Newsletter settimanale Nr. 02/2021

PRIMO PIANO

Dibattito

Ethos – serie televisiva turca uscita su Netflix - servendosi di rara bellezza cinematografica e di un cast stellare riesce a portare la Turchia in una seduta psichiatrica collettiva dove l’intera società si incontra per discutere dei molti muri invisibili che separano persone abituate a vivere nello stesso luogo e nello stesso tempo, ignorandosi a vicenda. L'articolo di Filippo Cicciù.

Anche Radio Študent, storica emittente studentesca con sede a Lubiana, è da 50 anni spazio di catarsi e dibattito. Ora una pugnalata fraterna dell'Organizzazione studentesca dell'Università di Lubiana ŠOU – di fatto suo editore – rischia di cancellare per sempre quest'esperienza. La cronaca raccontata da Davide Sighele.

In Bosnia si può parlare di lager nei quali vengono rinchiusi i migranti? Su questo in settimana un'intervista doppia a firma di Omer Karabeg; poi un viaggio in ferrovia con Fabio Fiori, con lo sguardo fisso sull'Adriatico; un'intervista sul futuro della Bosnia Erzegovina con il politologo Nenad Stojanović; la possibile auto-esclusione dalla politica della Georgia del magnate Ivanishvili. E molto altro! Buona lettura.

 

Bloc notes: Covid-19 in Croazia, stipendi in caduta; Kosovo: la presidente ad interim Vjosa Osmani vittima di attacchi sessisti

MULTIMEDIA

Rotta balcanica: Bosnia Erzegovina, a un passo dalla catastrofe umanitaria

Campo di Lipa, migranti sotto la neve - foto Ipsia

Registrazione dell'incontro organizzato da Ipsia Acli dedicato alla situazione in Bosnia Erzegovina nel Cantone di Una Sana, dove centinaia di migranti e richiedenti asilo vivono all'addiaccio. Sono intervenute Silvia Maraone, operatrice in loco dell'ong Ipsia e Francesca Napoli, avvocata esperta in migrazioni intervistate da Nicole Corritore di OBCT (14 gennaio 2021)


NOTIZIE

Serbia, la rivolta ecologista dei cittadini

Vukašin Obradović

La scorsa settimana migliaia di cittadini sono scesi nelle strade di Belgrado per dar vita a quella che è stata battezzata "Rivolta ecologista". La questione ambientale è stata portata su un piano squisitamente politico. L'opposizione sarà in grado di intercettare questa spinta civica?

Croazia: campo di concentramento di Arbe, una storia poco conosciuta

Anja Vladisavljević

Oggi l’isola di Arbe (Rab) è una destinazione turistica molto popolare. Poco conosciuta è però la storia dell’ex campo di concentramento che vi trovava sede. Ed è per questo che un gruppo di storici si è impegnato per mantenere viva la memoria di quanto accaduto a Kampor

Dividere la Bosnia

Stefano Lusa

Il presidente sloveno Pahor e poi anche il primo ministro Janša avrebbero avanzato l'ipotesi che la soluzione dei problemi della Bosnia Erzegovina sarebbe la divisione di quest'ultima. Polemiche in tutta la regione e oltre. Non un buon viatico per la presidenza UE slovena che inizierà a luglio

Romania: scontro ai vertici sulla pandemia

Francesco Magno

È grazie al suo appoggio che fu possibile svelare i casi di malasanità a seguito del drammatico incendio del Colectiv. Ora però il ministro della Salute Vlad Voiculescu è stato rimosso dall'incarico per divergenze sulla gestione della pandemia con il primo ministro Cîțu. La maggioranza di governo potrebbe sfaldarsi

Bella Ciao! L’addio di Sarajevo a Jovan Divjak, il generale giusto

Mario Boccia

Si è tenuto ieri a Sarajevo il funerale di Jovan Divjak. Se non ci fosse stato il Covid-19, sarebbe stato un moltiplicarsi di abbracci. Un ricordo

