Gli Usa sondano disponibilità ed il Governo bulgaro afferma che non si tirerà indietro. "Agiremo quali alleati 'de facto' dell'Alleanza altlantica" chiarisce il Ministro degli esteri Solomon Passy.

02/12/2002 -  Anonymous User

Le autorità bulgare hanno risposto positivamente alla richiesta USA in merito ad un possibile coinvolgimento del Paese in una coalizione di Stati disponibili a "disarmare l'Iraq". Lo riporta il periodico "Monitor", citando il Ministro per la difesa Nikolai Svinarov.
"Nel caso si arrivasse ad un conflitto aperto verranno mandati in Iraq solo i volontari" ha chiarito il generale Nikola Kolev "in modo teorico le truppe utilizzate potrebbero andare da un'unità a 53.000 uomini". Monitor sottolinea come il Presidente Paravanov sembra non approvare in toto questa linea adottata dal Governo.
"La posizione della Bulgaria in merito a questa vicenda è stata definita da un voto parlamentare avvenuto nel settembre 2001 nel quale si afferma che il Paese agirà come alleato de facto della NATO e degli Stati Uniti nella lotta al terrorismo internazionale" ha reso noto a scanso di equivoci il Ministro degli esteri Solomon Passy, tra i più grandi sostenitori dell'entrata della Bulgaria nell'Alleanza atlantica. Una sua intervista è stata pubblicata sul quotidiano "24 Chassa" (27.11.02).
Secondo "Monitor" gli Usa avrebbero insistito perché questi primi contatti rimangano confidenziali. Il periodico cita inoltre il vice-Ministro degli esteri Ivanov che avrebbe chiarito come le consultazioni con la controparte statunitense si sarebbero tenute esclusivamente oralmente e che qualsiasi contributo della Bulgaria in una possibile guerra contro l'Iraq dovrà passare da una mozione del Governo e da un voto in Parlamento.


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!