Panorama di Volos - E.Krithari/OBCT

Panorama di Volos - E.Krithari/OBCT

A Volos, in Grecia centrale, si lotta per la qualità dell'aria, minacciata dagli inceneritori, e per la proprietà pubblica dell'acqua, ma anche e sopratttutto per un'amministrazione trasparente e democratica

16/07/2020 -  Elvira Krithari Volos

La città portuale di Volos, nella Grecia centrale, sorge tra le pendici del Monte Pelio, noto per i mitici Centauri dei tempi antichi, e la baia di Pagasitikos, che abbraccia le acque del Mar Egeo. Sarebbe un posto paradisiaco in cui vivere, non fosse per il degrado ambientale causato da una fabbrica di cemento che incenerisce rifiuti importati principalmente dall'Italia meridionale, situata ai margini della città con una popolazione di 150mila abitanti.

Al momento si parla di costruire un nuovo stabilimento per la produzione di combustibile solido secondario (CSS), che verrà utilizzato dalla fabbrica di cemento per generare energia. Gli abitanti del posto lottano da sempre contro questi piani, che vedono come un ulteriore deterioramento ambientale, nonostante il sostegno mostrato dalle autorità municipali al progetto.

Il governo locale è stato fortemente criticato per le proprie pratiche autoritarie, non solo da parte dei residenti della città, ma anche da una piccola comunità periferica che ritiene che sotto ci siano piani per la privatizzazione o l'uso commerciale delle acque montane. Un movimento in crescita mette in primo piano la lotta per l'aria e l'acqua, ma in gioco non c'è solo l'ambiente.

Aria cattiva a Volos

"Per essere pulita, la nostra città dovrebbe essere trasferita altrove, o le fabbriche devono andarsene", ha detto a OBCT il cardiologo Matthaios Dramitinos, membro dell'Associazione medica regionale che, come ogni altra associazione scientifica locale, si oppone alle fabbriche.

Secondo un rapporto di giugno del gruppo di ricerca del dipartimento di Ingegneria meccanica dell'Università della Tessaglia, a Volos è stata rilevata una maggiore presenza del pericoloso agente inquinante atmosferico PM2.5, che durante il periodo di monitoraggio di 12 mesi ha superato gli standard OMS del 200% e del 20,12% quelli previsti dalla normativa greca. Un recente studio di morbilità e mortalità condotto dalla facoltà di Medicina dell'Università della Tessaglia ha mostrato un aumento significativo dei casi di alcuni tipi di tumore e degli ictus a Volos e nella regione più ampia della Magnesia rispetto al resto della media greca, senza tuttavia chiarirne le cause.

Il cardiologo Matthaios Dramitinos, pittore per hobby, mostra il suo ultimo lavoro raffigurante l'inquinamento nella sua città

Il cardiologo Matthaios Dramitinos, pittore per hobby, mostra il suo ultimo lavoro raffigurante l'inquinamento a Volos

Lo stabilimento di Volos, di proprietà di LafargeHolcim, è tra i maggiori produttori di cemento in Europa, con una capacità di 4 milioni di tonnellate. Brucia rifiuti per il proprio fabbisogno energetico e, se il 30% dei rifiuti urbani dell'UE vengono attualmente bruciati, la pratica accende ancora il dibattito per le sue conseguenze ambientali. La fabbrica, che opera a soli 150 metri dalla periferia est di Volos, da decenni ha il permesso di bruciare anche 200mila tonnellate di CSS, vale a dire rifiuti che non possono essere riutilizzati o riciclati, e 60mila tonnellate di fanghi di depurazione, beneficiando anche del permesso del precedente governo SYRIZA di utilizzare il porto locale.

La composizione di questi rifiuti è spesso sconosciuta, quindi può essere dannosa per l'ambiente. "Anche se bruciasse acqua santa, la fabbrica continuerebbe a inquinare", afferma il cardiologo Dramitinos, sottolineando l'inadeguatezza della città stessa a ospitare la produzione industriale a causa della sua posizione e struttura, che intrappolano lo smog fotochimico.

I rifiuti vengono spediti a Volos principalmente dai porti del Sud Italia e della Spagna, e almeno una volta dal Marocco. Gli abitanti del posto hanno dichiarato a OBCT di non poter escludere la presenza di materiali pericolosi. Inoltre, la società che gestisce la fabbrica ha dichiarato in passato di non essere "in grado di determinare se i suddetti carburanti secondari (alternativi) provengano da rifiuti pericolosi o non pericolosi (...), poiché i dati pertinenti non sono stati pubblicati" (Gazzetta ufficiale, numero 1298 - 13/04/2017).

Questo è stato usato come argomento dalle autorità municipali quando sono stati introdotti i piani per costruire la fabbrica CSS: poiché i rifiuti importati dall'Italia sono di dubbia qualità, perché non usare la propria spazzatura come combustibile? Tuttavia, il nuovo stabilimento di Volos avrà una capacità di 50mila tonnellate e produrrà CSS per non più di 18mila tonnellate di rifiuti all'anno, mentre la fabbrica di cemento nelle immediate vicinanze è autorizzata a bruciare 200mila tonnellate all'anno.

"Volos si sta trasformando in una delle maggiori strutture di incenerimento nell'Europa meridionale", afferma Markos Vaxevanopoulos, geologo e membro dell'Assemblea contro l'incenerimento dei rifiuti . "Qui sono in gioco grandi profitti, perché le industrie del cemento ricevono finanziamenti pubblici per bruciare i cosiddetti carburanti alternativi".

