Primo Piano

9 agosto

08/08/2019 - 

Naufragio

Un tempo la Aluminij di Mostar era la terza azienda della Bosnia Erzegovina per esportazioni, con la sua produzione di oltre 100.000 tonnellate di alluminio all’anno e quasi un migliaio di dipendenti. Ora è sull'orlo del fallimento. Chi ne è responsabile? Secondo Jasmin Mujanović, di cui abbiamo pubblicato un approfondimento in settimana, l'élite etno-nazionalista.

Il Danubio scorre per più di 1000 km in Romania. Una risorsa rilevante, sia in chiave di trasporto passeggeri che merci. Ma, nonostante alcuni investimenti pubblici nel settore, resta una risorsa mai adeguatamente valorizzata. L'articolo di Costel Crangan.

In settimana poi le dimissioni del premier kosovaro Ramush Haradinaj; la violenza e sfiducia nei confronti dei giornalisti in Bosnia Erzegovina; la continua censura dei media indipendenti in Turchia, con la chiusura di più di 100 siti web; il ricordo dell'operazione 'Tempesta', in Croazia nel 1995. E molto altro. Buona lettura e buon Ferragosto! La prossima Newsletter sarà inviata venerdì 23 agosto.

Bloc-notes: Le kafane belgradesi, sessant’anni fa; Avere le idee chiare sull'Europa fa guadagnare nei sondaggi

2 agosto

02/08/2019 - 

Viaggiare

Era il 1972 quando i primi 87 mila biglietti Interrail furono emessi dalle ferrovie di vari paesi europei. Oggi, a quarantasette anni dalla sua fondazione, più di dieci milioni di persone hanno scelto di fare un viaggio in Interrail. Dati e grafici nell’approfondimento di Jacopo Ottaviani per EDJNET.

C’è chi è costretto a viaggiare, e non certo per diletto. Sono i cittadini di alcune regioni del Caucaso del Nord, spesso vittime di violenze domestiche e procedimenti penali illegali, oppure di persecuzioni religiose, che lasciano il loro paese per raggiungere l’Europa occidentale. Il fenomeno spiegato in un recente rapporto.

In settimana poi ci siamo occupati delle tensioni a Vukovar dopo che la Corte costituzionale croata ha deciso la reintroduzione del cirillico nelle targhe della città; di un brutale fatto di cronaca che ha sconvolto la società e la politica romene; della caccia ai siriani rifugiati in Turchia e di molto altro ancora.

Segnaliamo inoltre, nell'ambito del progetto ESVEI, una mappa che riporta alcuni dei principali scandali in Europa legati al finanziamento di partiti e singole figure della politica, nonché alla mancanza di trasparenza nei finanziamenti.

26 luglio

26/07/2019 - 

Responsabilità

Delusione e rabbia tra le associazioni delle vittime per la sentenza della Corte suprema olandese sugli eventi di Srebrenica del luglio ‘95. La corte ha infatti stabilito che lo stato ebbe “una responsabilità molto limitata” per la morte di circa 350 uomini bosniaci musulmani. Il commento di Alfredo Sasso.

Dovranno dimostrare grande responsabilità i membri di “Servo del popolo”, partito del neo presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj, che ha vinto le elezioni politiche anticipate di domenica 21 luglio conquistando la maggioranza assoluta dei seggi del parlamento. L’approfondimento di Claudia Bettiol.

In settimana poi ci siamo occupati dello scontro tra il presidente serbo Vučić e gli intellettuali sulla scorta degli scandali legati ai titoli di studio, della libertà di espressione in Turchia con un’intervista alla conduttrice tv Şükran Şençekiçer, del gravissimo inquinamento in Bosnia Erzegovina e di molto altro ancora, Buona lettura!

Bloc-notes: La CEDU accelera sul caso della censura di Wikipedia in Turchia; Elezioni in Ucraina: in testa il partito del Presidente Zelenskyi; Romania, arrivano le prime multe per il GDPR

Segnaliamo: il progetto Esvei inaugura il secondo pilastro sul tema della trasparenza dei finanziamenti alla politica con l’approfondimento del nostro partner OpenPolis Soldi alla politica, la sfida della trasparenza

19 luglio

19/07/2019 - 

Lavoro

In Armenia la discriminazione sul lavoro basata sull'età è un problema serio, come dimostrano le testimonianze di Karine, Karen e Anna. Una proposta di legge che cambierebbe la situazione è però in fase di discussione in parlamento. L'approfondimento di Armine Avetysian.

