Home / Libreria / Copertine / Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria

Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria

Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria

Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria, di Eva Grlić, Scheiwiller, 2005

La Jugoslavia, le sue vicende, la sua dissoluzione, le guerre. Memorie private si intrecciano alla storia di una nazione che c'era e non c'è più, e alle storie delle sue città e dei suoi intellettuali

La Jugoslavia era vicina e lontana, era un regno nato nel 1918, era una Repubblica federale dominio del compagno Tito dal 1945. Poi, un brutto giorno, si è disintegrata: nata dalla guerra è finita nelle guerre - in orribili guerre fratricide - che ne hanno decretato la divisione in varie Repubbliche. Di questa storia sappiamo poco, anche se ci riguarda da vicino, anche se è stata una storia ricca di pagine di grande coraggio civile e politico, di cultura, di una libertà di pensiero e di critica costate spesso persecuzioni e carcere. Di tutto ciò parla questo libro: non è solo un libro di memorie private, ma il diario di una nazione che c'era e non c'è più, o di una città, Zagabria e della sua vita intellettuale seguita e vissuta da dentro, con nomi e cognomi dei protagonisti, dell'autrice stessa e di suo marito Danko, fra i più importanti filosofi critici della cultura jugoslava.

Eva Grlić è nata a Budapest nel 1920 da genitori ebrei, fuggì a Sarajevo dopo la fine della Repubblica di Bela Kuhn e nella città bosniaca rimase fino al trasferimento a Zagabria. Entrata presto nei circoli progressisti della capitale croata, ha conosciuto l'occupazione nazifascista, quindi, la guerra partigiana, la ricostruzione, il lavoro con la Agitprop e il nuovo matrimonio con Danko Grlić.
Memorie da un paese perduto, Budapest - Sarajevo - Zagabria
di Eva Grlić
anno di pubblicazione: 2005
casa editrice: Libri Scheiwiller

Recensioni
30 luglio 2014

Nel libro di Misho Loncarevic , Balcanoides, si intrecciano, come facce di una stessa medaglia, le storie di tre giovani appartenenti ad etnie diverse, divenuti insieme ufficiali militari e amici, sullo sfondo dei tragici avvenimenti che portarono alla dissoluzione della ex-Jugoslavia. Recensione

18 luglio 2014

Seconda prova letteraria del regista armeno Vasken Berberian, "Sotto un cielo indifferente" è un testo coinvolgente, che sembra fatto apposta per sfidare la rappresentazione più comune di quello che è il vero protagonista del romanzo: il popolo armeno. Nostra recensione

15 luglio 2014

Una sorta de “I ragazzi della via Pal”, ma senza l’innocenza del romanzo di Ferenc Molnar, questo “Vita migliore”, edito da Bompiani, del serbo Nikola P. Savić, vincitore di Masterpiece, il primo talent show per scrittori trasmesso su RaiTre il passato inverno

30 giugno 2014

Cinque anni di carcere, in cui ebbe la sua formazione da scrittore, grazie all'incontro con il grande poeta turco Nâzim Hikmet. Di Orhan Kemal possiamo oggi leggere in Italia "La casa di mio padre". Una recensione

progetto di: riga promosso da: riga con il sostegno di:
Fondazione Opera Campana dei Caduti Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani Provincia autonoma di Trento Comune di Rovereto