Nell'ambito del progetto promosso insieme alla Fondazione Circolo Fratelli Rosselli con il contributo del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI), Osservatorio Balcani e Caucaso ha realizzato la ricerca L'Allargamento inevitabile? Bosnia Erzergovina e Kosovo verso l'integrazione nell'UE  
Lo studio svolto da OBC ha inteso fornire un quadro aggiornato e suggerire elementi d'analisi sulle concrete prospettive per la normalizzazione tra Serbia e Kosovo, ancora suscettibile di potenziali momenti di frizione e non esente dal rischio di passi indietro rispetto al percorso intrapreso, e per un nuovo assetto costituzionale della Bosnia Erzegovina, recentemente attraversata dal maggiore movimento di protesta sociale dalla fine della guerra in cui migliaia di cittadini puntano il dito contro un sistema politico giudicato responsabile delle divisioni, del disagio e della disoccupazione del paese. 

Report ““L'allargamento inevitabile? Bosnia Erzegovina e Kosovo verso l'integrazione nell'UE"”

Il report è suddiviso in tre sezioni curate dalla direttrice scientifica Luisa Chiodi e dai giornalisti esperti di area Andrea Oskari Rossini e Francesco Martino.

LUISA CHIODI "L'Allargamento inevitabile? Un processo da compiere tra fatiche e novità politiche"

ANDREA OSKARI ROSSINI, "La Bosnia Erzegovina"

FRANCESCO MARTINO, "Il Kosovo"

Scarica il report in formato pdf
I paper di OBC e gli atti del convegno saranno pubblicati nei Quaderni del Circolo Rosselli QCR, rivista quadrimestrale diretta da Valdo Spini e stampata da Pacini Editore

credits

 

Il progetto di ricerca L'Italia e i Balcani tra interessi nazionali e leadership europea: il ruolo italiano nel processo di allargamento comunitario all'area balcanica è promosso da Osservatorio Balcani e Caucaso e Fondazione Circolo Fratelli Rosselli con il co-finanziamento dell’Unità Analisi, Programmazione e Documentazione Storico Diplomatica (UAP) del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) nel quadro della Legge 948/82, ex Art. 2

 

 

 

Convegno di Firenze

L'Italia e i Balcani tra interessi nazionali e leadership europea

Convegno co-promosso da Fondazione Circolo Fratelli Rosselli e Osservatorio Balcani Caucaso con il patrocinio dal Centro d’Eccellenza Jean Monnet dell’Università di Firenze, il convegno ha approfondito il ruolo italiano nel processo di allargamento comunitario all'area balcanica. Al dibattito hanno contribuito rappresentanti del MAECI, esperti di OBC e ricercatori di diversi atenei italiani e stranieri. 
Firenze, 16 ottobre 2014 

Notizie e approfondimenti dalle nostre sezioni

Bosnia Erzegovina

Il Gay Pride di Sarajevo, un momento di svolta

È ovvio che un Gay Pride non può risolvere tutti i problemi che affliggono Sarajevo e l’intera Bosnia Erzegovina. Ma i suoi cittadini ne avevano bisogno. Ed era il momento giusto, il momento di andare avanti

Zecovi, alla ricerca di giustizia

Il 25 luglio 1992 nel villaggio di Zecovi, situato a pochi chilometri da Prijedor e abitato da bosgnacchi, vengono uccisi 150 civili. Tra di loro 29 familiari di Fikret Bačić, tornato in Bosnia a fine guerra per cercarne i corpi e portare i responsabili a processo. Nel giorno della commemorazione dell'eccidio, abbiamo raccolto la sua testimonianza

Pride: l'orgoglio di Sarajevo

Partecipazione numerosa, nessun incidente, manifestanti visibilmente commossi. E dal palco si dedica il primo Pride di Sarajevo a tutti gli oppressi della Bosnia Erzegovina

Kosovo

Kosovo 2.0: uscire dal ghetto

Uno spazio aperto al cambiamento, che promuove un dibattito il più possibile inclusivo. E' questo la rivista on-line kosovara Kosovo 2.0. Un incontro con il collettivo che la promuove

Kosovo: a Goraždevac albanesi e serbi uniti contro i rifiuti tossici

Un'azienda privata ha iniziato a stoccare rifiuti tossici in un deposito tra l'enclave serba di Goraždevac e il vicino villaggio albanese di Poçeshqe. E le due comunità hanno iniziato a protestare assieme in nome dell'ambiente e del futuro dei loro figli

Pristina: l'edilizia sociale e il mercato del mattone

A Pristina, capitale del Kosovo, si costruisce tanto. Ma sono quasi tutti appartamenti di lusso e per molti trovare un alloggio resta difficile

Unione europea

Allargamento UE: l’Ungheria a braccetto con la Serbia

L'ungherese László Trócsányi è possibile divenga il prossimo Commissario europeo per l'allargamento proprio quando le relazioni tra Ungheria e Serbia sono ottime. Una vicinanza che nasconde grandi e piccoli interessi

Romania: la tortuosa strada verso le presidenziali

È crisi politica in Romania e nelle prossimi settimane l'esecutivo a guida socialdemocratica, ormai privo della maggioranza, rischia la sfiducia in parlamento. I politici romeni intanto si preparano per la tornata delle presidenziali prevista per inizio novembre

Le autorità locali e il riscaldamento climatico

In gran parte d'Europa il 2018 è stato l’anno più caldo dal 1900 a oggi, e nel 2019 potrebbe andare ancora peggio. Ma qual è la risposta che le autorità locali stanno dando alla crisi climatica? Un'inchiesta dello European Data Journalism Network