La manifestazione di fronte al Parlamento bosniaco martedi 11 giugno (Foto Andrea Rossini)

La manifestazione di fronte al Parlamento bosniaco martedi 11 giugno (Foto Andrea Rossini)

Migliaia di persone hanno dimostrato ieri di fronte al Parlamento bosniaco nella più grande manifestazione dall'inizio delle proteste. Damir Imamović, il popolare musicista sarajevese, partecipa al movimento. Nostra intervista

12/06/2013 -  Andrea Oskari Rossini Sarajevo

Un cordone di polizia impedisce ai manifestanti di raggiungere il piazzale su cui si affacciano le sedi di governo e parlamento. La gente si assiepa sulla scalinata e nella Zmaja od Bosne, la grande arteria che collega il centro storico di Sarajevo con i nuovi quartieri e l'aeroporto. Intorno alle 14 ci sono circa 5.000 persone, ma il numero è in crescita e non sono ancora arrivati i dimostranti da Zenica e altre città. Nella “bebolucija”, così i media locali hanno definito il movimento di protesta contro l'incapacità dei politici di risolvere la questione della registrazione anagrafica dei nuovi nati, ci sono soprattutto giovani, in gran parte studenti. Tutte le fasce di età sono però ben rappresentate. Forte è la presenza di mamme, venute a protestare con i propri bimbi, e di pensionati, che discutono in capannelli. Gruppi di lavoratori, in particolare tassisti, mostrano la propria solidarietà con caroselli di macchine che si avvicinano ai manifestanti.

Bebolucija

Il simbolo delle proteste è un ciuccio con il pugno chiuso, nuova icona nella stagione europea di occupy. Il clima appare festoso, senza momenti di tensione. Ci sono le maschere di Guy Fawkes e le inevitabili citazioni della cinematografia jugoslava anni '70 (“Sono tornato. Firmato: Valter” e “I parlamentari corrono l'ultimo giro”). L'atteggiamento dei manifestanti è tuttavia determinato. Gli slogan sono contro il nazionalismo e in particolare contro i politici, ritratti con maschere di cartapesta e cartelloni colorati. Nella piazza cala il silenzio quando sale al microfono Damir Imamović, il popolare musicista e interprete di sevdah che fin dall'inizio partecipa al movimento. La gente lo segue prima distrattamente mentre, accompagnandosi con la chitarra, intona canzoni di band sarajevesi, prima gli Ambasadori, Zemljo moja , e poi gli Indexi, Da sam ja netko . Poi i manifestanti si bloccano per cantare all'unisono quando Imamović accenna le prime note di una sevdah, Srdo moja

Perché hai scelto proprio questa sevdah?

Ha un messaggio molto semplice, dice “Srda mia, non litighiamo”.

Quali sono gli obiettivi di queste manifestazioni?

L'obiettivo non è cambiare il governo o fare una rivoluzione, ma fare capire a chi ci governa che non è più possibile giocare la carta del nazionalismo, accusarsi a vicenda per il fatto di avere una diversa appartenenza etnica, religiosa o nazionale. Queste manifestazioni sono cominciate perché non riuscivano ad accordarsi tra di loro neppure per risolvere un problema così semplice come quello dell'assegnazione dei numeri identificativi, che servono ai nuovi nati per avere i documenti di identità. Questo ha messo a rischio le vite dei bambini, ed è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.

È possibile che un movimento possa sbloccare l'attuale situazione politica bosniaca?

La nostra pressione ha già raggiunto dei risultati, siamo già riusciti a provocare un intervento da parte dei politici. Naturalmente non è sufficiente. I politici hanno elaborato una soluzione temporanea alla questione dell'assegnazione dei numeri identificativi, ma devono risolverla in maniera definitiva. È certo che non risponderanno subito alle nostre sollecitazioni.

Le manifestazioni di questi giorni potrebbero rappresentare l'inizio di una primavera bosniaca?

Lo spero. Ma non credo che il nazionalismo e l'odio etnico scompariranno in uno o due giorni. Neppure in un anno.

Quali sono le differenze tra questo movimento e altre mobilitazioni simili che si sono verificate in Bosnia in passato?

Alcuni media si sono schierati chiaramente dalla nostra parte, dalla parte dei cittadini, e inoltre la comunicazione via internet sta funzionando molto bene. Siamo riusciti a contrastare la prima ondata di attacchi che cercavano di dividere le mobilitazioni sulla base delle diverse appartenenze nazionali, cosa che in passato era avvenuta con successo. Oggi abbiamo qui persone che vengono da ogni parte della Bosnia Erzegovina, attivisti delle organizzazioni più diverse, e la cosa importante è che si tratta di un movimento genuinamente di base, nessuno sta cercando di cavalcarlo. Questo rende più difficile l'organizzazione, ma stiamo facendo tesoro dell'esperienza dei movimenti di occupy.

Quali sono le tue motivazioni personali per partecipare a questo movimento?

Ho deciso di partecipare dal primo giorno perché ho sentito che si trattava di un movimento che cercava davvero di creare unità, non divisione. Io sono un musicista che lavora nel contesto della musica tradizionale di questa regione, credo che sia mio dovere far sentire la mia voce. E sostenere questo movimento, quanto possibile.

 

Questa pubblicazione è stata prodotta con il contributo dell'Unione Europea. La responsabilità sui contenuti di questa pubblicazione è di Osservatorio Balcani e Caucaso e non riflette in alcun modo l'opinione dell'Unione Europea. Vai alla pagina del progetto Racconta l'Europa all'Europa


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by