Si avvicina la scadenza elettorale per i partititi macedoni e la campagna elettorale è decisamente accesa. Incidenti armati e reciproche accuse tra fazioni opposte.

12/09/2002 -  Anonymous User

Lunedì notte, verso le 20.45, una persona non ancora identificata ha gettato una bomba Molotov sul veicolo di Ljupco Palevski, un alto membro del maggior partito d'opposizione macedone, editore del settimanale Start, del quotidiano "Global". Si tratta del secondo incidente in due giorni, che coinvolge la proprietà di Palevski. Il giorno prima, un gruppo di assalitori ha sparato dei colpi d'arma da fuoco sulla tipografia dove viene stampato il quotidiano "Global", nel villaggio di Mala Recica, vicino a Tetovo. "Global" è l'ultima operazione inziata da Palevski e si tratta di un quotidiano bilingue. Palevski ha accusato il DPA e la VMRO degli attacchi e ha detto che "i perpetratori dovranno prendersi le loro responsabilità per queste azioni e, dopo la vittoria delle elezioni, verranno perseguiti".

L'atro incidente è avvenuto sempre lunedì, prima, durante e dopo i preparativi della manifestazione per la campagna elettorale della coalizione "Insieme per la Macedonia" di Prilep. All'inizio, un gruppo di giovani, che l'opposizione accusa di far parte del VMRO-DPMNE, ha bloccato la strada verso Prilep vicino al passo montano di Pletvar.
Il blocco è stato rimosso dalla polizia, ma altre azioni sono susseguite. Le circa 15.000 persone che hanno partecipato alla manifestazione sono state sottoposte a minacce verbali e insulti da parte dei 200 attivisti, ovviamente facenti parte della coalizione opposta, mentre colpi d'arma da fuoco sono stati sparati in aria durante tutto il corso della manifestazione.

In fine, più tardi nella stessa notte, mentre beveva un caffè con amici al noto bar di Prilep, Petar Goshev del LDP è stato attaccato da due assalitori. Fortunatamente, il suo dispositivo di sicurezza è riuscito a metterli in fuga.

L'opposizione, come atteso, ha accusato i partiti di governo di inscenare questi incidenti, mentre il portavoce del VMRO-DPMNE, Vlatko Gjorcev, ha detto alla stampa che "solo l'opposizione può beneficiarne, dal momento che sanno di perdere le elezioni". Gjorcev ha inoltre colto l'occasione per attaccare l'SDSM per aver rifiutato l'offerta avanzata dal VMRO-DPMNE di boicottare Ali Ahmeti e il suo UDI dopo le elezioni, a prescindere dai risultati.

Campagna elettorale in Macedonia: inizio spumeggiante

Governo Albanese: l'arresto di Ahmeti riporterebbe la Macedonia nel caos


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!