Pancevo, città a nord di Belgrado, fortemente industrializzata ed inoltre vittima di pesanti bombardamenti durante gli scontri con la NATO. La ricerca di Paola Fabbri ne analizza la situazione ambientale.

16/01/2002 -  Anonymous User

Il rapporto che qui pubblichiamo è stato redatto da Paola Fabbri, del Master in Diritti Umani e Intervento Umanitario dell'Università degli Studi di Bologna. La sua realizzazione è avvenuta nel contesto del progetto Città-Città, coordinato in Repubblica Federale Jugoslava dall' UNOPS ed in collaborazione con l'associazione GRUPA Pancevo e l'ufficio ICS di Belgrado.
Qui di seguito l'introduzione alla ricerca, poi scaricabile in pdf.

I soggetti di questo studio sono la situazione ambientale nella città di Pancevo in Serbia e gli strumenti a disposizione delle autorità locali e della popolazione per la protezione dell'ambiente. Pancevo è situata a sud della provincia autonoma di Vojvodina, sulla riva del fiume Tamish, vicino al Danubio, a circa 17 km da Belgrado, è una città fortemente industrializzata il cui complesso industriale comprende un'industria petrolchimica, una raffineria, un'industria di fertilizzanti, una fabbrica di aerei, industrie per la produzione del vetro, una fabbrica di birra.
La situazione della città di Pancevo è molto particolare a causa della presenza di lunga data di industrie fortemente inquinanti e dei danni causati dai bombardamenti alle stesse industrie. Durante i bombardamenti della Nato gli stabilimenti di Pancevo sono stati colpiti numerose volte causando fuoriuscite di materiali tossici e pericolosi che sono stati dispersi nell'ambiente.

Il complesso industriale di Pancevo è di proprietà pubblica, ed è considerato di grande importanza strategica. Le industrie non hanno nessun legame o obbligo nei confronti delle autorità locali tranne il pagamento della tassa per occupazione del suolo pubblico. Le industrie dipendono direttamente dal governo centrale, e l'unica autorità che può prendere provvedimenti in merito al loro funzionamento è il Dipartimento per l'Ambiente all'interno del Ministero della Salute.
Il comune di Pancevo e tutta la popolazione si trovano a affrontare una grave emergenza ambientale. Attraverso un esame dei fatti, dei dati e delle testimonianze raccolte è stata descritta la situazione attuale della città. Ho brevemente analizzato il quadro legislativo minimo di riferimento per capire quale è il contesto normativo e quali strumenti possono essere utilizzati dalla comunità locale per la protezione dell'ambiente. Ho poi verificato se fossero state intraprese azioni legali nei confronti delle industrie, e quali strumenti legali possono essere utilizzati dai privati così come dalle autorità locali.

Infine ho raccolto informazioni sulle azioni intraprese dalla società civile per la protezione dell'ambiente. Si è tentato inoltre di individuare le necessità principali in termini di priorità e di capire quale spazio esiste per nuove azioni che possono essere intraprese dalla società civile.

IL RAPPORTO: La situazione ambientale a Pancevo, ottobre 2001 (versione in pdf)


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!