Non si sono ancora sopite le polemiche riguardanti la proiezione in Croazia i primi giorni di ottobre del documentario di Bozo Knezevic sui crimini croati commessi durante l'operazione Tempesta. Il sociologo Drazen Lalic ha dichiarato che anche lui, come il 75% degli spettatori che quel giorno erano davanti alla televisione, si è sentito corresponsabile per quei crimini. Non tanto in quanto croato ma come persona umana che non è stata in grado di impedire che tali atrocità fossero commesse. E' vergognoso, ha inoltre dichiarato, che persone come Maja Freundlich e Zeljko Olujic continuino a relativizzare su atti criminosi così gravi e documentati (Slobodna Dalmacija, 6.10).
In questi giorni sono state inoltre molte le dichiarazioni di solidarietà al direttore della radiotelevisione croata Mirko Galic ed al direttore della trasmissione durante la quale il documentario è stato trasmesso, Denis Latin. Alle richieste di rimozione e dimissioni fatte dai rappresentanti dell'HDZ hanno risposto con la loro solidarietà il sindacato dei giornalisti, l'Associazione dei giornalisti e il Forum 21 (Vjesnik, 6.10). Drago Pilsel, Presidente del Forum 21, ha dichiarato che le richieste dell'HDZ rappresentano una minaccia all'ordine costituzionale della Croazia e sono contrarie alla Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo delle Nazioni Unite.

15/10/2001 -  Anonymous User

Non si sono ancora sopite le polemiche riguardanti la proiezione in Croazia i primi giorni di ottobre del documentario di Bozo Knezevic sui crimini croati commessi durante l'operazione Tempesta. Il sociologo Drazen Lalic ha dichiarato che anche lui, come il 75% degli spettatori che quel giorno erano davanti alla televisione, si è sentito corresponsabile per quei crimini. Non tanto in quanto croato ma come persona umana che non è stata in grado di impedire che tali atrocità fossero commesse. E' vergognoso, ha inoltre dichiarato, che persone come Maja Freundlich e Zeljko Olujic continuino a relativizzare su atti criminosi così gravi e documentati (Slobodna Dalmacija, 6.10).
In questi giorni sono state inoltre molte le dichiarazioni di solidarietà al direttore della radiotelevisione croata Mirko Galic ed al direttore della trasmissione durante la quale il documentario è stato trasmesso, Denis Latin. Alle richieste di rimozione e dimissioni fatte dai rappresentanti dell'HDZ hanno risposto con la loro solidarietà il sindacato dei giornalisti, l'Associazione dei giornalisti e il Forum 21 (Vjesnik, 6.10). Drago Pilsel, Presidente del Forum 21, ha dichiarato che le richieste dell'HDZ rappresentano una minaccia all'ordine costituzionale della Croazia e sono contrarie alla Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo delle Nazioni Unite.


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!