Home / aree / Balcani / Me ne vado a est: imprenditori nei Balcani

Me ne vado a est: imprenditori nei Balcani

ita bhs


Me ne vado a est: imprenditori nei Balcani

All'interno di una fabbrica in Serbia - Gughi Fassino

Per ogni imprenditore italiano che cerca fortuna in Cina ve ne sono quattro che investono e si spostano nell'Europa dell'Est. Ora un libro a firma di Matteo Tacconi e Matteo Ferrazzi ne racconta la storia

articolo SeeNet

Migliaia di imprese italiane hanno deciso e continuano a decidere di portare parte o l'intera produzione della propria azienda “a Est”. E non stiamo parlando di posti molto lontani ma del 'nostro Est', la parte di Europa che si è aperta al mercato con il crollo del muro di Berlino e che si è scoperta innamorata dei marchi italiani.

Esistono pochi numeri o dati economici di questo fenomeno, spesso sottovalutato. Ma gli imprenditori italiani che traslocano in Polonia, Romania, Bulgaria, Repubblica Ceca, Serbia e oggi anche Moldova, sono 4 volte quelli che tentano la fortuna in Cina.

Esce in questi giorni un libro che racconta la storia degli italiani che investono in questa parte di mondo, si chiama Me ne vado a Est. Imprenditori e cittadini italiani nell’Europa ex comunista, per Infinito edizioni. Gli autori sono Matteo Tacconi, giornalista freelance che segue i Balcani, l’Europa centro-orientale e l’area post-sovietica, con già due libri all'attivo (Kosovo: la storia la guerra il futuro, Castelvecchi 2008 e C'era una volta il muro: viaggio nell'Europa ex comunista, Castelvecchi 2009) e Matteo Ferrazzi, giornalista e analista economico per l'ufficio studi di Unicredit e Prometeia, che vanta numerose pubblicazioni sia scientifiche che divulgative su temi economici e segue da diversi anni le economie dell’Est Europeo. OBC ha incontrato Matteo Tacconi.

Perché l'imprenditore italiano va in Europa centro-orientale e nei Balcani?

Le ragioni sono molteplici, ma ve ne sono due principali. Da una parte c'è il fatto che gli imprenditori hanno sempre più la necessità di stimolare la crescita aziendale e allargare il proprio raggio d'azione, conquistando nuovi mercati, spesso meno saturi rispetto a quelli occidentali. Dall'altra c'è un problema italiano, nel senso che fare impresa nel nostro Paese sta diventando sempre più difficile e non siamo più competitivi in alcuni comparti.

Il libro 

Me ne vado ad est

di Matteo Ferrazzi e Matteo Tacconi, Infinito edizioni, 2012

 

 

Vai alla scheda descrittiva del testo nella sezione "Libreria"

 

Come mai?

L'Italia non cresce da dieci anni, la domanda interna è ferma e il Paese ha dei problemi strutturali giganteschi che riguardano i giovani, la scuola, le istituzioni. Davanti a questo quadro l'imprenditore cerca nuovi sbocchi.

Non bisogna pensare che ci si sposti a Est e Sudest solo perché attratti da manodopera a basso costo. Questo accadeva più che altro negli anni ‘90, molto meno ora. Il nostro libro, comunque non è una difesa a spada tratta di chi ha tentato la via dell’Est. Nient’affatto. Un’azienda che chiude, lasciando i lavoratori senza stipendio, non è una buona notizia. Però è giusto parlarne, bisogna evitare di mettere la testa sotto la sabbia come gli struzzi.

La migrazione a Est non deve stupire, perché ci sono sempre cause pregresse. Prendiamo la Fiat. Produce ormai più auto in Polonia che in Italia. Questo già da parecchi anni. Ma quando fu annunciato un altro investimento all’estero, in Serbia, tutti sono rimasti a bocca aperta, mentre era evidente che la situazione produttiva in Italia, pessima, indicava questa prospettiva.

Qual è lo stato di salute della presenza Fiat in Serbia?

Programma SeeNet II 

Nell'ambito del programma di cooperazione decentrata SeeNet II sono numerose le iniziative volte a sostenere le PMI e la cooperazione imprenditoriale transfrontaliera. Nello specifico ci si concentra sulla crescita transnazionale dei sistemi produttivi locali integrati e sul rafforzamento delle PMI, settori guidati nell'ambito di SeeNet II rispettivamente dalla Regione Friuli Venezia Giulia e dalla Toscana. I partner tecnici italiani sono Informest e Oxfam Italia, e numerosi sono quelli nei Balcani occidentali.

Nel 2008 c’è stato un primo annuncio dell’investimento a Kragujevac, con la creazione di una compagnia mista, con due soci: la Fiat (di maggioranza) e lo stato serbo (di minoranza). Poi nel 2010 la notizia è balzata finalmente sulle prime pagine dei giornali italiani e nel dibattito politico.

