Paese per Paese la superficie agricola dedicata al biologico e i produttori certificati

24/10/2011 -  Matteo Vittuari

A livello regionale la Croazia presenta il settore più consolidato per superficie e produzione. La superficie agricola dedicata al biologico ha superato l’1% del totale tra 2008 e 2009 e nel 2010 sono stati oltrepassati i 1.000 produttori certificati. Questa posizione di vantaggio rispetto agli altri Paesi della regione è dovuta a un percorso iniziato già prima della dissoluzione della Jugoslavia (la prima azienda agricola chiaramente ispirata ai valori del biologico - Bio Zrno - è stata fondata nel 1988), a un contesto politico ricettivo (la legislazione è del 2001), a condizioni climatiche favorevoli e all’importanza del settore turistico, che fa lievitare la richiesta di prodotti biologici e di qualità durante il periodo estivo.

Macedonia e Serbia seguono la Croazia sia per estensione della superficie agricola dedicata, sia per numero di produttori. Sebbene in entrambi i Paesi il settore presenti ancora debolezze strutturali, la crescita tra il 2006 e il 2011 è stata incoraggiante, con un’attenzione crescente tanto da parte degli investitori privati quanto delle istituzioni.

In Albania, nonostante una storia piuttosto lunga (il movimento per l’agricoltura biologica nasce nel 1997) e condizioni climatiche estremamente favorevoli, il bio non ha ancora raggiunto i risultati cui sembrava poter puntare nel breve periodo. Sebbene il numero di produttori certificati stia lentamente crescendo, la superficie agricola a biologico è ancora limitata.

Bosnia Erzegovina e Montenegro, seppur per cause diverse, presentano ancora importanti limiti strutturali: in Bosnia i ‘pionieri’ del biologico non raggiungono le cinquanta unità, mentre in Montenegro la superficie agricola bio resta estremamente contenuta. In entrambi i Paesi, come in Albania e in misura minore nel resto della regione, anche per via della conformazione territoriale caratterizzata dalla prevalenza di zone montuose, è stata l’area per la raccolta selvatica e spontanea a raggiungere rapidamente una dimensione rilevante.

Tabella 16. Il biologico nei Balcani Occidentali: superfici e operatori certificati

Paese Anno

Totale superficie agricola

(ettari)

Superficie a biologico (ettari) Area per la raccolta selvatica (ettari)

Operatori certificati

(numero)

Fonte
Albania 2010 1.122.000 284 251.717 137 MACFP (AL), 2011
Bosnia Erzegovina 2009 2.136.000 691 220.000 39 MAFWM (RS- BA), 2011; MAWMF (FBiH), 2011
Croazia 2010 1.289.000 23.000 n.d. 1.125 MAFRD (HR), 2011
Macedonia 2010 1.064.000 5.228 n.d. 562 MAFWS (MK), 2011
Montenegro 2010 516.000 3.561,1 101.801 67* MARD (ME), 2011
Kosovo 2009 608.000 10 n.d. 1 MAFRD (XK), 2011
Serbia 2009 5.065.000 8.500   130* MAFWM (RS), 2011
* Il numero dei produttori certificati è però destinato a crescere qualora il Ministero riconosca formalmente le certificazioni di gruppo, pratica che al mese di giugno 2011non era ancora stata formalizzata all’interno della legislazione locale.

Fonte: elaborazione dell’autore