Docente di serbo-croato presso la Scuola Interpreti e Traduttori di Trieste. Nasce nel 1968 a Zara e cresce a Dugi Otok. Ha alle spalle diverse esperienze di insegnamento della lingua croata sia a bambini che ad adulti. Sempre entusiasta di intrecciare relazioni con le diverse comunità presenti a Trieste, desidera trasmettere lo spirito di collaborazione e rispetto delle diversità anche ai suoi studenti.

27/04/2010 -  Daniele Scarpa

Da Dugi Otok a Trieste

Sono nata nel 1968 a Zara e sono cresciuta a Dugi Otok. Ho lavorato a Zagabria come professoressa di lingua croata e per mezzo del Ministero dell'Istruzione sono venuta a Trieste, perché servivano insegnanti di croato con conoscenza dell'italiano per i figli degli immigrati croati. Ho superato il concorso e quindi ho passato diversi anni a Trieste come insegnante di lingua croata.

Esperienza come insegnante

Ho lavorato anche presso la Comunità croata come insegnante per bambini. Dal 1999 al 2003 ho insegnato ai bambini e agli adulti presso il Consolato e dal 2003 ad oggi lavoro alla Scuola Interpreti di Trieste. Sono arrivate diverse richieste di insegnamento della lingua croata soprattutto dagli sloveni che vivono qui e da coloro che dovevano utilizzare il croato per lavoro. Ho notato un forte interesse da parte della popolazione triestina così come da parte dei figli e nipoti di croati.

Presentazione del libro “I croati a Trieste”

Per me l'evento più significativo di questi anni è stata la presentazione del libro “I croati a Trieste” a cui ho contribuito, occupandomi della prefazione e del capitolo riguardante la Comunità croata, la sua nascita e le organizzazioni antecedenti, come la “Matrix Croatica” e l'associazione “Comitato pro Croatia”. È stato un grande progetto in cui abbiamo investito vari anni. Sin dall'inizio, ci siamo riuniti per decidere i temi da affrontare nella monografia, riuscendo a coinvolgere soprattutto esperti croati e triestini, e alcuni sloveni. Dopo aver raccolto i documenti di natura letteraria e storica, abbiamo tradotto i testi in italiano. Tutti noi siamo stati una sorta di redazione, soprattutto grazie al grande contributo di Marco Šare per la bibliografia e di Michele Treves per la traduzione e la revisione dei testi in italiano.

Croazia e prossimo ingresso nell'Ue

Credo che la Croazia sia già in Europa, e non penso che ci saranno delle differenze sostanziali con l'ingresso del nostro Paese nell'Unione europea; tuttavia, sul piano burocratico, noi croati saremo più agevolati rispetto ad adesso. Infatti, abbiamo ancora dei problemi con le tempistiche per l'ottenimento dei permessi di soggiorno; anche per me è stato un problema perché lavoravo con un contratto a tempo determinato e ogni anno dovevo rinnovare il permesso di soggiorno, con i relativi tempi di attesa.

Differenze linguistiche, oggetto di insegnamento

Oggi abbiamo ufficialmente quattro lingue standard: croato, serbo, bosniaco e montenegrino con delle differenze linguistiche che vengono discusse insieme al gruppo di studenti composto soprattutto da croati, serbi e bosniaci. Essendomi laureata nel '91 con il vecchio programma, conosco maggiormente tali differenze che sono soprattutto lessicali e che emergono tra persone di diverse generazioni. Gli studenti sono molto aperti e pronti ad accogliere nuove parole ed espressioni di altre varianti. A mio parere, per avere un quadro linguistico più completo, sarebbe meglio che ci fossero più docenti: ma oggi, con la crisi, è difficile assumere un professore croato, uno serbo, uno bosniaco e uno montenegrino. Per ora non sembra possibile, ma chissà in futuro...


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.