per l'accesso rapido e sistematico a una collezione di risorse in continua espansione su libertà e pluralismo dei media in Europa. Sei giornalista, un esperto di media o un'organizzazione del settore e conosci pubblicazioni o servizi che meriterebbero visibilità? Accedi alla sezione Crowdsourcing  e aiutaci a renderli consultabili all'interno del Resource Centre

Wiki4MediaFreedom  mira a diffondere conoscenza su un aspetto cruciale per le nostre società e democrazie, arricchendo i contenuti di Wikipedia. Unisciti a noi e contribuisci anche tu alla più grande enciclopedia online per tutelare il diritto di tutti a un'informazione libera e di qualità!

Lanciata nel 2014 insieme a OBC, continua la mappatura delle limitazioni alla libertà d'informazione in Europa svolta da Index on Censorship, European Federation of Journalists e Reporters Without Borders. Se conosci casi di violazione o hai subito direttamente pressioni, segnala il tuo caso a Mapping Media Freedom

 

Courrier des Balkans Radio Popolare Osservatorio Balcani e Caucaso Radio Študent H-Alter MediaCentar Beta Dilema Veche Mediapool Bianet Kosovo 2.0 24 Vesti Vijesti Shqiptarja The Press Project

ECPMF network

24 Vesti Macedonia- Prima tv all news in Macedonia e portale di informazione online
Archivio degli articoli
Beta Serbia- Tra le principali agenzie stampa in Serbia
Archivio degli articoli
Bianet Turchia- Agenzia stampa indipendente, attenta ai temi legati alla società civile
Archivio degli articoli
Courrier des Balkans Francia- Il principale portale francofono sul sud-est Europa
Archivio degli articoli
Dilema Veche Romania- Il principale settimanale in Romania ad occuparsi di cultura e società. Ha una versione cartacea ed una on-line
Archivio degli articoli
H-Alter Croazia- Portale indipendente di informazione on-line. Fin dalla sua fondazione si occupa molto di società civile e partecipazione
Archivio degli articoli
MediaCentar Bosnia Erzegovina - Centro il giornalismo indipendente con sede a Sarajevo
Archivio degli articoli
Mediapool Bulgaria- Fondato nel 2001, è stato il primo portale on-line di informazione in Bulgaria
Archivio degli articoli
Kosovo 2.0 Kosovo - Magazine online nato nel 2010 che coinvolge in particolare giovani professionisti dell'informazione. Pubblica in albanese, inglese e serbo
Archivio degli articoli
Radio Popolare Italia- Ha sede a Milano e la sua colonna dorsale è l'informazione. E' sia una radio che un network di 17 importanti radio locali italiane che coprono città come Roma, Firenze, Torino, Venezia
Archivio degli articoli
Radio Študent Slovenia - La prima tra le radio indipendenti in Europa
Archivio degli articoli
Shqiptarja Albania - Gruppo di media indipendenti con sede a Tirana
Archivio degli articoli
The Press Project Grecia- Portale di informazione quotidiana on-line sulla Grecia. Specializzato in approfondimenti ed analisi
Archivio degli articoli
Vijesti Montenegro- Il principale quotidiano del Montenegro. Ha una versione cartacea ed on-line. Ha iniziato a pubblicare nel 1997
Archivio degli articoli

Il progetto European Centre for Press and Media Freedom è cofinanziato dalla Commissione Europea