Home / Libreria / Copertine / Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria

Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria

Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria

Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria, di Eva Grlić, Scheiwiller, 2005

La Jugoslavia, le sue vicende, la sua dissoluzione, le guerre. Memorie private si intrecciano alla storia di una nazione che c'era e non c'è più, e alle storie delle sue città e dei suoi intellettuali

La Jugoslavia era vicina e lontana, era un regno nato nel 1918, era una Repubblica federale dominio del compagno Tito dal 1945. Poi, un brutto giorno, si è disintegrata: nata dalla guerra è finita nelle guerre - in orribili guerre fratricide - che ne hanno decretato la divisione in varie Repubbliche. Di questa storia sappiamo poco, anche se ci riguarda da vicino, anche se è stata una storia ricca di pagine di grande coraggio civile e politico, di cultura, di una libertà di pensiero e di critica costate spesso persecuzioni e carcere. Di tutto ciò parla questo libro: non è solo un libro di memorie private, ma il diario di una nazione che c'era e non c'è più, o di una città, Zagabria e della sua vita intellettuale seguita e vissuta da dentro, con nomi e cognomi dei protagonisti, dell'autrice stessa e di suo marito Danko, fra i più importanti filosofi critici della cultura jugoslava.

Eva Grlić è nata a Budapest nel 1920 da genitori ebrei, fuggì a Sarajevo dopo la fine della Repubblica di Bela Kuhn e nella città bosniaca rimase fino al trasferimento a Zagabria. Entrata presto nei circoli progressisti della capitale croata, ha conosciuto l'occupazione nazifascista, quindi, la guerra partigiana, la ricostruzione, il lavoro con la Agitprop e il nuovo matrimonio con Danko Grlić.
Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria
di Eva Grlić
anno di pubblicazione: 2005
casa editrice: Libri Scheiwiller

Recensioni
24 maggio 2016

Sul finire del 2015 è uscito un libro che raccoglie le conversazioni tra un gruppo di studenti e lo scrittore Boris Pahor, intitolato Quello che ho da dirvi – dialogo tra generazioni lontane un secolo. Un commento

13 aprile 2016

La storia al femminile di una famiglia ebraica sefardita, tra Sarajevo e Belgrado. Una recensione

11 aprile 2016

1955-1965, 10 anni in cui l'Italia ha giocato il ruolo di "vicino Occidente" e in cui la sua cultura pop ha profondamente influenzato la Jugoslavia socialista. Una recensione

29 marzo 2016

Una nonna, una madre e una figlia: è al femminile l'universo che ci racconta “Capelli dappertutto”. Una recensione

progetto di: riga promosso da: riga con il sostegno di:
Fondazione Opera Campana dei Caduti Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani Provincia autonoma di Trento Comune di Rovereto