La gente del posto sembra essere pronta a intensificare la lotta, chiedendo lo stop all'incenerimento dei rifiuti e il potenziamento di riciclaggio e riutilizzo. "Daranno 42 milioni di Euro per imballare i rifiuti (CSS) che saranno inviati alla fabbrica di cemento, invece di sostenere l'economia circolare o altre forme di gestione dei rifiuti. È evidente che le autorità locali sono al servizio dell'industria del cemento", conclude Vaxevanopoulos.

Le sorgenti naturali del monte Pelio

Slogan a Stagiates con la scritta "Acque libere"

Slogan a Stagiates con la scritta "Acque libere"

L'odore insopportabile di spazzatura bruciata che copre Volos, specialmente nelle ore del mattino, svanisce quando si sale verso il monte Pelio. Tra i paesaggi più belli della Grecia, la montagna è famosa per i suggestivi villaggi, la natura rigogliosa e l'acqua limpida delle sue sorgenti.

A dieci chilometri da Volos, nel piccolo villaggio di Stagiates, la popolazione è alle prese con piani di privatizzazione o uso commerciale delle proprie acque dagli anni '80. Quasi dieci anni fa, l'acqua del villaggio ha iniziato ad avere un sapore diverso. Senza informare i residenti, la compagnia municipale per l'approvvigionamento idrico e la rete fognaria ha iniziato a clorarla: una mossa vista dagli abitanti del villaggio come un modo per degradarne la qualità e dirottare il consumo sull'acqua in bottiglia.

Da sempre i cittadini sostengono che, da più di tre secoli, la piccola comunità si rifornisce alla stessa fonte senza conseguenze per la salute, soprattutto perché mantiene la rete di approvvigionamento in buone condizioni, spesso a proprie spese: “La puliamo ogni anno, tre volte l'anno. Per 11 anni [la compagnia idrica comunale] non si è mai presentata. Non sapevano nemmeno dove fosse effettivamente la nostra primavera ", ha detto a OBCT Vangelis Galanopoulos, uno dei 70 abitanti del villaggio e figura centrale della lotta per l'acqua.

Le fontane pubbliche dove gli abitanti prendono l'acqua, le uniche rimaste collegate alla sorgente del villaggio

Le fontane pubbliche dove gli abitanti prendono l'acqua, le uniche rimaste collegate alla sorgente del villaggio

A metà aprile, il Comune ha bloccato l'approvvigionamento idrico del villaggio dalla sorgente (la "fontana fredda", come viene chiamata), senza informare in anticipo la cittadinanza. "Rimane operativa solo la tubatura che alimenta le fontane pubbliche", spiega Galanopoulos. Le persone si radunano tutto il giorno attorno alle tre fontane pubbliche del villaggio, con contenitori di plastica e vetro per trasportare l'acqua nelle loro case, ora rifornite dalla sorgente clorata di un villaggio vicino. “Volevano farci smettere di parlare della nostra fonte. Il declassamento della qualità e del valore dell'acqua è il primo passo verso la sua privatizzazione”, afferma Galanopoulos, che racconta che la relazione degli abitanti del villaggio con la sorgente va oltre le esigenze di sopravvivenza.

Le fontane pubbliche nel villaggio sono rimaste quasi intatte per secoli. Le iscrizioni ottomane forniscono ai locali un legame tangibile con il loro passato, così come l'acqua incontaminata li connette ad un diverso modo di vivere. "Il nostro rapporto con l'acqua non è solo biologico, ma anche culturale", afferma Maria, residente del luogo.

Al momento, la piccola comunità è organizzata in un'assemblea locale e gestisce autonomamente la rete che porta l'acqua dalla sorgente. Uno dei passi successivi è stato quello di citare in giudizio il sindaco di Volos per le sue decisioni autoritarie, nonché le minacce e calunnie nei confronti della comunità del villaggio durante una recente conferenza stampa alla quale OBCT ha partecipato.

“La nostra passione nel difendere la nostra acqua non è vendicativa. La nostra passione deriva dalla necessità di combattere e proteggere la vita quotidiana che scegliamo di avere”, sottolinea Maria.

Uniti contro l'autoritarismo

La conferenza stampa del 19 giugno presso il municipio di Volos, tenuta dal sindaco Achilleas Mpeos, ha visto la folta presenza dei suoi sostenitori, pronti ad applaudire regolarmente le sue battute sessiste e offensive, o la foga con cui ha annunciato che la fabbrica di CSS sarà costruita e gli abitanti del piccolo villaggio "distrutti".

Mpeos è stato eletto per la seconda volta a Volos a maggio 2019, con il 57% dei voti e un programma leggermente diverso: il suo consiglio comunale in precedenza aveva sostenuto lo stop alla fabbrica di cemento. Prima di diventare sindaco, Mpeos si è occupato di sport ed è stato accusato di aver creato un'organizzazione criminale che truccava partite di calcio. Per questo ha passato un anno in carcere e il procedimento rimane aperto.

Avendo passato gran parte della conferenza stampa a urlare, Mpeos non è riuscito a fornire argomenti adeguati a sostegno della propria decisione, nonostante affermi di averlo fatto. Ad un certo punto, ha persino letto la parte introduttiva della Direttiva Europea 2018/850 , dando a intendere che il documento giustificherebbe i suoi piani.

Pur facendo regolarmente notizia sui media greci per il suo atteggiamento autoritario e offensivo, Mpeos rimane il sindaco di Volos legalmente eletto. Pertanto, i movimenti sociali della regione per la protezione dell'ambiente sono fortemente correlati alla lotta per istituzioni locali più trasparenti, inclusive e democratiche e all'imperativo bisogno di tenere sotto controllo coloro che sono al potere.

 

 

Foto E.Krithari/OBCT


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!

I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by