Il Premier Rexhepi

Il Premier Bajram Rexhepi, il Coordinatore inter-ministeriale per i ritorni Milorad Todorovic e Shawn Barber, rappresentante del Canada a Pristina, hanno visitato nei giorni scorsi le municipalità multietniche di Strpce e Ferizaj/Urosevac.

20/06/2003 -  Anonymous User

Tutti i quotidiani kossovari riportano della visita da parte del Premier kossovaro Bajram Rexhepi, del Coordinatore inter-ministeriale per i ritorni Milorad Todorovic e di Shawn Barber, rappresentante del Canada a Pristina, alle aree multietniche di Strpce e Ferizaj/Urosevac. Koha Ditore, quotidiano tra i più letti in Kossovo, ha riportato come sia evidente che il ritorno delle minoranze sia divenuta una delle preoccupazioni principali dell'UNMIK e dei rappresentanti internazionali a Pristina.
Koha Ditore riporta alcune dichiarazioni. "Strpce è senza dubbio un esempio di tolleranza e convivenza e progetti di questo tipo avranno sempre il mio supporto", ha dichiarato Rexhepi mentre Todorovic, rivolgendosi alla comunità albanese di Bablak ha affermato che "l'obiettivo è quello di portare il Kossovo verso l'Unione europea. Allora non vi sarà più spazio per odio ed intolleranza". Rexhepi ha inoltre chiesto ai suoi interlocutori di non occuparsi troppo di politica ma di prendere in mano il badile e di lavorare le proprie terre mentre Todorovic, in un'albanese fluente, ha ribadito che non si può pretendere che i serbi rientrino in altre zone del Kossovo se non si accetta il rientro degli albanesi nella municipalità di Strpce.
Rexhepi, senza fare nomi, ha inoltre dichiarato come spesso "i politici non facciano altro che rovinare quello che la gente normale ha già raggiunto". Ha inoltre continuato a ribadire la necessità di depoliticizzare la vita quotidiana: "Considerate le vostre vite e state lontani dalla politica. Di quella ci occupiamo noi, a volte bene, a volte male. Non dovete essere troppo politicizzati ma dovete considerare solo ciò che è nel vostro interesse. Ritornate alle vostre case e costruite le condizioni che possano garantire un futuro alle prossime generazioni".
Rexhepi, Todorovic, Barber ed il presidente della municipalità di Ferizaj, Adem Salihaj, hanno visitato i villaggi di Biti, Ulet, Eperme nella municipalità di Strpce e di Babak nella municipalità di Ferizaj dove, a breve, è in programma il rientro di 60 famiglie serbe.
"Il clima è positivo anche se le cose stanno andando al rilento ma vi sarà l'opportunità per ciascuno di rientrare nelle proprie case" ha affermato Rexhepi aggiungendo che "l'obiettivo di questa visita era quello di promuovere la coesistenza e la tolleranza tra le comunità del Kossovo. Questo è l'unico modo di garantire la sicurezza per tutti i cittadini ed un'autentica democratizzazione della società kossovara. Fin dall'inizio ho sostenuto la necessità della coesistenza, per questo ho accattato con piacere l'invito di Barber a visitare queste zone".
"Mi congratulo per la volontà dimostrata dalle istituzioni locali e dai cittadini di queste due municipalità nel dirigersi vero una convivenza tra comunità differenti. Questo va a vantaggio del Kossovo intero. Dev'essere compreso da tutti i cittadini kossovari, il prima possibile, perché i rientri delle minoranze sono una delle condizioni primarie che la comunità internazionale ha posto al Kossovo", ha concluso il Primo ministro kossovaro.
dal nostro corrispondente a Pristina


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!