Arriva oggi nelle sale italiane il documentario di Emir Kusturica su Diego Armando Maradona, già uscito con successo a Cannes. L'Argentina e la Serbia, mondi lontani ma, secondo il regista, anche molto vicini

30/05/2008 -  Nicola Falcinella

Il gol di mano di Maradona all'Inghilterra ai Mondiali dell'86 è un simbolo e un punto di svolta. Ed è pure la ragione profonda del film che Emir Kusturica ha realizzato sull'ex campione argentino e che sarà, dopo il successo nell'anteprima al Festival di Cannes, nelle sale italiane da oggi.

"La prima ragione per cui ho fatto il film - ha spiegato il regista serbo - sta nel fatto che fui una delle milioni di persone che quel giorno in tutto il mondo esultarono per i due gol di Maradona. Quella partita esemplifica la giustizia nel mondo per la prima e ultima volta: Argentina e Serbia sono state distrutte dai poteri occidentali, li hanno combattuti. Per questo sento una vicinanza con Maradona".

"In più - ha aggiunto Kusturica - lui è molto popolare in Serbia e il nostro calcio somiglia a quello argentino. Inoltre a volte si è detto che io sono il Maradona del cinema. L'altra ragione è che ho letto libri su di lui, ho visto servizi giornalistici, ma mi sembrava che non gli rendessero giustizia".

Il film, il secondo documentario del creatore di Kustendorf dopo "Super 8 Stories", è quello che ci si aspetta, per i fan dei due ma anche uno sguardo particolare sullo sport e sul mondo dagli anni '70 in poi. Anche se per una volta il cinema come incanto - centrale in tutta la filmografia del cineasta - passa in secondo piano rispetto alle parole e alle immagini televisive di repertorio.

"Maradona" è stato girato con una piccola troupe tra Buenos Aires, Napoli, L'Avana e Belgrado ed il risultato di vari incontri e chiacchierate a ruota libera tra due personaggi "bigger than life", sempre al centro di polemiche e dibattiti.

Il campione argentino ne esce per quello che è, genio e sregolatezza, eccessi e umanità. E si lascia andare a cuore aperto sulla sua vita privata, dall'uso delle droghe alle donne e alla famiglia. Il punto di vista è quello di un grande tifoso privilegiato (ma c'è stata anche una volta in cui il regista è andato a Baires e non ha trovato l'amico) che può passare notti brave con il suo idolo ma anche lasciare che si confessi.

C'è anche tanta politica, Castro, Chavez e i leader che si contrappongono al pensiero unico "degli Stati Uniti che non ci lasciano la libertà di criticarli". "Sono la voce della gente comune - spiega Maradona - sono un privilegiato perché posso dire quello che penso e la gente mi ascolta. Non mi sento Dio, sono una persona normale, mi fa piacere che la gente si fidi di me".

Mentre il regista a Cannes ha parlato delle analogie tra le loro patrie: "Balcani e Sud America si somigliano, non sono stati cristianizzati abbastanza da perdere il lato dionisiaco della vita con la gioia di vivere e divertirsi" ha spiegato Kusturica.

"Maradona è stato come Marlon Brando o Marylin Monroe, è stato un'icona degli ultimi decenni del XX secolo. È stato il picco massimo dell'importanza dell'individuo nel calcio, dopo di lui le cose sono cambiate. Colpisce molto che ancora oggi ovunque vada è un personaggio, ha un ascendente molto forte sulle folle". E se dovesse fare un altro film su un campione di calcio? "Se dovessi specializzarmi in cinema sportivo farei un film su Zinedine Zidane" ha risposto a Cannes l'autore di "Underground".


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.