Lo sloga Jugomagnat

Violenza dopo un partita di calcio e scontro tra due opposte tifoserie. Purtroppo scene comuni in molti stadi, non solo in Macedonia. Ma qui emerge anche lo sfondo etnico dello scontro: da una parte i tifosi macedoni, dall'altra quelli albanesi.

02/04/2002 -  Anonymous User

La partita tra il Vardar e lo Sloga Jugomagnat era stata tranquilla, nessun incidente di rilievo ed al fischio finale dell'arbitro si pensava si potesse andare tutti a casa. Ma non è stato così. Alla partita sono seguiti duri scontri tra le opposte tifoserie protrattisi per ore nel centro di Skopje. I supporter del Vardar hanno severamente malmenato un giovane tifoso albanese dello Sloga Jugomagnat. Il tutto è avvenuto su uno dei ponti di Skopje, in pieno centro. Questo ha scatenato la reazione dell'opposta tifoseria che ha iniziato a lanciare pietre contro gli autobus dei tifosi avversari. La polizia allora è intervenuta a separare i contendenti prima che la violenza potesse scatenarsi ulteriormente.
La violenza tra i tifosi del calcio è un fenomeno sicuramente globale ma il fatto che i tifosi dello Vardar siano in prevalenza slavo-macedoni e quelli dello Jugomagnat albanesi inserisce gli scontri drammaticamente nel panorama macedone.
Come nota Daut Dauti, editorialista del quotidiano Flaka: "Questo non è il primo caso di violenza legata al mondo del calcio in Macedonia e non sarà certo l'ultimo. Ma non tutti avevano un "risvolto etnico". I supporter del Bitola e quelli dello Skopje sono da sempre acerrimi rivali e non è raro che le partite tra queste due squadrefiniscano con scontri tra i tifosi. Ma i fatti di mercoledì comunque sono preoccupanti proprio perché non possono essere commentati a prescindere dalla crisi in Macedonia della scorsa primavera-estate. Quest'ultimo incidente è stato solamente l'apice di una catena di tensioni che hanno coinvolto adolescenti macedoni ed albanesi. Pochi giorni fa un gruppo di ragazzi macedoni ha pestato una coppia di albanesi in una scuola superiore della città. Il giorno seguente un gruppo di albanesi ha fatto altrettanto con una coppia macedone che nulla centrava con i fatti del giono prima. Tutto questo deve essere fermato. E per quanto riguarda i tifosi la polizia dovrà prendere nei loro confronti duri provvedimenti".


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!