Un libro a cura di William Bonapace e Maria Perino con interventi di Rada Ivekovic, Michele Nardelli, Svetlana Broz, Andrea Rossini, Camillo Boano e Guido Franzinetti. Lo pubblica, in collaborazione con Osservatorio, l'Istituto per la Storia della Resistenza della Provincia di Asti. Le modalità per riceverlo

27/06/2005 - 

Il testo qui presentato in occasione del decennale dell'eccidio di Srebrenica è una raccolta di una serie di riflessioni nate e discusse all'interno di diverse realtà che da anni a vario titolo lavorano nei e sui Balcani. Tra queste, l'Osservatorio sui Balcani e l'Agenzia di Democrazia Locale di Zavidovici, coproduttrici del presente volume, ne sono tra le più significative espressioni.

L'Istituto per la Storia della Resistenza della provincia di Asti ha accolto il progetto di realizzare quest'opera riconoscendo, nell'attuale panorama di costruzione dell'Europa, la centralità simbolica e politica dei conflitti balcanici degli anni novanta, in cui temi come pace e guerra, stato e nazione, diritti e cittadinanza, ritornando ad essere questioni essenziali della contemporaneità, hanno avuto in quel contesto una dimensione fondamentale.

Srebrenica, con la sua tragedia, sintetizza in modo estremo questi processi ed esprime nella forma più radicale l'implosione di categorie e di strutture della modernità e l'esaurimento di quelle brevi speranze che la caduta dei regimi dell'Europa orientale avevano portato con sé. A Srebrenica, all'interno dei tentativi di ridefinire le relazioni internazionali e le diverse logiche di potenza, sono emerse le drammatiche contraddizioni dell'intervento umanitario, la profonda inadeguatezza delle Nazioni unite, la real politik degli stati e le tragiche conseguenze delle politiche identitarie.

Gli interventi che compongono il libro intendono problematizzare questi aspetti da prospettive disciplinari diverse e con sensibilità segnate da esperienze differenti, sia personali che collettive.

In questo senso il presente volume non vuole essere un ennesimo racconto delle vicende del massacro e neanche un libro di denuncia, bensì un'opera di riflessione storico politica su diversi aspetti che il conflitto ha fatto emergere con particolare virulenza ma che riguardano il nostro vivere la contemporaneità e i suoi complessi
dilemmi.

Il primo capitolo, partendo dalla voce di alcuni testimoni sopravvissuti all'eccidio di Srebrenica, colloca i fatti in un quadro generale in cui vengono messi a fuoco i principali nodi che hanno segnato gli anni della guerra. Il saggio di Rada Ivekovic sviluppa un'analisi filosofica delle categorie di comunità e soggetto che sottostanno al conflitto e alle forme della violenza; tutto ciò attraverso una prospettiva teorica grazie a cui indagare le radici del pensiero occidentale. Nel terzo capitolo Guido Franzinetti assume invece il punto di vista storico problematizzando la nozione di nuove guerre con la quale si è soliti interpretare i conflitti contemporanei nell'area balcanica, mettendone a fuoco la continuità con le altre guerre del secolo XX.

Di fronte ai crimini che venivano compiuti, spesso in assenza di efficaci interventi di tutela delle popolazioni da parte delle Nazioni Unite, la Comunità Internazionale decise di istituire un tribunale penale internazionale. La sua azione e i suoi esiti sono elemento di discussione sia giuridico che politico da parte di Andrea Rossini nell'ampio testo di cui sono composti il quarto capitolo e il quinto capitolo.

Negli ultimi anni sono inoltre emerse l'insufficienza di una giustizia puramente penale e la difficoltà di ricomporre una società lacerata da tanta violenza. Michele Nardelli nel quinto capitolo approfondisce questi argomenti attraverso le categorie dell'abitare ed elaborare il conflitto, aprendo nuovi scenari anche per le azioni e il senso della cooperazione internazionale. La ricostruzione è a questo proposito un ambito fondamentale di intervento. Camillo Boano nel sesto capitolo ripercorre l'esperienza bosniaca, emblematica della complessità del "ritorno".

Svetlana Broz infine, partendo dalla sua esperienza, descrive il tragico contesto politico del paese dominato dai nazionalismi, accompagnato da una serie di intense testimonianze di soldati e di civili che nel cuore del conflitto, con rischi a volte estremi, hanno rifiutato la logica della divisione e dell'odio. Una speranza e la fiducia che il mondo con tutte le sue brutture e tragedie possa e debba essere diverso.

Srebrenica, fine secolo - Nazionalismi, intervento internazionale, società civile
A cura di William Bonapace e Maria Perino
ISRAT, Ass. ADL a Zavidovici, Osservatorio sui Balcani
Edizioni Joker, 2005, 189 pag, 15 euro
Indice

PREMESSA, 7

LA FINE DELL'INNOCENZA, 9
di William Bonapace e Maria Perino

A PROPOSITO DEL PARADIGMA BOSNIACO, 39
di Rada Ivekovic

I CONFLITTI BALCANICI E LE "NUOVE GUERRE", 63
di Guido Franzinetti

IL TRIBUNALE INTERNAZIONALE DELL'AJA
PER LA EX JUGOSLAVIA, 75
di Andrea Rossini

SETTE GIORNI D'ESTATE, 89
di Andrea Rossini

OLTRE IL CONFLITTO. FORME E PRATICHE DI RICOMPOSIZIONE SOCIALE, 143
di Michele Nardelli

RITORNI. PROCESSI SIMBOLICI E MATERIALI PER UNA RICOSTRUZIONE SOSTENIBILE, 161
di Camillo Boano

PARTITE DI CALCIO, 181
di Svletana Broz

GLI AUTORI, 189

PER RICEVERLO:

Inviare una email di richiesta asegreteria@osservatoriobalcani.org, specificando il n. dei volumi richiesti e l'indirizzo a cui devono essere spediti.
Occorre inoltre indicare nella medesima email le modalità di invio:
a) piego di libri contrassegno postale >> 22,00 euro/cad
b) piego di libri raccomandata >> 20,00 euro/cad
c) piego di libri ordinario >> 17,00 euro/cad

Nel caso si scelga la modalità "contrassegno postale", si pagherà direttamente al postino al momento del ricevimento del libro.
Nel caso si scelga la modalità "piego di libri", il pagamento dovrà essere anticipato a mezzo bonifico bancario e dovrà essere inoltre spedita via email o fax (0464 424299) la distinta di avvenuto pagamento.

Le coordinate bancarie dell'OB sono:
EUROBANCA DEL TRENTINO
Sede di Rovereto
Corso Bettini 51/bis - 38068 Rovereto
c/c 01/03/00024
ABI 03190
CAB 20800
CIN T
IBAN IT45 T 03190 20800 000010300024

Intestato a:
Fondazione Opera Campana dei Caduti / Osservatorio sui Balcani
Piazza San Marco 7
38068 ROVERETO (TN)

Causale:
N. ... volumi "SREBRENICA, FINE SECOLO"


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!