Ferhat Tunç è uno dei rappresentati più in voga della canzone di protesta curda. In Turchia le sue canzoni e la sua musica non di rado hanno subito la censura

01/12/2016 -  Gianluca Grossi

"Find me in June, Mother" è un brano struggente, col quale si apre l'ultimo lavoro di Ferhat Tunç. Chitarra elettrica in primo piano, tonalità minore, e una melodia che trascina. A seguire è l'altrettanto convincente "Kobani", con echi pop e il pianoforte in evidenza. Dopo un anno dal valido Sevmek Bir Eylemdir, Tunc torna con un nuovo lavoro, maturo e confezionato senza lasciare nulla al caso. Anche la copertina; all'interno i testi in inglese e in lingua originale. Dodici canzoni, di cui una, "River Ermirghan", cantata con Mari Boine, cantante norvegese appartenente alla popolazione Sami.

Ma chi è Ferhat Tunç? E' uno dei rappresentati più in voga della canzone di protesta curda, prodotto dalla prestigiosa etichetta norvegese Kirkelig Kulturverksted, attiva dal 1974. Nasce nel 1964 a Ovacik, città della Turchia orientale, dove a detta dei suoi abitanti "le montagne, le rocce e il cielo sono vivi". Nella storica regione del Dersin, punto di incontro fra aleviti, sunniti e cristiani trascorre la giovinezza. Filtrando le tante storie che la circondano, spesso legate a esili, oppressioni e massacri. Fin da piccino si avvicina alla musica. La mattina va a scuola e il pomeriggio lo dedica allo studio del baglama. E riflette sulla possibilità di dedicare la sua vita alla musica.

Raggiunge la Germania nel 1980, ma fa fatica a dimenticare la sua patria e i nonni con cui è cresciuto. Incontra Darnel Sumeri, un musicista americano che lo introduce ad altri generi, fra cui il reggae. Dalle canzoni intrise di tristezza e di malinconici rimandi al paese natio, tenta nuove strade nel campo della sperimentazione.

Propone alcuni concerti in Europa. Nel 1982 esce il suo primo disco: Kizilirmak. Ma è con il successivo Bu Bu Yurek Sevda Var Iken che il suo nome comincia seriamente a circolare. Non è un caso. Con le canzoni in esso contenute, infatti, affronta apertamente il regime, all'indomani del 12 settembre 1980: il terzo colpo di stato nella storia della Repubblica e critica l'attività della giunta guidata dal generale Kenan Evren, capo di stato maggiore delle Forze armate turche dal 1978.

Nel 1986 pubblica Vurgunum Hasretine. L'album è accolto calorosamente da pubblico e critica e da questo momento Tunç diviene la voce dell'opposizione anatolica. Prosegue l'attività live. E anche senza volerlo fa spesso rumore. Le cose precipitano dopo pochi mesi dall'uscita della nuova raccolta di canzoni: Tunç viene ufficialmente accusato di "separatismo" e subisce una settimana di interrogatori e torture: "I miei concerti erano banditi, così i miei dischi", rivela l'artista, "circostanza che ancora oggi gestisco con difficoltà, fra una censura e l'altra".

Nel 1992 è in prima linea per le celebrazioni del capodanno curdo, il Newroz, che si festeggia ogni 21 marzo. Ogni appuntamento è un rischio. E quell'anno gli scontri con la polizia provocano la morte di settanta persone. Gli è vietato l'ingresso nella città natia. Nel 2003 è di nuovo arrestato, dopo un concerto a Milas e passa otto giorni dietro le sbarre. Ma il suo spirito è indomito. 

L'11 luglio 2005 Ferhat Tunç e un'associazione per i diritti umani lottano assieme per salvare il soldato Coskun Krandi, catturato dagli uomini del PKK. E il 3 marzo 2009 è invitato in Svezia, a Stoccolma, dove parla a una conferenza sulla musica censurata e suona al Music Freedom Day; nello stesso anno è negli Stati Uniti per parlare agli studenti della Duke University, a proposito di diritti umani e censura musicale. Nel 2010 vince il World Free Music Award

Ferhat è ancora oggi l'anima dei dissidenti e i ventidue album che ha dato alle stampe sono il riepilogo ideale delle sue idee e del suo desiderio di libertà; parabola artistica e umana perfettamente sintetizzata nell'ultimo lavoro appena uscito e disponibile gratuitamente anche su Spotify. La canzone da non dimenticare: "They shot us". 


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!

I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by