Retorica

Quanto possono fare le parole? Molto, nel bene e nel male. Questa settimana abbiamo pubblicato una riflessione di Luka Zanoni su un recente articolo apparso su il Venerdì di Repubblica dal quale emerge una drammatica sovrapposizione alla retorica bellica che ha contribuito alla dissoluzione della Jugoslavia.

Aleksandar Pavlović si è invece soffermato in una sua analisi sulle parole utilizzate per descrivere il rapporto tra serbi e albanesi. Lo fa iniziando da una frase di Maria Todorova: “In effetti, c'è qualcosa di decisamente non europeo nei Balcani: non sembrano mai raggiungere le dimensioni dei massacri europei”.

In settimana poi abbiamo tradotto e pubblicato un'intervista con Oliver Ivanović, fatta nel 2017, che contiene parole rivelatrici da rileggere con attenzione in seguito al suo recente omicidio; un'intervista sulla presenza cinese in Serbia; un approfondimento dedicato al semestre italiano di presidenza dell'OSCE; la storia di Galaksija, il PC fai-da-te che ha portato l'informatica in Jugoslavia.

Bloc-notes: Golfo di Pirano: gli artisti mescolano le acque "croate" e "slovene"; Cecenia: attacco a Memorial; Dunja Mijatović, una donna bosniaca Commissario per i diritti umani del Consiglio d'Europa; Uniti contro minacce e censura: i giornalisti della regione sostengono Dragan Janjić

Premio di laurea! Hai intenzione di scrivere una tesi di laurea sul Parlamento europeo? Partecipa al premio istituito da OBCT/CCI nell’ambito del progetto “Il Parlamento dei diritti 2”

25/01/2018 -