Tutte le notizie

Un evento per ricordare "gli ultimi": i prigionieri russi e serbi sul fronte alpino

In Romania lo sviluppo rurale naufraga nella corruzione

Transeuropa

Castellano: gli ultimi, i prigionieri russi e serbi sul fronte alpino
18/3/2019 - A cento anni dalla fine della Prima guerra mondiale è ancora poco nota l'esperienza delle miglia...
La Turchia deve rispettare l'indipendenza dei media stranieri
13/3/2019 - La pressione sui media internazionali in Turchia continua ad crescere. Alcuni giornalisti tedesc...

Progetti

Multimedia

audio iconBosnia e revisionismo
Il collaboratore di OBCT Alfredo Sasso è intervenuto a Radio Beckwith per parlare degli intenti revisionisti del governo della Republika Srpska che ha nominato due commissioni per stabili...
video iconNoi, donne
Da tre anni il programma W.O.M.E.N, implementato da RTM, sostiene gruppi di donne in zone montane nel nord dell'Albania. Ha reso possibili le loro idee imprenditoriali, ha reso possibile...
gallery iconSradicati, gli alberi migranti della Georgia
L'ex premier georgiano Bidzina Ivanishvili ha acquistato e spostato presso una sua residenza decine di alberi centenari. La pratica è stata condannata da molti. Le straordinarie fotografi...

Ambiente

La Bosnia Erzegovina e le iniziative dei suoi cittadini in difesa delle risorse naturali e dei suoi corsi d'acqua

Dossier

La disinformazione è tra le questioni più pressanti del nostro tempo. A questo tema OBCT ha dedicato un nuovo dossier di approfondimento partendo dai materiali presenti sul Resource Centre on Press and Media Freedom in Europe

Dossier

Il 18 luglio 1992 da Sarajevo sotto assedio partì verso l'italia un convoglio di bambini. 46 tra quelli prelevati dall'orfanotrofio di Bjelave, non sono mai rientrati in Bosnia: sono stati dati in adozione, nonostante genitori biologici in vita. Una tragica storia, riemersa dal buio

Collaboriamo con