Nonostante l’economia della Romania sembri godere di ottima salute, i suoi cittadini continuano a emigrare verso l’Europa occidentale attratti da salari più alti. I datori di lavoro romeni sempre più spesso decidono di assumere i pensionati. Un reportage ripreso da Le Courrier des Balkans.

In settimana inoltre abbiamo dedicato spazio ai respingimenti forzati di migranti in Croazia, alla curiosa vicenda di un mega complesso di lusso nella Jugoslavia socialista, alle strategia di sviluppo del porto di Capodistria, al rimpasto di governo in Croazia e molto altro ancora.

Bloc-notes: La crisi Ue-Turchia sulle trivellazioni a Cipro; Andrea Camilleri e rifugiati: il diritto, negato, alla protezione

12 luglio

12/07/2019 - 

Altro da sé

Come tutti i genocidi, il genocidio di Srebrenica ha un significato che va ben oltre i confini del territorio in cui è stato commesso. Ci avverte che se accettiamo o facciamo finta di non vedere attacchi diretti contro determinati gruppi di persone, le nostre società forniranno terreno fertile per far crescere i semi dell'odio. E' importante il monito di Dunja Mijatović: l'orrore prende forma dopo che nel discorso pubblico si è iniziato a disumanizzare l'altro.

Non estraneità ma comunanza. E' questo che cerchiamo di trasmettere con una serie di racconti di Fabio Fiori legati all'Adriatico. In settimana un testo dedicato al Po, che riesce a fare dell'Adriatico una sua estensione salata o, volendo ribaltare la prospettiva, l'Adriatico è il solo mare che prolungandosi nel Po ha una sua fonte.

Ci siamo poi soffermati sul problematico settore della sicurezza privata in Albania; sulle elezioni politiche anticipate in Ucraina dove il neo-eletto presidente Zelenskyj tenta di capitalizzare il consenso che lo circonda; poi analisi politiche della situazione post-elettorale in Grecia e dei rapporti Serbia-Kosovo. E molto altro. Buona lettura!

Bloc notes! Turchia, il rapporto di un think tank prende di mira i corrispondenti dei media internazionali; Albania, al via la contestata riforma dei media; Elezioni in Grecia, trionfa Nuova democrazia di Mitsotakis

Da non perdere! State per partire per i Balcani? La nostra guida "Scoprire i Balcani" è un'imprescindibile compagna di viaggio

5 luglio

05/07/2019 - 

Diritto

Le morti di Dženan e David restano senza risposte, e insieme ai numerosi episodi di malagiustizia degli ultimi anni continuano ad agitare la Bosnia Erzegovina. Da qui è sorta una delle poche mobilitazioni capaci di attraversare i confini cosiddetti “etnici” del paese nel dopoguerra. Si chiede una cosa tanto semplice quando complessa: che venga rispettato lo stato di diritto. L'approfondimento di Alfredo Sasso.

Hanno diritto ad una linea coerente di medio e lungo periodo, senza finire ostaggio di dinamiche interne di ciascun paese Ue. Luisa Chiodi, in un suo editoriale, sottolinea come l'Unione europea – in chiave allargamento - deve già pensarsi a 33, senza lasciare alla deriva i Balcani occidentali.

In settimana poi la celebrazione dei 25 anni dell'associazione voluta dall'ex generale Jovan Divjak; un quadro sulle recenti e molto controverse amministrative in Albania; la tappa finale di un progetto sviluppato lungo l'antica Via Egnatia. E molto altro. Buona lettura!

Bloc notes! Turchia, se il web viene oscurato; I nostri fiumi: i Balcani si mobilitano; Appello di Dunja Mijatović: si istituisca la Giornata in memoria di Srebrenica; Albania: amministrative orfane

Da non perdere! State per partire per i Balcani? La nostra guida "Scoprire i Balcani" è un'imprescindibile compagna di viaggio

28 giugno

28/06/2019 - 

Sentieri

Sospese tra l'Adriatico e le Alpi dinariche, le terre al confine tra Bosnia Erzegovina e Montenegro nascondono un'enorme ricchezza storica, culturale e paesaggistica, ancora poco conosciuta. Francesco Martino questa settimana ci ha accompagnati lungo i sentieri di questo patrimonio che aspetta solo di essere scoperto.

Boschi antichi, che per secoli hanno garantito la sopravvivenza delle comunità che vivono sulle pendici del massiccio della Mala Kapela, Croazia. Ora, lungo i sentieri che li attraversano, si rischia di trovare solo devastazione: negli ultimi anni vengono infatti impunemente razziati, senza che le istituzioni intervengano. Un reportage di Paulina Arbutina.

