Riflessioni

Sgomberato l'accampamento di Idomeni, le undicimila donne e uomini che hanno atteso pazienti il corso avverso della storia mettono la coscienza degli europei di fronte a un fatto nuovo: la richiesta esplicita di accesso in Europa, la fine del ricorso ai canali clandestini e il riconoscimento per le generazioni di un cammino verso una condizione migliore dell’esistenza. Per la prossima Giornata mondiale del rifugiato che si celebra lunedì 20, proponiamo la riflessione di Paolo Martino .

In Bosnia Erzegovina il terrorismo jihadista è un fenomeno che affonda le sue radici nella guerra degli anni '90, nella frammentazione dello stato, nella disponibilità di armi e nella nascita di paradžemate, comunità alternative alla comunità islamica tradizionale. L'analisi di Andrea Rossini pubblicata in collaborazione con Affari Internazionali.

In settimana abbiamo parlato inoltre dei Gay Pride che si sono svolti a Zagabia e a Kiev , e non poteva mancare un'attenzione al Campionato di calcio europeo di Francia dove ha esordito l'Albania , ma vi abbiamo raccontato anche del Mondiale delle nazioni non riconosciute svoltosi in Abkhazia.

Bloc notes: Novi Sad: in piazza per difendere la tv pubblica; "Mare corto" a Durazzo.

Da non perdere: il 19 giugno a Rovereto (TN) dibattito pubblico nell'ambito delle iniziative per la Giornata mondiale del rifugiato "Tutto quello che non vi hanno mai detto ". Intervengono il senatore Gianpiero Dalla Zuanna e la direttrice di OBC Luisa Chiodi. Si svolge a Skopie (Macedonia) il 20 giugno un seminario internazionale sui flussi migratori. Per noi sarà presente Marzia Bona.

17/06/2016 -  Roberta Bertoldi