Urne elettorali

Vince il partito di Rugova che raggiunge quasi il 50% dei consensi. Partecipano numerosi anche i serbi, il loro partito Povrtak (ritorno) è la terza forza politica della regione.

21/11/2001 -  Anonymous User

Si è conclusa la tornata elettorale in Kossovo all'insegna della tranquillità e della correttezza, come confermato sia dai leader politici locali che dai rappresentati dell'OSCE che hanno organizzato e sorvegliato le elezioni.
I dati ufficiali, ma ancora preliminari, vedono in testa con il 46.29% il partito di Ibrahim Rugova, Lega Democratica del Kossovo, al secondo posto il PDK (Partito democratico del Kossovo) di Hashim Thaci con il 25.54% e al terzo posto la coalizione serba "Povratak" con il 10.96%. La Alleanza per il futuro del Kossovo di Ramush Haradinaj, terzo partito albanese in ordine di grandezza si è aggiudicato il 7.82%. Queste percentuali ancora provvisorie, le definitive saranno disponibili nel prossimo week-end, testimoniano la partecipazione alle prime elezioni politiche generali del Kossovo di circa il 60% degli aventi diritto al voto.
Sempre in via preliminare i 120 posti del futuro parlamento kossovaro, dovrebbero venire così distribuiti: circa 22 posti alla coalizione serba Povratak, 47 posti alla Lega Democratica del Kossovo di Rugova, 27 posti al Partito Democratico del Kossovo di Thaci, 8 posti all'Alleanza per il futuro del Kossovo di Haradinaj, mentre i partiti bosgnacchi hanno conquistato 4 posti; infine i 12 posti rimanenti dei 120 a disposizione saranno distribuiti tra le rappresentanze dei partiti non albanesi e non serbi.
Soddisfazione per la conduzione delle elezioni e per i risultati è stata espressa dal presidente della FRJ, Vojislav Kostunica, così come dal ministro della giustizia e presidente del Partito democristiano, Vladan Batic. Quest'ultimo ha dichiarato inoltre che si sarebbe potuto raggiungere un migliore risultato se i serbi non avessero promosso una campagna anti-elezioni.
Nel frattempo i rappresentati europei fanno sapere che queste elezioni non sentenziano affatto l'indipendenza del Kossovo, cosa invece che il leader democratico Rugova, si è precipitato a dichiarare alla stampa, ma hanno semplicemente affermato che lo status della regione si dovrà risolvere all'interno del quadro della risoluzione 1244 delle Nazioni Unite. "Il problema a questo riguardo è che Rugova parla due linguaggi, uno per la comunità internazionale e uno per l'uso locale. Per noi lui indossa l'abito della moderazione, ma le sue dichiarazioni per la stampa sono più fanatiche di quelle dei radicali", commenta un diplomatico europeo.


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!