Beslan - Sara di Pede

Un dvd interattivo curato dall'associazione "Aiutateci a salvare i bambini - Onlus" e dedicato a chi lavora con i bambini e gli adolescenti vittime di trauma dell'assalto alla scuola di Beslan

06/07/2009 -  Anonymous User

Fonte: Trentino Solidarietà

Un dvd interattivo per bambini e adolescenti vittime di trauma è stato presentato nel mese di luglio presso la sala stampa del palazzo della Provincia Autonoma di Trento, a conclusione del "Progetto pe i Bambini, i genitori e gli insegnanti sopravvissuti all'attacco terroristico di Beslan", curato dall'associazione "Aiutateci a salvare i bambini - Onlus".

Oltre all'assessore provinciale alla solidarietà internazionale e convivenza Lia Giovanazzi Beltrami, erano presenti Ennio Bordato, presidente dell'associazione, e le psicologhe Sara Scrimin ed Ughetta Moscardino che hanno curato l'intervento psicologico.
"Questa esperienza - ha detto l'assessore Beltrami - è un valido esempio di come si fa solidarietà in provincia di Trento: attraverso la collaborazione con le associazioni, per costruire legami e scambi duraturi con le comunità dove si va ad operare. E' soprattutto con l'ascolto che si possono aiutare le persone a riprendere un'esistenza normale dopo eventi simili. Questi esempi di solidarietà, in un momento in cui si guarda con sfiducia a tutto quello che accade nel mondo, sono un vero ossigeno per tutta la comunità".

Il dvd presentato vuole essere uno strumento innovativo a disposizione degli insegnanti, degli psicologi e delle famiglie dei bambini che hanno subito il trauma dell'assalto alla scuola di Beslan per aiutarli a superarlo. Spiega come riconoscere dai sintomi e dalle sensazioni che si provano il trauma psicologico patito e la sua gravità.

Con un linguaggio semplice e modalità interattive insegna ai più piccoli come affrontarlo da soli o, nei casi più gravi, chiedendo aiuto. Distribuito in 1000 copie alla comunità di Beslan è stato prodotto a conclusione di un articolato intervento di solidarietà iniziato nel 2004, all'indomani dell'attacco terroristico alla scuola n. 1. Fra il primo e il tre settembre del 2004, nella città di Beslan nell'Ossezia del nord, repubblica caucasica della Federazione Russa, un gruppo di ribelli occupò una scuola sequestrando circa 1200 persone tra adulti e bambini. Quando le forze speciali russe fecero irruzione ci furono numerosi morti e feriti. Molti bambini feriti furono ricoverati presso la Clinica Pediatrica di Mosca perchè bisognosi di cure o interventi specialistici. In seguito, trentatre di loro, con le famiglie, per un totale di sessantatre persone, furono accolti per un periodo in Trentino.

Negli anni a seguire, con la collaborazione dell'equipe di psicologhe dell'emergenza dell'università di Padova, è stato avviato un progetto di sostegno psicologico nella città di Beslan. Gli interventi sul posto hanno coinvolto psicologi e insegnanti con l'obbiettivo di approfondire eventuali difficoltà emotive, comportamentali e interpersonali dei bambini e degli adolescenti. Ai bambini e ai ragazzi è stata data una chiave di lettura diversa dei sintomi di malessere manifestati spiegando che si trattava di reazioni normali di fronte ad un evento anormale e traumatico e sono state insegnate alcune modalità di base per fronteggiare i sintomi psicologici di malessere.

Ennio Bordato, ricordando che l'episodio di Beslan è un esempio drammatico di tragedia umana, ha sottolineato che la popolazione e le istituzioni locali hanno compreso l'importanza dell'intervento che si è realizzato.

Info: www.aiutateciasalvareibambini.org


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.