Home / Libreria / Copertine / Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria

Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria

Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria

Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria, di Eva Grlić, Scheiwiller, 2005

La Jugoslavia, le sue vicende, la sua dissoluzione, le guerre. Memorie private si intrecciano alla storia di una nazione che c'era e non c'è più, e alle storie delle sue città e dei suoi intellettuali

La Jugoslavia era vicina e lontana, era un regno nato nel 1918, era una Repubblica federale dominio del compagno Tito dal 1945. Poi, un brutto giorno, si è disintegrata: nata dalla guerra è finita nelle guerre - in orribili guerre fratricide - che ne hanno decretato la divisione in varie Repubbliche. Di questa storia sappiamo poco, anche se ci riguarda da vicino, anche se è stata una storia ricca di pagine di grande coraggio civile e politico, di cultura, di una libertà di pensiero e di critica costate spesso persecuzioni e carcere. Di tutto ciò parla questo libro: non è solo un libro di memorie private, ma il diario di una nazione che c'era e non c'è più, o di una città, Zagabria e della sua vita intellettuale seguita e vissuta da dentro, con nomi e cognomi dei protagonisti, dell'autrice stessa e di suo marito Danko, fra i più importanti filosofi critici della cultura jugoslava.

Eva Grlić è nata a Budapest nel 1920 da genitori ebrei, fuggì a Sarajevo dopo la fine della Repubblica di Bela Kuhn e nella città bosniaca rimase fino al trasferimento a Zagabria. Entrata presto nei circoli progressisti della capitale croata, ha conosciuto l'occupazione nazifascista, quindi, la guerra partigiana, la ricostruzione, il lavoro con la Agitprop e il nuovo matrimonio con Danko Grlić.
Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria
di Eva Grlić
anno di pubblicazione: 2005
casa editrice: Libri Scheiwiller

Recensioni
12 febbraio 2016

Dal 15 febbraio in libreria il romanzo L’isola di Meša Selimović. Il commento di Božidar Stanišic su questa straordinaria opera di uno dei più importanti autori del Novecento europeo

13 gennaio 2016

Non è un giallo, ma i morti violenti non mancano, e neppure un romanzo storico, perché le vicende di cui narra sono troppo vicine a noi. Un romanzo sulle convulsioni dell'Albania post-totalitaria

8 gennaio 2016

La scrittrice Bejan Matur non ha simpatie per il PKK, anzi. Sente però il dovere morale di recuperare, senza giudicare, le storie e le ragioni di chi è partito per la montagna. Una recensione

16 dicembre 2015

Claudio Magris ha raccontato le tragedie legate alla Risiera di San Sabba a Trieste nel suo "Non luogo a procedere". Una recensione

progetto di: riga promosso da: riga con il sostegno di:
Fondazione Opera Campana dei Caduti Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani Provincia autonoma di Trento Comune di Rovereto