Verrà inaugurata sabato 24. Per promuovere azioni di cooperazione decentrata, diplomazia popolare e sviluppo nel centro sud della Serbia.

22/11/2001 -  Anonymous User

Le Agenzie della Democrazia Locale sono un network di Enti Locali e società civile europea che si gemella con città del sud-est europeo. Ogni agenzia è quindi una rete europea di enti locali, associazioni ed espressioni della società civile che offre un aiuto concreto per la democrazia locale, la coesistenza di comunità di etnie divrse e per lo sviluppo della società civile. Quello delle ADL è un programma europeo nato per iniziativa del Consiglio d'Europa, che lo sostiene dal 1993 attraverso il Congresso dei Poteri Locali e Regionali d'Europa.
L'Agenzia verrà aperta a Nis,tra i centri cruciali della Serbia oppositrice al regime di Milosevic, e quindi città simbolo per l'inizio di un progetto che si propone di mettere in rete idee e risorse e promuovere un reciproco (in Serbia ma anche nei Paesi partner europei) rafforzamento del senitre e dell'agire democratico e partecipato. L'Agenzia vuole però operare su ambito regionale piuttosto che cittadino e per questo, anche se non nell'immediato futuro, ci si propone l'apertura di un ufficio ed una propria presenza fissa anche in altre città quali ad esempio Kraljevo o Leskovac.
L'appuntamento per l'inaugurazione è per il 24 novembre presso il municipio di Nis. Sarà l'occasione per i futuri partner di sottoscrivere il documento che fonderà l'Agenzia e per lanciare le future attività. Saranno presenti oltre alle controparti delle istituzioni e del mondo non governativo ed associativo locale i futuri partner internazionali e cioè l'associazione bulgara Balkan Assist Association, le italiane ANSDIPP, ICS, l'Associazione per l'agenzia della democrazia locale di Zavidovici, il Comitato di Ivrea, la città di Ivrea, l'Associazione Tavolo trentino con la Serbia, la città di Reggio Emilia e poi la città di Poitiers, la città di Suresnes, il consiglio della Contea di Kent, la città di Barcellona, l'Istituto per la pubblica amministrazione di Dublino ed altri soggetti che non hanno ancora formalizzato la loro adesione.
Sono oramai molti questi "laboratori" di democrazia e relazioni internazionali decentrate aperti nell'ex-Jugoslavia. Ve ne sono infatti a Tuzla, Zavidovici e Prijedor in Bosnia-Erzegovina, a Osijek-Vukovar, Sisak e Brtoniglia-Verteneglio in Croazia, a Ohrid in macedonia, a Subotica e Nis in Serbia ed a Niksic in Montenegro.


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!