Nel luglio del 1995 a Srebrenica, in Bosnia, ebbe luogo il più efferato crimine di guerra compiuto in Europa dalla fine della Seconda guerra mondiale. Dopo 15 anni è ancora difficile parlare di dialogo e convivenza nonostante in questi anni in molti abbiano lavorato affinché dall'elaborazione del passato potesse nascere una possibilità di futuro

Srebrenica, 15 anni dopo

Sono passati 15 anni dal massacro di Srebrenica. Roberto Spagnoli di Radio Radicale ha intervistato Andrea Rossini di Osservatorio Balcani e Caucaso, autore dei documentari "Europa, Srebrenica" (1999) e "Dopo Srebrenica. La memoria, il presente" (2005). Per parlare di cosa rappresenta Srebrenica alla luce dell'evoluzione della situazione nei Balcani ma anche dei processi e delle sentenze del Tribunale internazionale per l'ex Jugoslavia [luglio 2010]

Il pilastro della vergogna

08/07/2010 -  Azra Nuhefendić

Un'iniziativa dal forte impatto simbolico. Con cui i promotori intendono denunciare il genocidio di Srebrenica e le responsabilità dell'Onu per quanto avvenuto. Il progetto “Pilastro della vergogna” intende ergere una scultura ricolma di scarpe in ricordo delle 8.372 vittime

11 luglio

09/07/2010 -  Hasan Nuhanović

In occasione della giornata europea del ricordo delle vittime del genocidio di Srebrenica, pubblichiamo la storia di Hasan Nuhanović, interprete delle Nazioni Unite sopravvissuto alle stragi del luglio 1995

Ergastoli e genocidio

Sentenze importanti, seppur di primo grado. Sono quelle con cui il Tribunale dell'Aja ha condannato sette ufficiali dell'esercito serbo-bosniaco per i crimini commessi a Srebrenica. Per due di loro l'ergastolo, per genocidio

Troppo tardi, troppo presto

Dopo 13 ore di acceso dibattito il parlamento serbo approva con 127 voti a favore su 250 una dichiarazione di condanna per il massacro di Srebrenica. Scuse alle famiglie delle vittime, non vi compare la parola genocidio. Un commento

I materiali di Osservatorio Balcani e Caucaso

Il documentario

Dopo Srebrenica

La storia della cittadina simbolo della pulizia etnica e della violenza razzista in Europa, 10 anni dopo la strage del luglio 1995. Un documentario a ritroso sula strada da Tuzla, dove le donne sopravvissute conducono la battaglia per la ricerca degli scomparsi, a Potočari - sede dell'ex comando delle forze di pace internazionali - fino a Srebrenica. Un documentario di Andrea Rossini [Bosnia Erzegovina, 2005]

Scarica il documentario in qualità DVD

I reportage

Srebrenica, la memoria e il presente

31/03/2005 -  Luka Zanoni

Da Tuzla a Srebrenica passando per Potocari. Un viaggio nella memoria, per ricordare la strage del luglio '95 a pochi mesi dall'anniversario del decennale, cercando di capire il presente di una città simbolo per la Bosnia Erzegovina e per l'Europa

Il terzo figlio

19/03/2009 -  Azra Nuhefendić

Srebrenica, tra solitudine e speranza. Il ritorno a casa di Ajkuna, il viaggio lungo la Drina, nella regione dove i fantasmi scelgono il colore delle case. Nostro reportage

I dossier

Srebrenica, dieci anni dopo - aprile 2005

Un'inchiesta di Osservatorio sui Balcani e Caucaso sullo stato della città simbolo della pulizia etnica e della violenza razzista in Europa, per cercare di capire la Bosnia Erzegovina oggi, dieci anni dopo Dayton.

