Kosovo: il ritorno a scuola dei rimpatriati dalla Siria

10/09/2019

Lunedì 2 settembre 22 scolari e scolare, rimpatriati da aree di combattimento in Siria, hanno ripreso un percorso scolastico in Kosovo. A renderlo noto il ministero degli Interni. “Abbiamo spiegato alle ragazze minori che non potevano portare il velo per non rischiare di venire stigmatizzate, ed hanno accettato. Solo una ragazza non ha ancora scelto. Ma è maggiorenne ed ha diritto di scegliere quello che preferisce”, ha spiegato Ganimete Gërbovci, del dipartimento del ministero che si occupa di reintegrazione di persone che hanno subito la radicalizzazione islamica.

48 domande per raccontare l'Europa con i dati

10/09/2019

Una battuta ricorrente nelle redazioni giornalistiche recita più o meno così: “Non ho scelto questo mestiere per occuparmi di matematica”. Da circa dieci anni, però, le maggiori testate giornalistiche internazionali hanno iniziato a fare ‘giornalismo di dati’ (data-journalism) per raccontare la società e le istituzioni cercando, in questo modo, di offrire una descrizione della realtà più approfondita ed efficace.

Matthew Palmer, ritorna la cavalleria?

05/09/2019

Il Dipartimento di Stato Usa ha nominato il diplomatico Matthew Palmer Rappresentante speciale per i Balcani Occidentali. “Nelle sue funzioni Palmer condurrà i nostri sforzi per rafforzare l'azione diplomatica americana in favore della pace, della stabilità e della prosperità nella regione e si concentrerà sull'integrazione dei paesi dei Balcani occidentali nelle istituzioni occidentali”, si precisa nel comunicato stampa seguito alla sua nomina. Matthew Palmer, che comunque rimane vice-Segretario di stato aggiunto per l'Europa e l'Eurasia, è già sul campo e sino al 10 settembre parteciperà a incontri e riunioni a Bruxelles, Vienna e Podgorica.

EDJNet sul Sole 24 Ore

03/09/2019

Nella sua sezione Info Data il portale del Sole 24 Ore ha recentemente ripreso l'inchiesta “Europe One Degree Warmer”, realizzata nel corso del 2018 da EDJNet, uno dei progetti coordinati da OBCT. L'inchiesta ha mostrato che la temperatura media delle città europee si è alzata di almeno un grado centigrado nel 21° secolo rispetto al Novecento.

Romania: il governo dei socialdemocratici perde la maggioranza in parlamento

03/09/2019

Călin Popescu-Tăriceanu, a capo dell'Alleanza dei liberali e democratici per l'Europa (Alde) ha annunciato, lunedì 2 settembre, le dimissioni dalla presidenza del Senato. Una mossa giustificata da disaccordi sulla gestione del budget ma che di fatto segna la volontà di allontanamento dal Partito social-democratico (Psd) con il quale sino ad ora l'Alde ha condiviso la responsabilità di governo.

Massacro di Markale, 24 anni dopo

28/08/2019

Il 28 agosto del 1995 l’ultimo di cinque colpi di mortaio sul mercato di Markale a Sarajevo causa la morte di 43 civili e il ferimento di 84. Si tratterà del secondo attacco, il primo avvenuto a febbraio 1994 che aveva causato 200 vittime tra morti e feriti. Amerisa Ahmetović, una delle persone ferite, non ha mai dimenticato e oggi per la prima volta ha partecipato alle commemorazioni.

La Selma cantata dai Bijelo Dugme compie 90 anni

26/08/2019

La Selma della canzone omonima resa famosa dal gruppo rock jugoslavo Bijelo Dugme è una persona in carne e ossa.

Kosovo: si va ad elezioni anticipate

23/08/2019

Ce lo si aspettava sin dalle dimissioni del Primo Ministro Ramush Haradinaj, il 21 luglio scorso: il parlamento del Kosovo ha votato ieri a larga maggioranza per lo scioglimento, aprendo le porte alle elezioni anticipate.

Mostar: dal Vecchio, i tuffi di 24 atleti mondiali

23/08/2019

Sabato 24 agosto a Mostar si tiene una delle tappe di tuffi "Red Bull Cliff Diving", che vedrà i migliori atleti del mondo lanciarsi nelle acque della Neretva dallo "Stari Most", il Ponte Vecchio. Si potrà seguire la diretta streaming su Red Bull Tv a partire dalle 14.30.

Bosnia Erzegovina, il terzo esodo

22/08/2019

Immobilità politica e stagnazione economica sono i due fattori che spingono la popolazione della Bosnia Erzegovina ad andarsene. Si tratta di un trend diffuso in buona parte dei paesi della regione. In Bosnia la dinamica va a sommarsi ai precedenti esodi causati dalla guerra.