Qualche settimana fa gli stabilimenti hanno iniziato ufficialmente a lavorare. In questi quattro anni, a leggere le cronache, ci sono state alcune lungaggini burocratiche e qualche vertenza sindacale. Questo indica che la Serbia non è solo una “terra di conquista”. Le organizzazioni sindacali sanno farsi sentire. È chiaro, comunque, che quello di Kragujevac è un investimento cospicuo, destinato a intensificare fortemente i rapporti tra l’industria italiana e i Balcani.

Perché Belgrado attira tutti questi investimenti italiani?

La Serbia ha costi di produzione vantaggiosi e lo stato, nonché le autorità locali, offrono forti incentivi fiscali e produttivi alle aziende italiane che investono. In prospettiva, tuttavia, non è detto che questo invogli a radicarsi a tempo indeterminato in Serbia. Il mercato cambia, le condizioni di produzione pure.

Come valutate le recenti dichiarazioni del ministro Fornero, che ammonisce le aziende a “non fuggire in Serbia”?

Non crediamo che gli industriali italiani siano molto interessati a seguire ammonimenti di sorta. Il flusso di aziende italiane verso la Serbia è notevole e dubitiamo possa fermarsi così, da un momento all’altro. Ma ricordiamoci che non si tratta solo e sempre di spostamenti produttivi. I due terzi degli investimenti esteri a Est sono finalizzati a servire il mercato locale, meno di un terzo è riconducibile a forme, parziali o totali, di delocalizzazione.

Quali sono le altre roccaforti italiane nel Sudest europeo?

La Romania rimane al primo posto e Timişoara, spicchio di Nordest trapiantato in terra romena, resta un caso sui generis. La Serbia è la nuova frontiera. Abbiamo una buona presenza imprenditoriale anche in Bosnia, dove nel distretto speciale di Brčko ci sono molte imprese a capitale italiano. In Croazia fatichiamo ancora un po’, mentre stiamo crescendo in Turchia. Andiamo forte anche in Bulgaria, mentre non si rileva una presenza così massiccia in Macedonia. Il quadro, grosso modo, è questo.

Il nuovo eldorado?

Forse la Moldova. Sotto molti aspetti ricorda la Romania degli anni ’90 e diverse aziende venete stanno cercando di fare affari a Chişinău e dintorni. La cosa che parzialmente scoraggia è la questione della Transnistria, che porta instabilità.

Sono più le piccole imprese o anche le aziende di grandi o medie dimensioni a spostarsi nei Balcani? Che vita hanno queste imprese, sia in termini di tempo che di profitti? 

Ci sono sia le grandi imprese, che si spostano all’estero più agevolmente grazie a risorse importanti, sia le piccole. Queste solitamente agiscono in ambito territoriale, ma quando vanno fuori, vanno quasi esclusivamente a Est, con la Romania che è la principale meta. Seguono il più delle volte i propri clienti e fornitori, già radicati all’estero. Su durata, profitti e altro ne sappiamo ancora poco, invece. Il fenomeno è relativamente recente. C’è molto da studiare.

Com’è nato questo libro?

Ci sentiamo periodicamente, discutendo di Est e scambiandoci idee. Durante una di queste conversazioni Matteo Ferrazzi mi ha detto che aveva iniziato a scrivere questo libro, sulla scorta delle sue esperienze professionali a Est. Mi ha chiesto di collaborare e ho accettato subito, concordando sull’idea di usare la lente dell’economia e degli investimenti per raccontare l’Europa centrale, orientale e balcanica. Su queste regioni c’è ancora troppa sottoesposizione mediatica. Il grande paradosso è che c’è una parte di Paese che s’interessa a fondo di queste terre (il mondo imprenditoriale, ma anche studenti e normali cittadini) e una che inspiegabilmente è in letargo (la stampa). Abbiamo così pensato di colmare questo iato.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

creative commonsTutti i contenuti disponibili sul sito di Osservatorio Balcani e Caucaso sono distribuiti con licenza Creative Commons, se non diversamente indicato. Se vuoi ripubblicare questo articolo sul tuo blog o sito internet puoi farlo utilizzando la dicitura "Questo articolo è stato originariamente pubblicato su Osservatorio Balcani e Caucaso" includendo un link attivo diretto alla pagina dell'articolo e indicando il nome dell'autore. E' gradita una e-mail di segnalazione alla redazione dell'avvenuta ripubblicazione: redazione@balcanicaucaso.org

Twitter
Facebook
Find us on Google+
Youtube
linkedin icon
rss

Newsletter Settimanalmente le nostre notizie
Indirizzo email


Esplora
progetto di: riga promosso da: riga con il sostegno di:
Fondazione Opera Campana dei Caduti Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani Provincia autonoma di Trento Comune di Rovereto