Aida Begić - dal web

La 33ma edizione del Bergamo Film Meeting dedica un omaggio alla regista bosniaca. Verranno proiettati tutti i suoi lavori, in molti dei quali emergono ragazze determinate, che non hanno paura di prendere posizioni difficili

06/03/2015 -  Nicola Falcinella

È la personale della regista bosniaca Aida Begić l’elemento di maggior interesse, in chiave di Europa del sud-est, della 33° edizione del Bergamo Film Meeting che si apre nella città orobica sabato 7 marzo fino a domenica 15.

L’omaggio rientra nella sezione “Europa: femminile, singolare” con focus su quattro registe donne europee. Il nome più conosciuto è quello dell’inglese Andrea Arnold, autrice di “Red Road” (2006), “Fish Tank” (2009) e “Cime tempestose” (2011). Una regista sempre in concorso a Cannes e Venezia, autrice con il suo ultimo film di una rilettura originale e potente di un classico. Poi l’ungherese Agnes Kocsis (“Fresh Air” del 2006 e “Pal Adrienn” del 2010) e la portoghese Teresa Villaverde (“Tre fratelli”, “I mutanti”, “Acqua e sale” e “Transe”). Quest’ultima, come la stessa Begić, è tra i 13 registi che hanno partecipato lo scorso anno al collettivo “I ponti di Sarajevo” che sarà presentato a Bergamo.

Della Begić saranno proiettati tutti i lavori realizzati finora. I due cortometraggi di inizio carriera “First Death Experience” (2001) e “Sjever je poludio - North Went Mad” (2004), e i due lungometraggi, “Snijeg – Neve” (2008) e “Djeca - Buon anno Sarajevo” (2012), tutti presentati e premiati a Cannes. Ancora l’episodio “Album” facente parte del progetto per il centenario dello scoppio della Prima guerra mondiale e “Otel(o)” realizzato per l’omnibus “Do Not Forget Me Istanbul” (2011), una sua opera non legata alle vicende di Sarajevo e della Bosnia.

La regista, classe 1976, è una delle interpreti più originali e lucide del dopoguerra del suo paese, una delle autrici di punta del nuovo cinema bosniaco emerso negli anni 2000 e che ha come capofila Danis Tanović.

Bergamo Film Meeting

Begić ha dato voce alle periferie e ai villaggi, raccontando la vita di chi resta e i sogni di futuro dei giovani. Da un realismo che sconfina nel surreale dei primi corti, la regista è passata a un realismo poetico e poi un realismo più duro, diretto e, in un certo senso arrabbiato.

La Rahima di “Djeca - Buon anno Sarajevo” è una giovane donna (velata come Alma, protagonista di “Snijeg”) orfana che rinuncia a tutto per il bene del fratello più piccolo. Una regista delle ragazze determinate, che non hanno paura di prendere posizioni difficili o impopolari (nel primo lungometraggio le donne di un villaggio isolato devono decidere se vendere tutto e andarsene o restare a lavorare la campagna e mantenere il legame con la terra dei loro avi), che non si chiudono nella scelta del velo ma ne traggono forza. Un Islam che si potrebbe dire identitario e non fanatico e mai estremista. Una visione della Bosnia complementare a quella della collega e quasi coetanea Jasmila Zbanić, non meno decisa nel denunciare ciò che non va nel suo paese, la giustizia non fatta e le prospettive che non ci sono.

Nel concorso internazionale del Bfm, tra sette film che saranno votati dal pubblico, c’è invece il turco “Neden Tarkovski olamiyorum… - Why Can’t I Be Tarkovsky?” di Murat Düzgünoglu, documentarista all’opera prima di finzione. Una commedia brillante e malinconica su un regista trentacinquenne costretto a girare film televisivi per sopravvivere. Il ritratto di un perdente, tra sogni ambiziosi e i quotidiani scontri con la realtà che producono effetti tragicomici. In parte greco per via della coproduzione è l’interessante lettone “Modris” di Juris Kursietis, romanzo di formazione su un diciassettenne dipendente dal gioco d’azzardo e alla ricerca di un padre che non ha mai conosciuto.

Tra i documentari della sezione “Visti da vicino” c’è “Waiting for August – Aspettando agosto”, produzione belga della romena Teodora Ana Mihai.

Completano il ricco programma della manifestazione la retrospettiva “Il polar. Nascita e formazione di un genere”, la sezione “Dopo la prova: schermi e palcoscenico” sui film che hanno a che fare con il teatro, la personale dell’animatore ceco Pavel Koutsky. Oltre all’immancabile Fantamaratona e al Kino Club per i piccoli spettatori. 


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by