Sette anni e mezzo di carcere per Khadija Ismayilova, giornalista investigativa di Baku. In Azerbaijan è arrivata l'ennesima condanna per chi critica l'autoritarismo e la corruzione dilagante nel paese

04/09/2015 -  Arzu Geybullayeva

Alcuni presidenti si occupano di lotta al terrorismo, altri si occupano della crisi dei rifugiati o di favorire lo sviluppo economico. In Azerbaijan il presidente è impegnato nel lottare contro i suoi nemici interni. Ma la lista dei nemici di Ilham Aliyev non è più tanto lunga ed è stata ulteriormente accorciata con l'ennesima condanna a molti anni di galera, due giorni fa, di un'eminente giornalista.

Uno sguardo più da vicino alla lista dei “most wanted” rivela i nomi di difensori dei diritti umani, giovani attivisti, blogger, giornalisti, organizzazioni non governative ed alcune testate giornalistiche.

A volte sembra che Aliyev junior [l'attuale presidente azero è figlio del presidente precedente, ndr] incapace di ottenere vittorie sul fronte del conflitto che da vent'anni il paese conduce contro l'Armenia, concentri tutta la sua energia per reprimere chi lo critica all'interno del paese – e non certo per la sua incapacità di risolvere la questione del Nagorno Karabakh - e nell'impegnarsi in ogni sorta di azione illegale.

Khadija Ismayilova, giornalista investigativa di Baku, rientra nella categoria dei “critici”: ha condannato le politiche autoritarie del governo e la corruzione rampante nel paese. Ha infatti dedicato i suoi ultimi cinque anni di lavoro ad investigare su aziende off-shore, imperi economici sorti dal giorno alla notte e sui principi democratici che andavano sgretolandosi nel paese. Come da lei stesso dichiarato - dopo aver ricevuto minacce per il lavoro svolto - non è mai stata sua intenzione scovare connessioni nel suo lavoro con il presidente Aliyev e i suoi famigliari. Ma tutti i dati raccolti e le ricerche realizzate la portavano a innumerevoli società, tutte con legami più o meno diretti con la famiglia presidenziale.

La sentenza a sette anni e mezzo di carcere, comminatagli lo scorso primo settembre da una corte di Baku, non è stata quindi una sorpresa. Fin dall'inizio del processo è stato più che evidente che la corte non era interessata alle prove, ai testimoni o alle stesse dichiarazioni di Khadija. Tutto ciò che non portava argomenti all'accusa veniva semplicemente non preso in considerazione. Come detto dalla stessa Khadija, nella sua dichiarazione finale: “Mentre arrivavano le dichiarazioni dei testimoni, il pubblico ministero si è reso conto che tutte le menzogne venivano a galla e quindi ha fatto in modo che questi documenti non venissero analizzati dalla corte”.

Ma il caso di Khadija e di questo processo farsa non sono gli unici. Nella lista dei nemici domestici di Aliyev vi sono anche Leyla e Arif Yunus, una coppia conosciuta per il proprio lavoro nel campo della riconciliazione e delle scienze politiche: entrambi condannati alla detenzione.

Aliyev inoltre non ama i giovani attivisti. Un'inimicizia già evidente nel lontano 2009 quando vennero perseguiti due ragazzi che, con la satira, prendevano in giro il suo governo. I due sono stati poi conosciuti come “gli asini blogger”. Entrambi sono stati condannati a due anni di carcere, uno poi trascorso effettivamente in galera.

Nel corso del 2014 molti altri giovani attivisti hanno subito processi teminati con condanne dai 6 agli 8 anni e mezzo. Alcuni sono stati poi rilasciati subito, dopo aver scritto una lettera indirizzata al presidente in cui si scusavano per i loro atti, altri graziati solo dopo mesi di carcere. Tutto questo dimostra la paura del presidente Aliyev nei confronti dei giovani che la pensano di testa propria e che si oppongono alla sua presa autoritaria sul paese, nonostante il clima di paura e di intimidazione.

Altri “most wanted” sono gli attivisti per i diritti umani Rasul Jafar e Intigam Aliyev; Anar Mammadli, a capo di un'organizzazione indipendente che si occupa di monitoraggio elettorale; Ilgar Mamedov, politico dell'opposizione; giornalisti quali Seymur Hazi e Parviz Hashimli e i giornalisti indipendenti che, a Berlino, hanno fondato Meydan TV [tra i quali uno dei due “asini blogger”, Emin Milli].

Questa lista include donne e uomini che hanno ottenuto importanti riconoscimenti all'estero per il loro lavoro ed il loro impegno. Tutto questo avviene mentre il presidente Aliyev è libero di andarsene in giro nonostante violi costantemente numerose leggi dell'Azerbaijan e i membri della sua famiglia continuano ad impegnarsi in imprese criminali nonostante il lavoro di Khadija Ismayilova abbia portato numerose prove a dimostrazione del loro comportamento criminale.

E' chi parla di questi crimini che finisce dietro le sbarre, minacciato, perseguitato e a volte addirittura assassinato.

Negli ultimi 18 mesi Aliyev è riuscito a silenziare le voci più autorevoli del paese, e alcuni di loro potrebbero non rivedere mai più la libertà, data la loro età e il loro stato di salute.

Negli ultimi 15 anni, da quando Ilham Aliyev ha sostituito il padre, si è liberato dell'opposizione politica, si è garantito elezioni fraudolente e non-democratiche, ha cambiato la costituzione assicurandosi così la presidenza a vita, ha modificato la legislazione in modo da rendere impossibile la sopravvivenza alle organizzazioni non-governative.

Durante la sua presidenza sono stati uccisi quattro giornalisti e molti altri sono finiti in galera. La corruzione ha raggiunto livelli mai raggiunti prima e tre giorni fa, una corte ha comminato una dura pena detentiva ad una della più prominenti voci dell'Azerbaijan.

Presto non ci sarà più nulla da silenziare, cambiare o reprimere. Perché presto non sarà rimasto nessuno in Azerbaijan se non Aliyev stesso e la sua corte. E la gente? E' stata messa a tacere tanto tempo fa quando attraverso il ministro dell'Educazione si è tolto loro il diritto all'educazione, assicurandosi poi che rimanesse così.

Questa pubblicazione è stata prodotta nell'ambito del progetto European Centre for Press and Media Freedom, cofinanziato dalla Commissione europea. La responsabilità sui contenuti di questa pubblicazione è di Osservatorio Balcani e Caucaso e non riflette in alcun modo l'opinione dell'Unione Europea. Vai alla pagina del progetto


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by