Newsletter settimanale Nr. 01/2019

PRIMO PIANO

Dissenso

Quando i partiti d'opposizione ad alcuni governi in carica sono molto deboli a volte malessere e dissenso trovano voce solo nelle piazze. E' quanto sta accadendo in Serbia dove in più occasioni, a Belgrado e in altre città del paese, sono scese in piazza decine di migliaia di persone allo slogan #1od5miliona. Dragan Janjić, in una sua analisi, spiega le ragioni del motto e delle proteste.

A Banja Luka, Bosnia Erzegovina, da mesi si riuniscono manifestanti per chiedere giustizia per l'uccisione di un ragazzo, David Dragičević. L'attuale membro della presidenza tripartita e leader del principale partito della Republika Srpska ha però scelto la strada della dura repressione del dissenso. L'articolo di Alfredo Sasso, l'editoriale di Ahmed Burić.

In settimana poi abbiamo pubblicato “Sguardi adriatici: Ancona”, primo di una serie di articoli di Fabio Fiori che ci racconteranno questo mare di mezzo; poi, tra i vari materiali, un articolo sull'avvio della presidenza Ue della Romania; un approfondimento dedicato al fatto che in Croazia, nella toponomastica, non vi è traccia di nomi femminili e una recensione dell'ultimo libro di Angelo Floramo, “La veglia di Ljuba”. Buona lettura!

 

Bloc-notes: Il ponte; Migranti in Bosnia: la risposta della Commissione europea; Serbia, l’economia lumaca dei Balcani

MULTIMEDIA

Ucraina: nasce la nuova Chiesa ortodossa

Chiesa ortodossa a Kiev (Max8oppo/Pixabay)

Oleksiy Bondarenko, collaboratore di OBCT, ha analizzato il processo che ha portato alla nascita ufficiale della nuova Chiesa ortodossa ucraina e le possibili conseguenze di questa indipendenza religiosa dalla Russia, ai microfoni di Rai Radio3 (10 gennaio 2018)


NOTIZIE

Macedonia (del Nord), speranze e costi di un nuovo nome

Ilcho Cvetanoski

Il parlamento di Skopje ha approvato la difficile scelta di cambiare il nome costituzionale del paese, che dopo la ratifica greca si chiamerà Macedonia del Nord. Il punto del nostro corrispondente

30 anni di Trieste Film Festival

Nicola Falcinella

Prende il via domani la trentesima edizione del Trieste Film Festival che per l’occasione ricorda la caduta del Muro di Berlino, anno appunto in cui nacque la manifestazione triestina. Anche quest’anno verrà assegnato il premio OBCT al miglior documentario

La donna col cappotto di pelliccia

Diego Zandel

Uno scrittore turco, morto ben 70 anni fa e che ora ritorna nelle nostre librerie. Fazi ripropone un romanzo di Sabahttin Ali. Recensione

Inquinamento a Sarajevo, intervista a Anes Podić

Alfredo Sasso

Lo scorso dicembre Sarajevo è stata la capitale più inquinata al mondo. Quali sono i fattori principali di inquinamento della capitale bosniaca? Ce lo spiega in questa intervista Anes Podić, coordinatore di Eko Akcija

Turchia: non rivedrò più il mondo

Francesco Marilungo

La prigione è senz’altro uno dei tòpoi letterari più importanti della letteratura turca del novecento. Indagato anche in "Non rivedrò più il mondo", inno all'immaginazione, alla forza della mente, al potere di trascendenza dai confini corporali

Azerbaijan: il caso Huseynov

Arzu Geybullayeva

L'appello affinché siano rispettati i diritti umani del blogger azerbaijano Mehman Huseynov, in carcere da due anni e in sciopero della fame dallo scorso dicembre, ha scosso il mondo intero, ma non le istituzioni di Baku

Il governo "Rama 3" e Gent Cakaj

Ornaldo Gjergji

A cavallo del 2018 e 2019 il premier albanese Rama ha lasciato a casa più della metà dei suoi ministri. Un quadro su questo corposo e dibattuto rimpasto di governo

Sofia, inquinamento capitale

Francesco Martino

Nonostante alcuni timidi segnali positivi, Sofia rimane una delle capitali con l'aria più inquinata d'Europa. Un problema aggravato dalla lentezza con cui le istituzioni cittadine hanno preso coscienza della gravità della situazione

Il gas di Cipro: benedizione o maledizione?

Chloé Emmanouilidis

Da quando una delle più importanti riserve di gas naturale al mondo è stata scoperta al largo di Cipro, l'isola è al centro degli interessi dei giganti degli idrocarburi. Una situazione che influisce sui delicati negoziati per la riunificazione

Serbia-Kosovo: la debolezza di Belgrado

Dragan Janjić

Il 2018 è stato l’anno in cui la posizione diplomatica della Serbia si è indebolita sia rispetto ai suoi vicini che alle potenze internazionali. Soprattutto rispetto alla normalizzazione delle relazioni con Pristina

Sguardi adriatici: Ancona

Fabio Fiori

Da Ancona l'Adriatico appare come un meraviglioso stretto, tra ovest ed est. Con questo articolo parte un'esplorazione di un mare che accomuna. Lo faremo partendo da specifici luoghi che su di esso s'affacciano

Serbia, l’inverno del malcontento civile

Dragan Janjić

Da settimane migliaia di persone si radunano nelle vie centrali della capitale serba per manifestare il proprio dissenso contro il governo e lo strapotere del presidente Aleksandar Vučić, il quale annuncia elezioni anticipate

Cecenia: un'analisi della crescita demografica

Marat Iliyasov

Perché in Cecenia come in altre repubbliche del nord del Caucaso si registrano tassi di natalità molto superiori alla media della Russia?

