Che opinione ha il pubblico montenegrino dei quotidiani e delle riviste che legge? Una ricerca a cura dell'Istituto per i mezzi di comunicazione di massa.

17/06/2002 -  Anonymous User

Una ricerca dell'Istituto per i mezzi di comunicazione di massa di Podgorica ha messo in rilievo come la maggioranza dei cittadini del Montenegro ritenga che i quotidiani del Paese forniscano una buona informazione. Il sondaggio, condotto per conto dell'Istituto dall'agenzia "Damar", è stato effettuato su di un campione di 1400 cittadini residenti nelle nove più grandi municipalità del Paese.
Innanzitutto riportiamo i dati relativi ai quotidiani più letti: la percentuale dei lettori che leggono "Vijesti" è del 28,8% (equivalenti quindi a circa 158.000 persone); al secondo posto si trova "Dan" con il 24% dei lettori (132.000 circa), al terzo "Pobjeda" con 17,3% (95.000 lettori), mentre tutti gli altri giornali non hanno superato il 10% ("Vecernje novosti" - 8,1%, "Publika" - 7,6%, "Glas Crnogorca" - 4.6% e "Blic" - 2,4%).

Degli intervistati, il 46% ha dichiarato di leggere i giornali regolarmente, il 26% ogni tanto ed il 13% raramente, il 6% meno di una volta a settimana e solo 8,8% ha dichiarato di non comperare i giornali.
La maggior parte degli intervistati ritiene inoltre che i giornali non siano indipendenti nella loro politica editoriale e che Vijesti sia leader non solo per numero di lettori ma anche per la propria indipendenza.
I cittadini ritengono che la vera garanzia che i giornali scrivano con certezza, completezza e imparzialità stia nella loro indipendenza dai partiti politici (32%), nella credibilità professionale degli editori e giornalisti (30%) e nell'indipendenza finanziaria (25%).

(Vai ad una tabella pubblicata da "Vijesti" che riporta i giudizi dei lettori sugli 8 maggiori giornali montenegrini).
Il piu' alto numero di lettori pensa che "Dan" informi in modo più completo sugli eventi dei Paesi vicini. Alla domanda se esiste un giornale che informa completamente su tutto, il 12,9% dei lettori ha scelto "Dan", il 11,7% "Vijesti", il 5,2% "Publika" e 0,9% Glas Crnogorca.

La maggioranza dei lettori non è sicura che le informazioni pubblicate siano controllate su diverse fonti e non ha fiducia delle notizie per le quali si specifica "fonte anonima". Per quanto riguarda gli argomenti più letti, il primato spetta alla sezione di politica interna. Gli intervistati inoltre vorrebbero venisse concesso più spazio ad argomenti riguardanti la disoccupazione, i problemi sociali, l'alcolismo e la tossicodipendenza, l'ecologia, la corruzione, la formazione e la criminalità.

Lo scopo della ricerca, secondo il direttore dell'Istituto per i media, era valutare l'opinione del pubblico sugli standard professionali di quotidiani e riviste. I dati, a suo avviso, potranno essere un buon indicatore per manager ed editori per definire e condurre le prossime politiche editoriali ("Vijesti", "Dan" e "Pobjeda", 12.06.02).


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!