Primo Piano

10 agosto

09/08/2018 - 

Lotte

Una vera lotta al crimine organizzato è ciò che manca in Serbia. Da quando i vertici dello stato hanno dichiarato di voler combattere la mafia, in Serbia sono stati commessi 37 omicidi a sfondo mafioso e il numero di morti è in costante aumento, commenta Stevan Dojčinović, caporedattore del portale di giornalismo investigativo Krik.

L’Armenia cerca invece di lottare contro la disoccupazione nelle aree rurali. Secondo i dati dell’Agenzia nazionale del lavoro, nel paese ci sono oltre 82mila di disoccupati. Il numero di disoccupati nelle aree rurali rappresenta il 18,3% del totale, segnando un incremento del 2,66% rispetto all’anno scorso. Il reportage di Armine Avetisyan

In settimana ci siamo occupati poi dei migranti che seguendo la rotta balcanica giungono in Bosnia Erzegovina, del passato in cui si rideva in Jugoslavia, della doppia anima del Film Festival di Sarajevo e dei dieci anni dallo scoppio della guerra in Ossezia del sud. Buona lettura e buon Ferragosto, la prossima newsletter arriverà il 24 agosto.

Bloc Notes: Operazione Tempesta: dopo 23 anni ancora battaglia; L’architettura jugoslava al MoMa di New York; Grecia, dopo il fuoco si abbattono le costruzioni abusive

3 agosto

31/07/2018 - 

Libertà

Nonostante la situazione dei diritti LGBT nei Balcani sia cambiata molto negli ultimi anni, ci sono tuttora paesi, tra cui la Bosnia Erzegovina, dove la sola idea di svolgere un Gay Pride per le vie della capitale è di difficile realizzazione. Il servizio di Svetozar Savić, giornalista della Deutsche Welle.

Di libertà parla anche lo scrittore albanese Haki Stermilli, nel suo romanzo del 1936 intitolato “Se fossi un ragazzo”, divenuto appunto un pamphlet per la libertà e l'autodeterminazione, per la rivendicazione dei diritti delle donne. Ce lo racconta la ricercatrice Gentiola Madhi.

Le minoranze sono spesso limitate nelle libertà a causa di discriminazioni e pregiudizi. Il recente sgombero del Camping River a Roma ha riacceso l’attenzione sulla presenza dei rom in Italia. Ma quanti sono i rom? E quanto pesano i pregiudizi? Un’analisi di Marzia Bona risponde a queste domande.

Bloc Notes: Gli USA sanzionano due ministri turchi; Bulgaria, Convenzione di Istanbul al palo

27 luglio

27/07/2018 - 

Turisti

Lord Byron la chiamava “la perla dell'Adriatico”, oggi però la bella città croata di Dubrovnik straripa di turisti ed i pochi residenti denunciano che ha ormai perso la sua identità, il suo charme, il suo stile di vita. Un reportage da uno dei luoghi più rinomati del Mediterraneo.

Il noto giornalista Boris Dežulović porta invece l’attenzione sulla discriminazione economica dei turisti, dove ad essere mal voluti sono quei turisti che dai paesi vicini come la Bosnia Erzegovina vanno in Croazia in giornata. Secondo Dežulović c’è il rischio di sfociare in una sorta di “nazismo turistico”.

In settimana poi abbiamo parlato di calcio e tifoserie in Macedonia; dei primi passi nella lotta alla corruzione da parte del nuovo esecutivo armeno guidato da Nikol Pashinyan; della sinistra politica in Kosovo e molto altro.

Bloc Notes: And the Winner is: i vincitori del concorso Wiki4MediaFreedom; Hatidža, donna coraggio; Nessuna riabilitazione per Milan Nedić

20 luglio

20/07/2018 - 

Peli

Una donna intenta nella depilazione che poi finisce a letto con un uomo irsuto, con tanto di barba e baffi. E' una tra le efficaci vignette con cui Ramize Erer racconta quotidianamente la condizione femminile in Turchia. Per lei i tre princìpi della satira sono l'essere giusti, etici e sinceri. E ad essi cerca di non venir mai meno. Un'intervista a cura di Valentina Marcella.

