Tutelare la libertà di stampa e promuovere il dibattito pubblico transnazionale sulle violazioni registrate nell'Unione europea, nei paesi dell'allargamento e del partenariato orientale sono gli obiettivi del progetto European Centre for Press and Media Freedom (ECPMF), che nel 2017 è entrato nel suo terzo anno di attività grazie al rinnovato sostegno della Commissione europea.

Tra i servizi garantiti dalla partecipazione di OBCT al consorzio, lo sviluppo e la cura del Resource Centre on Media freedom in Europe e un costante lavoro di informazione e approfondimento su temi chiave per le democrazia europea, in rete con numerosi media partner in Italia e nel sud-est Europa.

In questo progetto OBCT collabora con la cooperativa ECPMF con sede a Lipsia ; Index on Censorhip ; IPI ; Ossigeno per l'informazione ; South East Europe Media Organisation Journalismfund.eu .

 

I nostri materiali:

19 settembre 2017

Qual è il confine tra la satira e l'offesa, quando lo scherzo sfocia nel linguaggio dell'odio? La situazione dei social media in Bosnia Erzegovina

18 settembre 2017

Segnato da conflitti politici, scandali di corruzione e problemi sociali, il Kosovo mantiene malgrado tutto una scena mediatica relativamente vivace. Ma esercitare il mestiere di giornalista e informare l'opinione pubblica comporta gravi pericoli

14 settembre 2017

Linciaggi mediatici di chi non si allinea alle posizioni del governo, autorità giudiziarie che non tutelano i cittadini, giornalisti indipendenti accusati di cospirazione. E' la Serbia di Vučić

13 settembre 2017

Riprende a Istanbul il processo ai lavoratori del quotidiano Cumhuriyet, accusati di terrorismo. Gli imputati in carcere restano dietro le sbarre, su richiesta dell'accusa. La cronaca del nostro corrispondente

Radio B92, dal web.jpg

Dragan Petrović, giornalista belgradese, racconta per Radio Popolare Network la storia - conclusasi recentemente - della mitica Radio B92, per anni unica voce di resistenza al regime di Slobodan Milošević (11 settembre 2017)

8 settembre 2017

Wikipedia continua a essere oscurato in Turchia, ma per accedervi c’è ora a disposizione il sito pirata www.turkcewikipedia.org . Secondo quanto riportato dal quotidiano turco Hurriyet, si tratta di un sito mirror che ha copiato e messo a disposizione degli internauti del paese tutti i contenuti Wikipedia in turco e in inglese. Il sito pirata sarebbe totalmente indipendente dalla Fondazione Wikimedia a cui Wikipedia è legata.

Dai nostri media partner:

Bosnia: la stampa è pericolosa?

In Bosnia Erzegovina ricorrono i 110 anni dalla prima legge sulla stampa: correva l’anno 1907. Boro Kontic di Mediacentar analizza la legge di allora e la compara con il panorama mediatico odierno.

Media Centar: leggi l'articolo completo in bosniaco

Turchia: il giornalista Loup Bureau torna a casa

Il giornalista francese Loup Bureau, detenuto in modo abusivo per 52 giorni dalle autorità turche, è stato rilasciato e sarà presto rimandato in Francia. Lo ha annunciato il suo avvocato mentre il ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian completava una visita di due giorni in Turchia.

Courrier des Balkans: leggi l'articolo completo in francese

Croazia: “pulizie” nel servizio pubblico

Proseguono le “pulizie” all’interno della Radio Televisione Croata (HRT). La trasmissione “Hrvatska uzivo”, spesso critica nei confronti governo, è stata tolta dal palinsesto in una notte, senza che fosse addotta alcuna spiegazione.

Courrier des Balkans: leggi l'articolo completo in francese

Croazia: “Novosti”, un giornale sotto minaccia

Negli ultimi giorni la campagna “Chiudiamo Novosti” ha raggiunto nuovi apici. Željka Markić ha scritto ancora una volta al Primo Ministro Plenković per chiedere il taglio delle finanze a “elementi anti-croati” e la sua campagna ha guadagnato sempre più sostenitori - tra i quali Dražen Keleminec, che ha bruciato pubblicamente una copia del giornale. Il governo croato ha continuato a considerare irrilevanti tutti gli eventi recenti e ha perso anche a livello simbolico l'opportunità di condannare la pressione sui giornalisti e sui redattori della testata.

