Tuzla (foto 50.000 Za Bolje Sutra)

Tuzla (foto 50.000 Za Bolje Sutra )

I cittadini di Tuzla, luogo da dove sono partire le proteste e che in questi giorni sembrano i meglio organizzati, hanno reso pubblico un proclama con le richieste per i governanti. Riceviamo e volentieri pubblichiamo la versione italiana del documento

10/02/2014 -  50.000 Za Bolje Sutra Tuzla

7 febbraio 2014. Oggi a Tuzla si crea un nuovo futuro! Il governo [cantonale] ha dato le dimissioni, col che è soddisfatta la prima richiesta dei dimostranti e si sono create le condizioni per risolvere i problemi esistenti. La rabbia e la collera accumulate sono la causa dei comportamenti violenti. L'atteggiamento delle autorità ha fatto sì che rabbia e frustrazione subissero un’escalation.

Ora, in questa nuova situazione, vogliamo che rabbia e collera si indirizzino verso la costruzione di un sistema di potere produttivo e utile. Ci appelliamo a tutti i cittadini perché appoggino la realizzazione delle seguenti richieste:

  1. Mantenimento dell'ordine pubblico grazie alla collaborazione fra cittadini, polizia e protezione civile, così da evitare qualsiasi criminalizzazione, politicizzazione e qualsiasi manipolazione delle proteste.
  2. Costituzione di un governo tecnico, composto da membri esperti, apartitici e non compromessi, che non abbiano finora ricoperto nessun mandato a qualsiasi livello di potere, che guidi il Cantone di Tuzla fino alle elezioni del 2014 [ottobre]. Questo governo avrà l'obbligo di sottomettere settimanalmente il suo piano di lavoro e una relazione sul lavoro svolto, e di realizzare gli scopi assegnati. Il lavoro del governo è seguito da tutti i cittadini interessati.
  3. Soluzione, per via urgente, della questione della regolarità della privatizzazione delle ditte: „Dita“, „Polihem“, „Poliolhem“, „Gumara“ e „Konjuh“ così che:

 

  • Si coprano i contributi e si garantisca l'assicurazione sanitaria ai lavoratori
  • Si processino i crimini economici e tutti gli attori che vi hanno preso parte
  • Si requisisca tutta la proprietà acquisita illegalmente
  • Si annullino i contratti di privatizzazione
  • Si proceda alla revisione delle privatizzazioni
  • SI rendano le fabbriche ai lavoratori e si mettano sotto controllo degli organi pubblici al fine di preservare l'interesse pubblico, e si dia inizio alla produzione nelle fabbriche in cui ciò sia possibile.
  1. Parificazione delle indennità dei rappresentanti delle autorità ai salari dei lavoratori del settore pubblico e privato.
  2. Eliminazione dei benefici aggiuntivi per i rappresentanti delle autorità oltre allo stipendio, come i gettoni per la partecipazione a commissioni, consigli e altri organi, così come ogni altra indennità illogica e ingiustificata cui non abbiano diritto tutti i lavoratori.
  3. Eliminazione delle indennità a ministri e ad altri eventuali funzionari all'espirare o all'interrompersi del loro mandato.

Questo Proclama è emanato dai lavoratori e cittadini del Cantone di Tuzla, per il bene di tutti noi.

 

Testo tratto da:

https://www.facebook.com/50.000.Za.Bolje.Sutra


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!

I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by