Proseguiamo la pubblicazione dei materiali preparatori alla Conferenza di Ginevra "Dieci anni da Dayton e oltre", che si terrà il 20 e 21 ottobre prossimo, con questo testo di Marko Orsolic sulla necessità di cambiare lo spirito della società della BiH

14/09/2005 -  Anonymous User

Di Marko Oršolić, membro dell' Associazione BiH 2005 e direttore dell'IMIC

"Se loro cessano con la guerra, allora anche l'inimicizia cessa, ma non verso chi ha commesso crimini"
Corano, sura II: versetto 193

Con la dissoluzione della SFRJ (ex Jugoslavia, ndt.) e i conflitti armati che ne seguirono, nonostante fosse già riconosciuta internazionalmente nel 1992, la Bosnia Erzegovina è stata esposta ad un processo di lunga durata che l'ha condotta sino alla completa divisione del paese: politico-amministrativa, spirituale, militare, economica, educativo-scolastica, ecc. Tuttavia, la BiH o qualsiasi altro stato, lo si è visto anche dall'esperienza storica dell'Austro-Ungheria, non può sopravvivere se non ha almeno quattro ministeri comuni: degli esteri e dell'interno, finanze ed esercito. Gli attuali sforzi della comunità internazionale vanno evidentemente in questa direzione.

Per il funzionamento della società è molto importante anche il settore educativo-scolastico. Questo è vero soprattutto per la nostra società bosniaco-erzegovese che è profondamente lacerata, divisa su base nazionale o, per dirla in breve, profondamente frustrata per un futuro che si prospetta non prospero per i suoi cittadini. Il sistema educativo-scolastico della BiH è come se incessantemente producesse divisioni: nazionali e ideologiche e con ciò le suddette profonde frustrazioni.

Spesso si pensa che siano stati gli Accordi di Dayton ad aver prodotto questo situazione. Tuttavia la verità è che essa preesisteva agli Accordi. Già dopo le prime elezioni multipartitiche la Costituzione della BiH aveva norme in tre lingue - cosa che è dal punto di vista teorico e pratico molto dubbio - ha fin da subito prodotto divisioni nella sfera educativa. Perciò è tempo che la costituzione di Dayton cessi complessivamente di essere incolpata per qualsiasi cosa, così come è tempo di cambiare alcuni dei suoi teoremi chiave perché non soddisfano gli attuali bisogni della BiH.

Sono necessari dei cambiamenti che guidino ad una Bosnia Erzegovina più compatta come stato e partner serio a livello internazionale. A me è chiaro da tempo che i cittadini della BiH parlano la lingua bosniaco-erzegovese, benché la possano chiamare legittimamente e tranquillamente bosniaco, croato e serbo.

Ma per quanto possano essere sagge queste soluzioni costituzionali, non cambieranno davvero niente di importante se i cittadini della BiH non faranno qualcosa per l'integrazione spirituale del paese. In questo ambito è molto importante il segmento religioso. Secondo la religione possiamo differenziarci, ma non dobbiamo dividerci. La religione deve mettere in relazione la gente come lo sport e la musica. Per la nostra pulizia spirituale è molto importante il versetto del Corano: "Se loro cessano con la guerra, allora anche l'inimicizia cessa, ma non verso chi ha commesso crimini". Allo stesso tempo, è molto importante che prendiamo le distanze dalle espressioni di affetto patologiche e inadeguate nei confronti della BiH (falso patriottismo). Chi ama la Bosnia Erzegovina davvero rispetterà il suo passato, i simboli statali, la sua multiculturalità, multietnicità e l'idea dell'unità nella differenza e nella quotidiana tolleranza e comprensione.

La conferenza "Dieci anni da Dayton e oltre", che l'Associazione BiH 2005 organizza dal 20 al 21 ottobre a Ginevra, nel suo programma ha previsto anche le discussioni sulla doppia natura della reintegrazione della BiH, perché non è solo compito dei politici locali e della comunità internazionale, ma bensì di ognuno dei suoi cittadini.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.