H-Alter: leggi l'articolo completo in croato

Croazia: quanto costa la propaganda fascista?

Perché lo Stato croato dovrebbe finanziare i media che offrono contenuti fascisti? Esaminando il caso della televisione Z1, H-Alter apre una discussione con esperti quali Gordana Vilović, Hajrudin Hromadžić e Vjeran Zuppa.

H-Alter: leggi l'articolo completo in croato

Croazia: Marko Grdešić analizza il portale “Liberal.hr”

Un’attenta analisi dei contenuti del portale croato “Liberal.hr” evidenzia le forti dosi di nazionalismo unite ad un'accesa critica nei confronti dello Stato. Un taglio opinabile dal punto di vista della deontologia giornalistica che però raccoglie le istanze populiste della società croata…

H-Alter: leggi l'articolo completo in croato

Una piattaforma per l'accesso rapido e sistematico a una collezione di risorse in continua espansione su libertà e pluralismo dei media in Europa. Sei giornalista, un esperto di media o un'organizzazione del settore e conosci pubblicazioni o servizi che meriterebbero visibilità? Accedi alla sezione Crowdsourcing  e aiutaci a renderli consultabili all'interno del Resource Centre

Wiki4MediaFreedom  mira a diffondere conoscenza su un aspetto cruciale per le nostre società e democrazie, arricchendo i contenuti di Wikipedia. Unisciti a noi e contribuisci anche tu alla più grande enciclopedia online per tutelare il diritto di tutti a un'informazione libera e di qualità!

Lanciata nel 2014 insieme a OBC, continua la mappatura delle limitazioni alla libertà d'informazione in Europa svolta da Index on Censorship, European Federation of Journalists e Reporters Without Borders. Se conosci casi di violazione o hai subito direttamente pressioni, segnala il tuo caso a Mapping Media Freedom

 

ECPMF network

24 Vesti Macedonia- Prima tv all news in Macedonia e portale di informazione online
Archivio degli articoli
Beta Serbia- Tra le principali agenzie stampa in Serbia
Archivio degli articoli
Bianet Turchia- Agenzia stampa indipendente, attenta ai temi legati alla società civile
Archivio degli articoli
Courrier des Balkans Francia- Il principale portale francofono sul sud-est Europa
Archivio degli articoli
Dilema Veche Romania- Il principale settimanale in Romania ad occuparsi di cultura e società. Ha una versione cartacea ed una on-line
Archivio degli articoli
H-Alter Croazia- Portale indipendente di informazione on-line. Fin dalla sua fondazione si occupa molto di società civile e partecipazione
Archivio degli articoli
MediaCentar Bosnia Erzegovina - Centro il giornalismo indipendente con sede a Sarajevo
Archivio degli articoli
Mediapool Bulgaria- Fondato nel 2001, è stato il primo portale on-line di informazione in Bulgaria
Archivio degli articoli
Kosovo 2.0 Kosovo - Magazine online nato nel 2010 che coinvolge in particolare giovani professionisti dell'informazione. Pubblica in albanese, inglese e serbo
Archivio degli articoli
Radio Popolare Italia- Ha sede a Milano e la sua colonna dorsale è l'informazione. E' sia una radio che un network di 17 importanti radio locali italiane che coprono città come Roma, Firenze, Torino, Venezia
Archivio degli articoli
Radio Študent Slovenia - La prima tra le radio indipendenti in Europa
Archivio degli articoli
Shqiptarja Albania - Gruppo di media indipendenti con sede a Tirana
Archivio degli articoli
Athens Live Grecia- Media indipendente pubblica storie, notizie e immagini provenienti da Atene e da tutta la Grecia
Archivio degli articoli
Vijesti Montenegro- Il principale quotidiano del Montenegro. Ha una versione cartacea ed on-line. Ha iniziato a pubblicare nel 1997
Archivio degli articoli

Dal 2015 al 2016 ha partecipato al network anche:

The Press Project Grecia- Portale di informazione quotidiana on-line sulla Grecia. Specializzato in approfondimenti ed analisi
Archivio degli articoli

Il progetto European Centre for Press and Media Freedom è cofinanziato dalla Commissione Europea