Via dai Balcani

Kosovo 2.0

Centinaia di migliaia di persone lasciano i Balcani, dove non vedono un futuro. Le cause oltre che economiche sono anche sociali e politiche

Presidenza Ue della Romania: a caccia di coesione

Mihaela Iordache

Si apre tra i dubbi la presidenza della Romania del Consiglio dell'Ue. Il motto del governo romeno è "Europa della convergenza" ma il paese si presenta a questo importante appuntamento profondamente diviso

Croazia: genere e spazio urbano, le donne dimenticate

Ana Kuzmanić, Ivana Perić

Lo spazio urbano è fondamentale nel processo di creazione di una memoria collettiva e per immaginare il futuro. In Croazia, nella toponomastica, non vi è però traccia di nomi femminili

Republika Srpska, l'autocrazia di Dodik

Ahmed Burić

Il governo di Banja Luka si scaglia contro i manifestanti del movimento Pravda za Davida, con arresti e accuse. L'entità della Bosnia Erzegovina sembra ormai essere preda di un regime autocratico

Banja Luka, assedio al movimento Pravda za Davida

Alfredo Sasso

In Republika Srpska, una delle due entità della Bosnia Erzegovina, il passaggio dal vecchio al nuovo anno si è svolto all'insegna di arresti e tentativi di repressione del movimento Giustizia per David

La veglia di Ljuba

Davide Sighele

Un romanzo che profuma dell'entroterra istriano, che non dimentica il tragico '900 e che racconta la determinazione di chi sa mettere radici. Una recensione all'ultimo libro di Angelo Floramo

I greci della Georgia

Tamta Jijavadze

Arrivarono dall'area dell'odierna Turchia nel corso dell'800. In Georgia vive una comunità di greci. Sono rimasti ormai in pochi dato che la maggioranza si è trasferita in Grecia durante gli anni del crollo dell'Urss

Montenegro: la devastazione del Tara

Zoran Radulović

Con la costruzione dell’autostrada del Montenegro si sta devastando un’area protetta dall’Unesco: l’alveo del fiume Tara. Mentre il governo tiene segreti documenti relativi al progetto l’ong MANS rivela i danni ambientali che causerebbe

Arzu Abdullayeva: donna di pace tra Azerbaijan e Armenia

Gular Mehdizade, Sabina Abubekirova, Anonymous

Arzu Abdullayeva affronta da 26 anni minacce, insulti e persino attacchi violenti a causa del suo attivismo per la pace tra Armenia e Azerbaijan. Ma non si è mai arresa. Un incontro

Croazia: quel cazzuto trio del Feral

Giovanni Vale, Srđan Sandić

Due giornalisti di punta e un famoso caricaturista. Sono tra i fondatori dello storico settimanale satirico croato Feral Tribune. In questa intervista, il trio commenta senza peli sulla lingua la situazione in Croazia, lo stato di salute dei media e altro ancora

APPUNTAMENTI

Wiki4MediaFreedom: maratona di scrittura su Wikipedia a Madrid

Dopo il successo della prima edizione e della seconda edizione, svoltesi a Belgrado e a Sofia, OBCT Transeuropa organizza a Berlino il quarto "edit-a-thon” sulla libertà di stampa, una maratona di scrittura collaborativa in cui wikipediani, giornalisti, attivisti, esperti di media ma anche semplici curiosi lavorano al miglioramento di contenuti su temi legati alla libertà di stampa, al pluralismo, alla trasparenza dei media in Europa, su Wikipedia.
18 gennaio 2019
Madrid (Spagna)

Surviving Srebrenica

Presentazione del libro "Surviving Srebrenica. Sopravvivere al genocidio, 11 luglio 1995" di Hasan Hasanović, appena pubblicato in Italia da Gabrielli Editori

22 gennaio 2019
Verona

OPPORTUNITA

Opportunità

Spring School “Prospettive comparate e transnazionali sui sistemi mediatici” 

A Perugia, dal 1 al 4 aprile, a ridosso dell’International Journalism Festival, avrà luogo la terza edizione della Spring School “Prospettive comparate e transnazionali sui sistemi mediatici” con un focus regionale specifico sull’Europa Centro-Orientale. La Spring School è organizzata dalla Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Perugia in collaborazione con l’Istituto per i Media e per il Giornalismo dell’Università della Svizzera Italiana (USI). L’iniziativa si rivolge a studenti Master, dottorandi e giovani ricercatori interessati ad approfondire e discutere il tema dei diversi sistemi mediatici esistenti e le sfide ad essi collegate. Per candidarsi è necessario inviare una email a springschoolmediasystems@gmail.com entro il 27 gennaio allegando:
- CV ed eventuale lista delle pubblicazioni - Una sintesi del proprio progetto di ricerca (max 500 parole) - Una lettera di motivazione (max 500 parole) 

Maggiori informazioni su www.springschoolmediasystems.com


Servizio informativo gratuito a cura di www.balcanicaucaso.org
Seguici anche su Facebook e su Twitter

Ai sensi dell'art. 13 del D.Lgs. 196/03, il vostro indirizzo email viene utilizzato esclusivamente per ricevere le nostre news. Esso non sarà comunicato o diffuso a terzi e non ne sarà fatto alcun uso diverso.
Per disiscriversi: http://lists.osservatoriobalcani.it/cgi-bin/mailman/listinfo/newsletter