In settimana poi approfondimenti sulla elezione a sindaco di Istanbul di Ekrem İmamoğlu; le proteste anti-russe in Georgia; la resilienza e l'allargamento Ue ai Balcani. E molto altro. Buona fine settimana!

21 giugno

21/06/2019 - 

Resistenza

In due anni, nel 2016 e nel 2018, in Turchia sono state licenziate 8.535 persone impiegate nelle università. Un dato drammatico che dimostra il livello pervasivo di repressione dell'apparato governativo targato Erdoğan. Ma alcuni settori dell'università – anche grazie a reti transnazionali – resistono. Un lungo approfondimento firmato da Fazıla Mat.

E' possibile guardare al passato dei paesi della ex Jugoslavia, dibatterne in modo intellettualmente onesto, liberi dalla strumentalizzazione della politica contingente? E' quello che stanno tentando – non senza difficoltà – un gruppo di storici riuniti nell'iniziativa History Fest, un modo per resistere all'etno-politica. L'articolo di Alfredo Sasso.

In settimana poi – tra le molte pubblicazioni - un ritratto di Ekrem İmamoğlu che ha trionfato alle amministrative ad Istanbul lo scorso marzo, poi annullate in modo controverso, e che ora riaffronta le urne; la Croazia e la guerra in Yemen; quanto si spende nel sud-est Europa per conquistare gli elettori su Facebook e l'ultimo rigore tirato dalla Jugoslavia. Buona lettura!

Bloc notes! Le minacce di Kadyrov e la rabbia dei daghestani; Pride in Turchia, tra divieti e contestazione; Albania e Macedonia del nord, per l'UE bisogna aspettare ancora

15 giugno

13/06/2019 - 

Sprofondo

Sono anni che la Moldavia vive una situazione politica del tutto precaria, in questi giorni però la crisi rischia di sfociare in collasso istituzionale e sociale. Attualmente a Chișinău vi sono due diversi primi ministri, che stanno prendendo decisioni opposte ed in conflitto. Si rischia una deriva violenta. In settimana gli articoli di Mihaela Iordache e Francesco Magno.

Anche in Albania i fondamentali della democrazia vengono messi a dura prova: il presidente ha annullato le ormai prossime amministrative, il primo ministro ha avviato una procedura di destituzione del presidente, il parlamento viene boicottato dalle opposizioni e la corte costituzionale non è attualmente funzionante. Da Tirana l'approfondimento di Tsai Mali.

In settimana poi le 'città senza paura' a Belgrado; le pagelle della Commissione europea in chiave allargamento; la Marina Abramović di Božidar Stanišić, e molto altro! Buona lettura!

Bloc notes! L’UE divisa sull’avvio dei negoziati con Macedonia del Nord e Albania

Save the date! Nell'ambito della conferenza "Global Politics in the era of disruptive technologies. New scenarios in an old world?" promossa a Trento da FBK il prossimo 15 giugno interverrà anche il ricercatore di OBCT/CCI Giorgio Comai

7 giugno

06/06/2019 - 

Divisioni

È recentemente approdato nella principale divisione di calcio bosniaca. È il Velež Mostar, club storico della città la cui tifoseria ha mantenuto, anche se solo in parte, una matrice multietnica. Nell'articolo a firma di Marco Ranocchiari e Lorenzo Pasqualini un successo sportivo che può rappresentare anche una speranza per il futuro della città.

Sono stati estromessi dal potere in Armenia ed ora stanno cercando di ritornarvi soffiando sul fuoco delle divisioni e tentando di esacerbare la società sul tema dei diritti delle minoranze sessuali. LGBT+, Armenia e nuovo corso del primo ministro Nikol Pashinyan in un commento a firma di Anna Zhamakochyan.

In settimana poi il racconto di Bari, la capitale dell'Adriatico; una nuova legge in Ucraina che introduce misure draconiane nell'uso della lingua; la corruzione della magistratura bosniaca; il potenziale ancora inespresso dell'agricoltura biologica in Albania; la palude della politica montenegrina. E molto altro. Buona lettura!

Bloc-notes: Libertà dei media, la Serbia come l’Ungheria

Ricerca personale! Aperta una posizione a tempo presso l'unità operativa OBC Transeuropa del Centro per la Cooperazione Internazionale, per lo svolgimento di attività nell’ambito del progetto European Centre for Press and Media Freedom