Non ha peli sulla lingua lo scrittore bosniaco Faruk Šehić e parla con il cuore. In un reportage che abbiamo pubblicato in settimana afferma che – nonostante l'apparente contraddizione - è proprio da Srebrenica che potrebbe partire un processo di riconciliazione in Bosnia Erzegovina.

Abbiamo poi dedicato attenzione alle discriminazioni subite dai non-udenti in Romania; al fare giornalismo nello stato che non esiste, la Transnistria; poi un lungo reportage dalla Georgia e dai suoi territori secessionisti e uno sguardo all'indietro su come la Croazia ha vissuto l'avventura ai mondiali di Russia. E molto altro. Buona lettura!

Bloc notes: Dialogo Serbia-Kosovo, nessun passo avanti

13 luglio

13/07/2018 - 

Finale

Le parate di Danijel Subašić hanno portato la Croazia alla finale del Campionato del mondo di calcio che si sta tenendo in Russia. E, per Ante Tomić, hanno smontato inesorabilmente le logiche e la retorica nazionalista. Un suo commento.

Stefano Lusa guarda alla partita tra Francia e Croazia da una prospettiva differente e a suo avviso domenica si troveranno una di fronte all'altra la vecchia e la nuova Europa. Per Ahmed Burić è invece purtroppo difficile per i bosniaci tifare per la Croazia senza riserve.

In settimana abbiamo inoltre pubblicato un editoriale di Dunja Mijatović dedicato all'anniversario del genocidio di Srebrenica; e poi molto altro, dalle ambiguità della lotta alla droga in Albania ad una panoramica sulle recenti elezioni politiche e presidenziali in Turchia. Buona lettura!

Bloc notes: Libertà di stampa in Turchia: nuove condanne e chiusure

6 luglio

06/07/2018 - 

Donne

Dai Balcani al Caucaso, dalla vita politica all’educazione, dal mercato del lavoro alla sfera domestica, le donne continuano ad avere meno diritti degli uomini, e non di rado ad essere maltrattate.

In Macedonia, per esempio, nessuna donna è mai stata a capo di un partito albanese e non è andata meglio per le colleghe della comunità macedone, sono infatti solo due i casi in cui una donna ha guidato un partito.

Anche in Armenia nonostante la loro massiccia partecipazione alla Rivoluzione di velluto, le donne continuano ad occupare le posizioni più svantaggiate in vari settori. Per non parlare della Bosnia Erzegovina dove le donne, per paura e vergogna, non denunciano situazioni di violenze e molestie subite.

Bloc notes: Omicidio Rocchelli: oggi a Pavia la prima

Wikipedia Contest! Partecipa al concorso di OBCT per migliorare le voci sulla libertà di stampa su Wikipedia! Scadenza: 15 luglio 2018

29 giugno

29/06/2018 - 

Cinque

Cinque anni fa, il 1 luglio 2013, la Croazia entrava a far parte dell'Unione europea. Obiettivo storico per un paese uscito fortemente segnato dai conflitti degli anni '90. Ma cosa hanno significato questi anni per il paese? Un dossier con approfondimenti, interviste, video ed infografiche.

Cinque anni sono trascorsi anche da quando il premier albanese Edi Rama ha avviato il pugno duro contro il villaggio di Lazarat, sud del paese, dove si producevano mille tonnellate di cannabis l’anno. Ma andando oltre la retorica ufficiale, la lotta dell'attuale esecutivo contro il traffico di droga è molto ambigua. Un articolo di Laetitia Moreni e Giovanni Vale.

In settimana poi un'analisi sulle elezioni politiche e presidenziali dello scorso 24 giugno in Turchia; piccoli imprenditori contro la crisi in Bosnia Erzegovina; le reazioni in Macedonia ed in Grecia al recente accordo sul nome; la musica polifonica georgiana dell'Ensemble Mze Shina. Buon fine settimana!

Bloc-notes: Moldavia: a Chişinău “elezioni rubate”; Allargamento Ue: per Albania e Macedonia ancora sala d'attesa; Turchia: vittoria alle urne per Erdoğan

Wikipedia Contest! Partecipa al concorso di OBCT per migliorare le voci sulla libertà di stampa su Wikipedia! Scadenza: 15 luglio 2018

22 giugno

20/06/2018 - 

Birra

Riusciranno i birrifici artigianali a risollevare l'economia dell'Ue? Purtroppo non basta così poco ma sono un simbolo, in Croazia come nel resto d'Europa, di giovani imprenditori che – anche con fondi europei – hanno saputo coniugare alla tradizione l'innovazione facendo impresa. Un reportage di Giovanni Vale.

