Il 2008 sarà un anno importante per lo spazio ex-sovietico. La Russia e le tre Repubbliche di Georgia, Armenia e Azerbaijan rinnovano la massima carica dello Stato. Un'analisi di Marilisa Lorusso (marilisalorusso.blogspot.com)

13/02/2008 -  Anonymous User

Fonte: DIREonline

Il 2008 sarà un anno importante per lo spazio ex-sovietico. La Russia affronta le elezioni presidenziali con un presidente, Vladimir Vladimirovič Putin, che ha esaurito i mandati concessigli dalla Costituzione, ma che gode di ampissimo consenso e la cui leadership è stata ulteriormente legittimata dalle recenti elezioni parlamentari. Nonostante le accuse di brogli e le perplessità espresse dalla comunità internazionale sui risultati elettorali resi pubblici, è indubbio che la popolarità del Presidente è dilagante, e che non vi sono credibili sfidanti sul piano del sostegno diffuso.

Consapevole della propria forza politica, e in conformità con l'immagine che di sé ha creato, Putin non si è abbandonato a volgari e plateali trionfalismi dopo le elezioni che hanno consegnato la maggioranza parlamentare assoluta al suo partito. Già il tre dicembre, nell'edizione serale del telegiornale nazionale1, compariva con l'atteggiamento diretto e pragmatico per cui i Russi tanto lo amano, prendeva atto della schiacciante vittoria riportata e indicava come lo strumento di una maggioranza parlamentare forte sarebbe stato massimizzato (...).

Leggi l'intera ricerca


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.