Genocidio Srebrenica, sentenza dell'Aja - febbraio 2007

Il massacro di Srebrenica fu genocidio, ma la Serbia non è imputabile. E’ la sentenza emessa dalla Corte internazionale di giustizia dell'Aja, il principale organo giurisdizionale dell'Onu, chiamata a pronunciarsi su una denuncia presentata nel 1993 da Sarajevo. I nostri materiali

La poesia di Abdulah Sidran

A Srebrenica

Una briciola di Giustizia/E un granello di Verità/Trovate! /A Srebrenica restituite! La poesia di Abdulah Sidran "Le lacrime delle madri di Srebrenica", pubblicata nella versione italiana da ADV Edizioni, Lugano, nella duplice traduzione di Nadira Šehović e Silvio Ferrari. Una poesia di dolore collettivo, dolore per una città che non ha ancora trovato giustizia, che non può vivere il presente né guardare al passato

Multimedia

Srebrenica, una ferita aperta

L’eccidio di Srebrenica, avvenuto in una zona allora sotto tutela dell’ONU, viene considerato uno dei peggiori crimini di guerra commessi in Europa dalla fine della Seconda guerra mondiale. I processi e le condanne per un crimine che il Tribunale internazionale ha classificato come genocidio nelle parole di Luka Zanoni, direttore della testata Osservatorio Balcani e Caucaso. Intervista a cura di Ciro Colonna di Amisnet [giugno 2010]

Le condanne per Srebrenica

E' stato il processo più rilevante del Tribunale dell'Aja, quello per il genocidio commesso a Srebrenica nel 1995. Il commento per Radio Popolare di Andrea Rossini di Osservatorio Balcani e Caucaso [giugno 2010]

video

Reale pentimento o mossa diplomatica per accelerare l’ingresso della Serbia nell’Unione Europea? A quindici anni dalla strage del luglio del 95, il Parlamento di Belgrado ha chiesto scusa per il genocidio di Srebrenica. Nel luglio del 1995, circa ottomila civili di religione musulmana furono uccisi dalle truppe serbo-bosniache del generale Mladic. Un servizio di Levante, Rai3, in cui si fa riferimento ad un commento di Petra Tadic, giornalista di OBC [aprile 2010]

La società civile per Srebrenica

Cooperazione a Srebrenica

Srebrenica non è solo il simbolo di uno dei più grandi crimini della storia recente. Negli ultimi anni sono stati vari i progetti di cooperazione volti a ricostruire il tessuto sociale ed economico di questo territorio. Segnaliamo alcuni articoli

Iniziative 2010

Numerose sono le iniziative organizzate in Italia per ricordare il massacro di Srebrenica. Proponiamo alcuni appuntamenti

In libreria

Cartolina dalla fossa. Diario di Srebrenica

di Emir Suljagić
casa editrice: Beit
anno di pubblicazione: 2010
collana: Memoria
pagine: 272
prezzo: 20.00 euro

Processo agli Scorpioni

di Jasmina Tesanovic
Balcani e crimini di guerra: paramilitari alla sbarra per il massacro di Srebrenica
Stampa Alternativa
Collana: Eretica
Prezzo: Euro 10,00
pp. 128

Srebrenica, fine secolo - Nazionalismi, intervento internazionale, società civile

a cura di William Bonapace, Maria Perino
pubblicazione realizzata da: ISRAT, Associazione Ambasciata della Democrazia Locale di Zavidovici, Osservatorio Balcani e Caucaso
anno di pubblicazione: 2005
pagine: 189
prezzo: 15,00 euro
lingua: italiano, bosniaco

Bad memories

La raccolta degli interventi dei relatori del convegno internazionale "Cattive memorie. Luoghi, simboli e narrazioni delle guerre nei Balcani", organizzato da Osservatorio sui Balcani a Rovereto (TN) il 9 novembre 2007, nell'ambito di un progetto finanziato dall'Unione europea e dalla Provincia autonoma di Trento con l'obiettivo di svolgere un'indagine sui luoghi della memoria della Seconda guerra mondiale nella ex Jugoslavia