Nagorno Karabakh: la scuola, vittima della guerra

Armine Avetysian

Lo scoppio della guerra in Nagorno Karabakh ha causato 100.000 sfollati e 30.000 scolari e studenti non hanno potuto più frequentare le loro scuole

La carovana per la libertà di movimento

Chiara Milan

A Trieste un'iniziativa della società civile punta l'attenzione sul tema dell'accoglienza, della solidarietà transnazionale e sulla necessità di costruire "l'anticonfine"

Georgia: sulla crisi politica l'Ue dice la sua

Marilisa Lorusso

Perdura l'impasse politica in Georgia nonostante due tentativi di mediazione delle istituzioni Ue. Dal Parlamento europeo l'avvertimento: gli aiuti europei solo se le parti risolvono la crisi

Il Grande Padre: il tiro infallibile di Gazmend

Christian Elia

Il numero 11 lo portava perché era quello di Dino Meneghin. Gazmend Çaçi è un campione della pallacanestro albanese e con il suo Partizan Tirana ha vinto 20 scudetti. Ma cosa significava giocare a basket nell'Albania di Hoxha?

APPUNTAMENTI

Quo Vadis, Aida? Film Screening & Discussion

Il film "Quo vadis, Aida" delle regista bosniaca Jasmila Žbanić, presentato in anteprima mondiale alla 77° Mostra del cinema di Venezia, racconta la tragedia di Srebrenica attraverso gli occhi di una donna che lotta per salvare la propria famiglia tra dubbi e scelte drammatiche. Proiezione online del film e dibattito su organizzazione di The Harriman Institute Columbia
15 gennaio 2021
Online

Libia e Bosnia: apriamo gli occhi

Le immagini dei migranti intrappolati in Bosnia Erzegovina sotto la neve ci ricordano un dramma che si ripete irrisolto inverno dopo inverno, e la situazione inaccettabile nei campi libici attende ancora soluzioni umanitarie decise. Interlocutori importanti discutono di come si negoziano i corridoi umanitari e di quali azioni dovremo intraprendere in Italia e in Europa
15 gennaio 2021
Online

Bordering Europe - I migranti senza diritti nel cuore dell'Europa

Mediterranea Saving Humans ospita sulla nave Mare Jonio la rete RiVolti ai Balcani per la presentazione del nuovo dossier “Rotta balcanica. I migranti senza diritti nel cuore dell’Europa”. Previsti diversi interventi, introdotti dall'armatore sociale di Mediterranea, Alessandro Metz
16 gennaio 2021
Online

Trieste Film Festival

La 32esima edizione del Trieste Film Festival, principale appuntamento italiano con il cinema dell'Europa centro-orientale, quest'anno si terrà interamente online. Per il sesto anno verrà consegnato anche il premio OBC Transeuropa a uno dei documentari in concorso.
21-30 gennaio 2021
Online

OPPORTUNITA

Opportunità

Call for papers

La crisi COVID-19 ha sollevato sfide per le dinamiche economiche, sociali e politiche all'interno di ogni singolo stato e tra di essi. Inoltre, ha seriamente messo in discussione l'idea che le comunità possano essere sempre più resilienti e che la loro resilienza garantisca una risposta alle minacce e alle vulnerabilità che le colpiscono sempre di più. Aperta una call for papers per una conferenza promossa dall'Università di Trento nel settembre 2021.

Se si è interessati a partecipare, inviare un abstract (250 parole) del proprio paper insieme a una breve biografia entro il 15 febbraio 2021 a: vincenzo.dellasala@unitn.it. Se si hanno domande si può contattare Roberto Belloni (roberto.belloni@unitn.it) o ​​Vincent Della Sala (vincenzo.dellasala@unitn.it)

 


Servizio informativo gratuito a cura di www.balcanicaucaso.org
Seguici anche su Facebook e su Twitter

Ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03, il vostro indirizzo email viene utilizzato esclusivamente per ricevere le nostre news. Esso non sarà comunicato o diffuso a terzi e non ne sarà fatto alcun uso diverso.
Per disiscriversi: http://lists.osservatoriobalcani.it/cgi-bin/mailman/listinfo/newsletter