B 92 - Capodanno a Belgrado

Come si festeggerà in Montenegro il prossimo capodanno? Sempre più in voga la festa in piazza, soprattutto nel sud del Paese.

27/12/2002 -  Anonymous User

Sino a qualche anno fa la notte dell'ultimo dell'anno non era molto festeggiata in Montenegro. Ma oramai, sempre più, sta entrando nelle abitudini del Paese, soprattutto per quanto riguarda le zone più turistiche, lungo la costa. Quest'anno ad esempio saranno organizzate feste nelle piazze di tre città montenegrine, a Podgorica, a Budva e a Kotor.

"La festa per il capodanno si svolgerà ai piedi delle mura della città vecchia e costerà al municipio di Budva, 60000 Euro. Di questa somma 30 000 Euro sono già stati pagati quali onorario al cantante croato Miso Kovac", ha affermato il presidente del consiglio organizzativo della festa, Veselin Markovic. Ha inoltre chiarito come si tratterà di un programma sull'arco di quattro giorni che avrà inizio già il 30 dicembre con la serata "canzoni mediterranee".

"La prima serrata è pensata come un benvenuto e durante quella sera dovrebbero cantare sei gruppi di Tivat e Budva. A far compagnia a Miso Kovac, vi sarà anche il cantante macedone Tose Proeski ed altri tre cantanti montenegrini. Abbiamo già cominciato una campagna informativa sui media sia in Serbia che in BiH: da questi paesi ci aspettiamo numerosi ospiti" ha continuato Markovic.
Carattere più esclusivo invece per la festa organizzata nell'albergo "Simo Milosevic" a Herceg Novi. Tutti i biglietti sono già stati venduti. Gli ospiti saranno politici dalla Serbia e dal Montenegro, uomini d'affari dalla BiH, dalla Croazia e dall'estero. Lì il pacchetto di tre giorni (pernottamento e prima colazione e cena solo per la prima sera) costa 390 €, e per 5 giorni 470€. Canteranno cantanti provenienti da Croazia, Serbia, Bosnia e Montenegro. Organizzata anche una lotteria, per primo premio una Fiat Punto ( "Vijesti", 14 dicembre).


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!