In occasione del World Environment Day, il governo croato ha firmato unaccordo per l'istituzione di un parco nella foresta Velebit.
L'area si estende per 200,000 ettari e ospita foreste ancestraliminacciate da incendi, inquinamento dell'aria, e, potenzialmente, dal turismo di massa nonchè dalla costruzione di strade. Le antiche foreste di Velebit sono essenziali per assicurare abbondanti risorse di acqua.
Inoltre ospitano lupi, linci e orsi bruni. Si possono trovare oltre2,700 specie di piante,gran parte delle quali endemiche (cioè esistenti solo in quel luogo).Il WWF chiede a tutti i paesi mediterranei di seguire l'esempio della Croazia. Oggi rimane solo il 17% delle originarie foreste mediterranee.L'accordo prevede anche l'istituzione di un altra area di foresta entro
5 anni.Il WWF mira a sviluppare un progetto per lo sviluppo sostenibile dell'area, in modo che le popolazioni locali ne traggano benefici economici. (fabiocchi@infinito.it)

14/06/2001 -  Anonymous User

In occasione del World Environment Day, il governo croato ha firmato unaccordo per l'istituzione di un parco nella foresta Velebit.
L'area si estende per 200,000 ettari e ospita foreste ancestraliminacciate da incendi, inquinamento dell'aria, e, potenzialmente, dal turismo di massa nonchè dalla costruzione di strade. Le antiche foreste di Velebit sono essenziali per assicurare abbondanti risorse di acqua.
Inoltre ospitano lupi, linci e orsi bruni. Si possono trovare oltre2,700 specie di piante,gran parte delle quali endemiche (cioè esistenti solo in quel luogo).Il WWF chiede a tutti i paesi mediterranei di seguire l'esempio della Croazia. Oggi rimane solo il 17% delle originarie foreste mediterranee.L'accordo prevede anche l'istituzione di un altra area di foresta entro
5 anni.Il WWF mira a sviluppare un progetto per lo sviluppo sostenibile dell'area, in modo che le popolazioni locali ne traggano benefici economici. (fabiocchi@infinito.it)


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!