Home / Libreria / Copertine / Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria

Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria

Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria

Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria, di Eva Grlić, Scheiwiller, 2005

La Jugoslavia, le sue vicende, la sua dissoluzione, le guerre. Memorie private si intrecciano alla storia di una nazione che c'era e non c'è più, e alle storie delle sue città e dei suoi intellettuali

La Jugoslavia era vicina e lontana, era un regno nato nel 1918, era una Repubblica federale dominio del compagno Tito dal 1945. Poi, un brutto giorno, si è disintegrata: nata dalla guerra è finita nelle guerre - in orribili guerre fratricide - che ne hanno decretato la divisione in varie Repubbliche. Di questa storia sappiamo poco, anche se ci riguarda da vicino, anche se è stata una storia ricca di pagine di grande coraggio civile e politico, di cultura, di una libertà di pensiero e di critica costate spesso persecuzioni e carcere. Di tutto ciò parla questo libro: non è solo un libro di memorie private, ma il diario di una nazione che c'era e non c'è più, o di una città, Zagabria e della sua vita intellettuale seguita e vissuta da dentro, con nomi e cognomi dei protagonisti, dell'autrice stessa e di suo marito Danko, fra i più importanti filosofi critici della cultura jugoslava.

Eva Grlić è nata a Budapest nel 1920 da genitori ebrei, fuggì a Sarajevo dopo la fine della Repubblica di Bela Kuhn e nella città bosniaca rimase fino al trasferimento a Zagabria. Entrata presto nei circoli progressisti della capitale croata, ha conosciuto l'occupazione nazifascista, quindi, la guerra partigiana, la ricostruzione, il lavoro con la Agitprop e il nuovo matrimonio con Danko Grlić.
Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria
di Eva Grlić
anno di pubblicazione: 2005
casa editrice: Libri Scheiwiller

Recensioni
16 febbraio 2015

Un romanzo autobiografico sulla vita durante il regime di Enver Hoxa, in Albania: dal quartiere della dirigenza, nel cuore di Tirana, all'isolamento in sperduti villaggi. Una recensione

15 gennaio 2015

Nina Bunjevac ha scelto il tratto della graphic novel in bianco e nero per raccontare la sua storia familiare. Una narrazione che si snoda negli anni '70 tra la Jugoslavia e il Canada, attorno alla figura di suo padre. "Fatherland" è stato presentato di recente alla fiera del libro di Pola. Una recensione

15 dicembre 2014

"La polvere degli angeli" è un romanzo incentrato su un caso di pedofilia avvenuto in Slavonia cent'anni fa. Un'intervista all'autrice

28 novembre 2014

Artista, scrittrice, viaggiatrice. Edith Durham è una personalità complessa e per alcuni versi, al di fuori del mondo albanofono, poco conosciuta. Una recensione del libro che Marcus Tanner ha dedicato alla prima donna inglese divenuta vice-presidente del Royal Anthropological Institute di Londra

progetto di: riga promosso da: riga con il sostegno di:
Fondazione Opera Campana dei Caduti Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani Provincia autonoma di Trento Comune di Rovereto