Non è una questione di tradizione o pigrizia, il fenomeno dei bambini di strada in Serbia e in Bosnia Erzegovina ha cause molto più profonde strettamente correlate a problemi quali l'esclusione sociale e la povertà. Save the Children insieme ad alcune ong locali lavora da anni contro la tratta e segue svariati programmi per il reinserimento di questi bambini, per offrire loro una vera alternativa

18/11/2010 -  Cecilia Ferrara Belgrado

A Belgrado, in qualsiasi momento dell'anno, se viaggi in macchina troverai nugoli di bambini ai semafori. Aggressivi ti puliscono il vetro, chiedono due spiccioli o una sigaretta. A volte sono allegri, a volte arrabbiati, e spesso ti prendono in giro perché pensano di saperne più di te. Ma la cosa più preoccupante è quando questi bambini spariscono perché non è sempre un buon segno che lascino la strada.

“I bambini di strada in Serbia e in Bosnia Erzegovina sono quelli più esposti alla tratta – spiega Tommaso Diegoli di Save the children Norway , responsabile per Bosnia Erzegovina del progetto regionale Child trafficking response program - sono prevalentemente rom e vivono in condizioni varie: alcuni lavorano per le strade per aiutare la famiglia e tornano la sera in una casa, altri sono totalmente abbandonati e dormono per strada in scatole di cartone, edifici abbandonati o tombini; altri ancora sono costretti da organizzazioni criminali che, per esempio, li prendono nelle campagne e li portano in città a lavorare”.

Save the Children Norway è una delle organizzazioni che si occupa di questo problema. Nel 2009 è iniziata la terza fase del progetto Child trafficking response program che implementa progetti in 7 paesi del sudest Europa (Romania, Bulgaria, Serbia, Kosovo, Montenegro, Bosnia Erzegovina, Albania). La prima fase del progetto (2002-2004) prevedeva l'identificazione, il supporto dei minori vittime di tratta e la prevenzione del fenomeno. Nella seconda fase si è effettuata una ricerca estensiva per individuare le categorie più a rischio di diventare vittime di tratta, e, sui risultati di questa ricerca, si è costruita la terza fase con progetti di supporto ai bambini a rischio di trafficking per prevenirlo.

Prendiamo in esame la Serbia e la Bosnia Erzegovina perché hanno due progetti simili incentrati sulla creazione e il supporto di centri diurni per minori. A Sarajevo il progetto è gestito dai servizi sociali del Cantone di Sarajevo mentre a Belgrado il progetto viene implementato da un'Ong locale che già lavorava sui bambini di strada, il Centar za integraciju mladih (CIM - Centro per l'integrazione dei giovani). Entrambi i progetti si basano sulla riduzione del danno: nessuna sanzione viene imposta al bambino o all'adulto che lo spinge a stare in strada, ma viene offerta la possibilità di un'alternativa, un ventaglio di servizi a cui la partecipazione è assolutamente volontaria.

“A Sarajevo il centro diurno è stato creato grazie al progetto, infatti prima non esisteva – racconta Tommaso Diegoli – non è l'unico in Bosnia così come lo Svratište (rifugio) di Belgrado non è l'unico in Serbia. Si tratta di un modello diffuso nella regione che Save the children sostiene da tempo, a Tuzla per esempio segue un centro diurno dell'Ong Zemlja djece (Terra dei bambini) attivo già da molti anni”.

E' proprio il centro diurno di Tuzla che è stato preso a modello per costituire quello di Sarajevo. Si tratta di un luogo sicuro, child friendly, non discriminatorio e dove i bambini possono trovare quello che non trovano per strada: assistenti sociali, psicologi, educatori, che si occupano di tutta la gamma delle loro necessità: dall'igiene all'alimentazione, dal gioco all'istruzione. “I genitori, o chi per loro, mandano i bambini a lavorare per necessità, perché spesso loro stessi non trovano lavoro. Spesso sono rom, la comunità più colpita dall'emarginazione sociale – spiega Diegoli - è bene ricordare che l'esclusione sociale e la povertà sono i motivi principali per cui esistono i bambini di strada e questo non avviene certo per 'tradizione', per 'pigrizia' o 'perché ce l'hanno nel sangue', tutti pregiudizi che investono la popolazione rom”.

A Belgrado lavora dal 2004 il Centar za integraciju mladih, un centro nato da un gruppo di studenti di Scienze sociali che avevano bisogno di “farsi le ossa” sul campo. “Iniziammo a lavorare con i bambini di strada un po' per caso – spiega Milica Djordjević del CIM – c'era infatti un bambino che gironzolava nella strada del nostro ufficio, poi si venne a sapere che era stato picchiato, quindi lo abbiamo cercato, abbiamo avviato un contatto e lui ci ha raccontato la sua storia e quella di altri bambini come lui. Nessuno allora si occupava dei bambini di strada, quindi per due anni abbiamo lavorato come “outreach” per contattarli e capire i loro bisogni. La prima richiesta fu una lavatrice: perché se un posto dove farsi una doccia si trova sempre, lavare i vestiti è molto più complicato. In pratica il primo rifugio è nato nel 2007 attorno a una lavatrice”.

Nel 2008 il CIM ha ricevuto gratuitamente un locale dal Comune di Belgrado dove è stato costituito lo Svratište da cui, in questi ultimi due anni, sono passati circa 600 bambini. Nello svraštite i bambini sono stati seguiti da educatori, infermieri e psicologi; qui hanno trovato un posto dove mangiare, dove dormire e dove lavarsi. Molti di questi bambini hanno così potuto tornare a scuola. “Oggi le istituzioni sono più consapevoli del problema dei bambini di strada – dice Milica – ma mancano le competenze e le capacità per farli rientrare in un sistema regolare di scuola e lavoro”. Ora il CIM aprirà un nuovo centro diurno a Novi Beograd, in un locale concesso dallo stesso comune. Save the Children ha inoltre creato, a partire dal 2009, una rete contro il trafficking e una serie di programmi educativi per insegnare ai bambini a riconoscerlo ed evitarlo.

Il CIM riesce inoltre a creare sinergie inedite come quelle con Laura Maestrello, una maestra di pianoforte di Verona. L'insegnante si è recata per tre volte a Belgrado e ha organizzato dei laboratori di musica d'insieme per i bambini del centro. “Lavoro in Italia in un progetto musicale che si chiama Disegnare musica, musica d'insieme per crescere - racconta Laura - amo molto i Balcani, quindi ho pensato di portare questo metodo anche qui".

Il CIM ha accolto l'idea di Laura che è arrivata a Belgrado con i suoi strumenti. “I bambini sono bambini dappertutto – sottolinea la maestra – l'unica cosa è che quelli inseriti in una classe, come quelli che seguo in Italia, sono più abituati a concentrarsi. I bambini dello Svratište se non sono interessati a quello che fai semplicemente se ne vanno".

"Quello che faccio è inserire la musica in un contesto: l'ultima volta ho portato loro la sabbia della spiaggia e alcune conchiglie – racconta l'insegnante – molti di loro non hanno mai visto il mare e quindi ci siamo messi a parlarne, ad ascoltare il rumore della sabbia, delle conchiglie e alla fine abbiamo suonato tutti insieme”. L'argomento della canzone? La storia di un pesciolino naturalmente!


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.