Una scena del film Brat Dejan

Una scena del film Brat Dejan

Da mercoledì 5 fino a sabato 15 agosto si svolgerà il Festival del Film di Locarno, numerosi i titoli del ricco programma, tra i cortometraggi ben cinque lavori da Balcani e Caucaso. Una rassegna

03/08/2015 -  Nicola Falcinella

Torna da mercoledì, fino a sabato 15 agosto, il Festival del Film Locarno (informazioni e programma). La manifestazione svizzera, alla 68° edizione, si ripresenta con un programma molto vario in linea con le annate precedenti, con le stesse sezioni e numerosi ospiti e premiati (tra questi Edward Norton e Andy Garcia) e un’importante retrospettiva dedicata a Sam Peckinpah.

Nel concorso internazionale che assegnerà il Pardo d’oro ci sono 19 titoli, tra i quali l’italiano “Bella e perduta” di Pietro Marcello. Fa la gioia dei cinefili il ritorno alla regia, dopo 15 anni, del polacco Andrei Zulawski (“Le mie notti sono più belle dei vostri giorni” e “Possession”) con “Cosmos”. Spicca poi “Chant d’hiver” del georgiano Otar Iosseliani che un anno fa ricevette il premio alla carriera.

Ancora corrono per il Pardo “Brat Dejan - Brother Dejan” di Bakur Bakuradze, coproduzione Russia / Serbia con Marko Nikolić e Miša Tirinda. In concorso anche “Chevalier” della greca Athina Rachel Tsangari (premiata alla Mostra di Venezia con “Attenberg”) con Yorgos Kentros, Panos Koronis, Vangelis Mourikis, Makis Papadimitriou, Yorgos Pirpassopoulos e Sakis Rouvas.

Sempre in chiave greca, c’è da segnalare l’uscita a fine mese nelle sale italiane del film “A Blast” di Syllas Tzoumerkas che fu proprio in competizione a Locarno nel 2014

Il concorso Cineasti del presente, dedicato alle opere prime e seconde, presenta due film che hanno a che fare con la Bosnia Erzegovina. “Moj brate – Mio fratello” è il film di debutto di Nazareno Manuel Nicoletti ed è prodotto dal Centro sperimentale di cinematografia in collaborazione con Canada e Bosnia. Il cast è composto da Stefano Gabrini, Marco Musacchio, Hamica Nametak, Karen Tomashavsky, William Anselmi, Vincenzo Maselli e Deb Joly.

Di produzione canadese è “The Waiting Room” di Igor Drljača, di origine bosniaca. Si tratta del secondo film del regista nato a Sarajevo ed emigrato in Canada con la famiglia nel ’93 e noto per l’esordio “Krivina”. Nel cast Jasmin Geljo, Masa Lizdek, Filip Geljo, Cynthia Ashperger e Ma-Anne Dionisio.

Fuori concorso c’è poi il documentario russo – ucraino “Kiev / Moscow. Part 1” di Elena Khoreva.

Cortometraggi

Nel concorso cortometraggi “Pardi di domani” figurano ben cinque lavori da Balcani e Caucaso. Arriva dalla Bulgaria “Zeus” di Pavel Vesnakov, poi ci sono “Km 73” del romeno Radu Ghelbereu, il serbo-messicano “Las cuatro esquinas del circulo” di Katarina Stanković. “Mama” del georgiano Davit Pirtskhalava e “Yellow Fieber” della greca Konstantina Kotzamani. A giudicarli anche il regista macedone Milcho Manchevski (del quale sarà mostrato “Majki – Mothers” del 2010) e l’italiana Laura Bispuri (che ha recentemente presentato “Vergine giurata” al Festival di Berlino).

Un Pardo alla carriera andrà, oltre a Marco Bellocchio e Michael Cimino, al cineasta russo Marlen Khutsiev. Per l’occasione saranno mostrati sei suoi lungometraggi di epoca sovietica: “Beskonečnost’ – Infinitas” (1992), “Byl mesjaz maj - It Was the Month of  May” (1970), “Dva Fjodora - Two Fyodor” (1958), “Ijul’skij dožd’ - July Rain” (1966), “Posleslovie – Afterword” (1984), “Zastava Il’iča - Bastione Il’ich” (1965).

In aggiunta a questi sarà presentato il documentario “Khutsiev. Motor idjot! - Khutsiev. Action starts!” (2015) di Peter Shepotinnik.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by