Continuano ad aumentare i partner dell'Osservatorio. Nei giorni scorsi firmato un protocollo d'intesa con il Consorzio Pluriverso.

05/08/2002 -  Anonymous User

Lo scorso 8 luglio Osservatorio sui Balcani e Consorzio Pluriverso hanno firmato un protocollo d'intesa. Hanno così dato seguito ad una collaborazione già nata in passato e che ha visto, tra le altre cose, la realizzazione di un incontro di lavoro-conferenza a Civitas 2002, lo scorso maggio, incentrato sul tema dello sviluppo sostenibile nei Balcani.
Ma chi è il consorzio Pluriverso? E' promosso da cooperative sociali, ONG e associazioni che operano in Trentino Alto Adige, Veneto ed Emilia Romagna. Il suo obiettivo è quello di realizzare interventi di cooperazione economica e cooperazione decentrata per costruire nuove forme di economia sociale e sviluppo sostenibile. Il Consorzio è mosso da una filosofia d'intervento che combina i valori tradizionali del mondo delle cooperative e del volontariato con l'esigenza di studiare un modello efficace di sviluppo sostenibile nei Paesi del Sud del mondo. Opera nei paesi dell'Area Balcanica, dell'America Latina e dell'Africa Occidentale, promovendo e gestendo iniziative imprenditoriali di sviluppo economico ispirate a principi tutela sociale e ambientale, programmi di turismo responsabile, interventi di cooperazione decentrata per municipalità italiane, azioni di cooperazione economica in partnership e per conto di organismi internazionali.
Sono molti gli elementi comuni ai due progetti quindi, non esclusivamente limitati alla corrispondenza di alcune aree geografiche di intervento.
Consorzio Pluriverso e Osservatorio sui Balcani si prefiggono con questo protocollo d'intesa di collaborare in modo stretto e continuativo nell'approfondimento, ricerca ed analisi dei processi in corso nel contesto balcanico e internazionale, in particolare sull'azione di cooperazione delle istituzioni, degli enti locali e regionali e delle strutture di società civile italiane ed europee, a beneficio di interventi più efficaci, sostenibili e partecipati; nel rafforzamento e messa in rete dei luoghi preposti alla formazione degli amministratori e operatori impegnati in progetti di cooperazione con l'area balcanica, sia per quanto attiene la formazione storico-politica e culturale più generale che all'addestramento specifico alle modalità progettuali o ai compiti della missione; infine nella definizione e miglioramento degli strumenti operativi impiegati per intervenire con progetti di cooperazione e di diplomazia popolare nei Balcani, e creazione di reti per lo scambio di esperienze, competenze e valutazioni sugli interventi stessi.
Vai agli altri Partner


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!