Il palco delle celebrazioni ufficiali (Foto Ilenia Santin)

Il palco delle celebrazioni ufficiali (Foto Ilenia Santin)

L'Armenia ha celebrato il ventennale dell'indipendenza in un'atmosfera di forte divisione interna. L'ex presidente Ter-Petrosyan ha declinato l'invito dell'attuale presidente Sargsyan a partecipare alle manifestazioni ufficiali, organizzando una commemorazione alternativa. Il resoconto della nostra corrispondente

27/09/2011 -  Ilenia Santin Yerevan

Il 21 settembre scorso si sono tenute a Yerevan le celebrazioni per il ventesimo anniversario dell’indipendenza dell’Armenia dall’Unione Sovietica. La cerimonia ufficiale, conclusasi con un’imponente parata militare per le strade della capitale e un concerto in Piazza della Repubblica, ha visto la partecipazione di ospiti internazionali e autorità armene, ad eccezione dei due ex presidenti, Levon Ter-Petrosyan e Robert Kocharyan.

Entrambi avevano ricevuto l’invito a presenziare alla cerimonia dall’attuale presidente Sargsyan, il cui gesto aveva suscitato vari commenti. “Questi inviti – ha sottolineato il portavoce del partito Repubblicano armeno Eduard Sharmazanov a Radio Liberty Armenia il 16 settembre scorso – dimostrano che il Paese è governato da un presidente e da una forza politica che danno precedenza allo Stato e alle idee nazionali: stiamo percorrendo la strada del consolidamento della nazione e crediamo che le feste nazionali siano un’opportunità per tale unità”. L’iniziativa è stata commentata positivamente anche dal direttore del Regional Studies Center (RSC) , Richard Giragosian, che il 19 settembre aveva dichiarato al network Epress.am che “l’invito di Sargsyan […] è stata una mossa simbolica e importante. Come Ter-Petrosyan e Kocharyan rispondano, sarà un loro problema o un’opportunità per loro”.

La scelta di Ter-Petrosyan

Il raduno dell'ANC (Foto Arman Veziryan)

Il raduno dell'ANC (Foto Arman Veziryan)

Mentre Kocharyan ha declinato l’invito perché “momentaneamente fuori dal Paese”, Ter-Petrosyan ha scelto di celebrare il giorno dell’indipendenza con i suoi sostenitori, poiché “l’Armenia è governata da un regime cleptocratico”, ha dichiarato al network Armenialiberty il 21 settembre. Durante la commemorazione alternativa, l’ex presidente ha accusato il governo di aver “distrutto” l’indipendenza nazionale: “L’Armenia è fortemente dipendente dalle potenze straniere. Sfortunatamente, vent’anni dopo il ripristino dell’indipendenza, […] dobbiamo riconquistarcela perché le persone che oggi governano il Paese non si sentono indipendenti, continuano a considerarsi schiavi degli stranieri. L’Armenia – ha concluso il leader dell’Armenian National Congress (ANC) – non sarà veramente indipendente finché governata da Serzh Sargsyan”.

Per Giragosian, invece, il problema è che l’attuale governo dipende fortemente dagli oligarchi. Questi ultimi, ha commentato Giragosian ad Armenianow alla vigilia dell’anniversario, “evadendo le tasse, sono diventati la minaccia numero uno per lo Stato”. Per quanto riguarda il dialogo tra governo e opposizione, l'analista ha affermato che “le decisioni di oggi si rifletteranno sulle generazioni future. […] Si possono vedere tendenze positive nel dialogo tra opposizione e autorità, ma il punto è se questo sia troppo poco e troppo tardi”.

Le vicende alterne nei rapporti tra l’opposizione e l’amministrazione Sargsyan contribuiscono a confermare lo scetticismo dell’esperto.

Da un lato, l’opposizione parlamentare rappresentata dal partito Eredità ha ricominciato a partecipare alle sedute dell’Assemblea Nazionale. I deputati dell’Eredità non partecipavano alle sedute del Parlamento dallo scorso 28 febbraio, quando avevano abbandonato l’aula in segno di protesta per l’accordo tripartito del 17 febbraio, con cui Sargsyan si era garantito l’appoggio dei due alleati di governo – “Armenia Prospera” (BHK) e “Orinats Yerkir” – alle presidenziali del 2013. Dopo mesi di boicottaggio, il 13 settembre i cinque deputati del Partito hanno fatto il loro ingresso in aula per partecipare alla prima seduta della sessione autunnale dell’Assemblea Nazionale. La Segretaria del Partito, Larisa Alaverdyan, ha letto una dichiarazione in cui annunciava che “i cinque deputati hanno deciso di concludere la protesta […] poiché gli armeni si sono finalmente convinti della necessità di cambiamenti sistemici e di un completo cambio di regime nel Paese. Questo rende il patto della coalizione di governo irrilevante a fini elettorali”, ha concluso la Alaverdyan.