Non mancherà la birra e, soprattutto, non mancherà la musica. Di tutti i generi. Si apre nei Balcani la stagione dei grandi festival. Da Exit in Serbia al Rockstadt Extreme Fest in Romania passando per l’Okarina Festival in Slovenia. Preparate biglietti e sacchi a pelo!

In settimana poi ci siamo concentrati in particolare sulle imminenti e molto rilevanti elezioni politiche e presidenziali in Turchia. Dimitri Bettoni ha intervistato il costituzionalista Fikret Erkut Emcioğlu e la professoressa Gül Günver Turan, docente di Economia dell'Università di Istanbul, mentre Fazıla Mat firma un'analisi sulle tendenze tra i giovani in Turchia e sull'impatto che questi ultimi potrebbero avere sul risultato elettorale. Buona lettura!

Bloc-notes: Elezioni Turchia, monitoraggio dal basso con dokuz8News

Wikipedia Contest! Partecipa al concorso di OBCT per migliorare le voci sulla libertà di stampa su Wikipedia! Scadenza: 15 luglio 2018

15 giugno

14/06/2018 - 

Lavoratrici

Crescono le opportunità di lavoro nei settori digitali, ma il divario di genere è forte anche in quest’ambito. Tra i paesi membri dell'Unione europea, la Bulgaria è controcorrente: spicca infatti per l’alto tasso di occupazione femminile nel settore. Un approfondimento a firma di Marzia Bona.

Un video che ritraeva alcune donne anziane che spalavano neve per le strade di Baku, capitale dell'Azerbaijan, aveva suscitato molto dibattito. Ma molti pensionati e pensionate azeri non hanno alternative: le loro misere pensioni li obbligano a continuare a lavorare. Un articolo di Kamran Mahmudov.

In settimana poi i blocchi stradali in Serbia che rischiano di mettere in difficoltà il governo; il Kosovo alla Biennale di Venezia; il 1968 jugoslavo raccontato da Dragoljub Mićunović; essere contadino, credente e omosessuale in Romania. E molto altro. Buona lettura!

Bloc-notes: Intesa Skopje-Atene, nasce la "Repubblica della Macedonia del Nord"

Wikipedia Contest! Partecipa al concorso di OBCT per migliorare le voci sulla libertà di stampa su Wikipedia! Scadenza: 15 luglio 2018

8 giugno

08/06/2018 - 

Creativi

Un festival a Belgrado dove artisti kosovari e serbi presentano insieme le loro opere. Un festival ispirato alla figura di Bekim Fehmiu, attore kosovaro, jugoslavo, simbolo di un passato comune. Un festival ripetutamente attaccato dalla destra nazionalista. L'articolo di Antonela Riha.

La scelta radicale di vivere una vita "selvatica" e poi la determinatezza nel difendere una valle dal cemento con intelligenza, coraggio e soprattutto creatività. La storia di Tuğba e Birhan in Turchia. Un articolo co-pubblicato con Kaleydoskop.

In settimana poi la Grecia e l'uscita dalla crisi; la verginità e il simbolo della mela rossa in Armenia; la vittoria di Janez Janša alle politiche in Slovenia; le difficoltà del cambiamento in Montenegro e infine, tra le altre cose, l'avanzamento dei negoziati sul nome tra Grecia e Macedonia. Buona lettura!

Bloc-notes: Montenegro: rimossa la direttrice della Tv pubblica; Free Media Award 2018 a Chai Khana; Incendio nel bosco di Chernobyl; Elezioni in Slovenia: torna Janša, ma il governo resta un rebus

Wikipedia Contest! Partecipa al concorso di OBCT per migliorare le voci sulla libertà di stampa su Wikipedia! Scadenza: 15 luglio 2018

Save the date! A tutto #rightsEP: a Trento l'11 giugno, un seminario su advocacy europea per il terzo settore; sempre a Trento, il 15 giugno, l'evento "Fisco e globalizzazione: la soluzione è l'UE?" con l'intervento dell'eurodeputato Herbert Dorfmann