(Shutterstock)

La disgregazione della Jugoslavia. Una tesi di laurea, riceviamo e volentieri pubblichiamo

21/05/2019 -  Daniele Stifani

L’obiettivo di questo studio è stato quello di analizzare ed affrontare in ordine cronologico i vari conflitti susseguitisi nei Balcani e le dinamiche che ne hanno determinato l’evoluzione.

Le fonti dalle quali si è attinto sono costituite da materiale coevo agli eventi (quali quotidiani, riviste e contributi audiovisivi dell’epoca) nonché a studi e ricerche successive ad essi. Ciò al fine di proporre una varietà di punti di vista e garantire una quanto più oggettiva e fedele ricostruzione degli accadimenti oggetto di analisi.

Dallo studio emerge perspicua la complessità e la numerosità delle reali cause dei conflitti in esame, non solo contemporanee, ed il continuo mutare delle dinamiche di forze e rapporti umani tra i leader delle varie identità etniche e politiche balcaniche nonché nei confronti della comunità internazionale e viceversa.

Oltre all’analisi dei vari conflitti, a partire da quello lampo con la Slovenia, si ci è soffermati in modo particolare poi su quello che ha interessato i territori della Bosnia Erzegovina, la città di Sarajevo, Goražde e Srebrenica.

Nessun “buono” si può trovare in queste guerre: da Milošević, Tuđman e Izetbegović ad Akashi, a Janvier, a Boutros-Ghali, dalla Russia, agli Stati Uniti, all’Europa tutta.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by