Il presidente del Parlamento, il repubblicano Hovik Abrahamyan, ha commentato positivamente la decisione del partito: “In molteplici occasioni ho esortato i rappresentanti a partecipare ai lavori dell’Assemblea e sono felice che siano tornati”, ha riportato Armenialiberty il 13 settembre.

Una nuova campagna di disobbedienza civile

L'intervento di Ter-Petrosyan  (Foto Arman Veziryan)

L'intervento di Ter-Petrosyan (Foto Arman Veziryan)

Restano invece tesi i rapporti con l’opposizione extraparlamentare a causa della detenzione di un giovane attivista dell’ANC. Lo scorso 9 agosto, sette attivisti del partito di Ter-Petrosyan erano stati arrestati dopo uno scontro con la polizia. Secondo la dichiarazione dell’ANC, i sette giovani, dopo aver “cercato di fermare alcuni poliziotti che volevano verificare arbitrariamente l’identità di altri giovani che passeggiavano per il centro”, erano stati picchiati e condotti alla stazione di polizia.

Diversa la versione ufficiale resa dal capo della polizia, Alik Sargsyan, durante la conferenza stampa dell’11 agosto: “La violenta disputa è sorta dopo che alcuni poliziotti avevano ripreso un passante con un cane senza museruola. Tigran Arakelyan, uno dei leader dei giovani dell’ANC, e altri attivisti, si sono avvicinati agli agenti, iniziando a insultarli e provocando una rissa”. Mentre gli altri sei sono stati rilasciati nei giorni successivi, su Arakelyan pende tuttora l’accusa di aggressione a pubblico ufficiale e teppismo, e rischia fino a dieci anni di reclusione. In segno di protesta, il 26 agosto l’ANC ha sospeso il dialogo col governo: “L’esistenza di prigionieri politici rende impossibile la continuazione del dialogo, che verrà ripreso con la liberazione di Arakelyan”, si legge nel comunicato emesso dall’ANC il 26 agosto. Secondo l’opposizione, Arakelyan resta in carcere “contrariamente alle rassicurazioni fornite dal governo: le autorità dimostrano di non essere pronte a costruire relazioni fondate sulla fiducia e mettono in discussione qualsiasi possibilità di accordo su questioni di politica interna”. “Tale atteggiamento non significa che l’ANC detta le condizioni – ha subito ribattuto David Harutiunyan, rappresentante del governo al tavolo dei negoziati, ad Armenialiberty – ma che all’ANC manca la volontà politica di continuare correttamente questo processo”.

Oltre alla sospensione degli incontri, Ter-Petrosyan ha avviato una campagna di “disobbedienza civile”. Il 9 settembre, un mese dopo l’arresto dei sette attivisti, l’ANC è tornato in piazza per chiedere il rilascio dell’unico giovane ancora detenuto: “Se Arakelyan verrà liberato nei prossimi giorni torneremo al tavolo dei negoziati; altrimenti, il dialogo resterà in sospeso e saremo costretti a parlare alle autorità con un altro linguaggio […] quello delle manifestazioni più frequenti e della mobilitazione in massa del popolo affinché si arrivi ad elezioni anticipate”, ha ammonito Ter-Petrosyan dal palco in Piazza della Libertà. Nella successiva manifestazione del 23 settembre il leader dell’ANC ha reiterato le richieste, dichiarandosi però pronto a scendere a patti sulle elezioni anticipate: “ovviamente sappiamo che sono difficili da conquistare perciò […] siamo pronti a prendere sul serio qualsiasi compromesso ragionevole da parte delle autorità”. L’ex presidente ha confermato la continuazione delle manifestazioni – la prossima il 30 – e assicurato “una svolta seria nella crisi politica armena tra settembre e ottobre”.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

Commenti

Log in or create a user account to comment.