Contadino di Khurvaleti, confine tra Georgia e Ossezia del Sud/ Regione di Tskhinvali  (foto © Drop of Light/Shutterstock)

Contadino di Khurvaleti, confine tra Georgia e Ossezia del Sud/ Regione di Tskhinvali  (foto © Drop of Light/Shutterstock)

Un bilancio della situazione al confine tra Georgia e le regioni de facto di Abkhazia e Ossezia del Sud, dal punto di vista del rispetto dei diritti umani. Report di Amnesty International

30/08/2019 -  Amnesty International

I tentativi della Russia e delle autorità di fatto di delimitare fisicamente un confine tra i territori separatisti di Abkhazia e Ossezia del Sud/Regione di Tskhinvali e il resto della Georgia, hanno portato alla popolazione locale, gravi restrizioni alla libertà di movimento e ad altre violazioni dei diritti umani; con famiglie separate da filo spinato, private dei propri mezzi di sussistenza e a rischio di detenzione arbitraria nel caso in cui tentino di attraversare il confine. 

Queste le denunce del rapporto di Amnesty International Behind barbed wire: Human rights toll of “borderization” in Georgia  (Dietro il filo spinato: il bilancio dei diritti umani della "frontierizzazione" in Georgia) che rivela l'impatto devastante degli sforzi da parte delle forze russe e delle autorità delle regioni de facto per stabilire un "confine internazionale" lungo il confine oggetto della disputa. L'installazione di filo spinato, recinzioni, fossati e altre barriere materiali, hanno diviso le comunità e tagliato l'accesso degli abitanti dei villaggi a terreni agricoli, fonti d'acqua, luoghi di culto e persino luoghi di sepoltura delle famiglie.
“Queste misure arbitrarie stanno strangolando delle vite. Centinaia di persone subiscono detenzioni arbitrarie ogni anno cercando di attraversare la linea di confine per nessun altro motivo se non quello di vedere parenti, prendersi cura dei loro raccolti o accedere alle cure sanitarie. Intere comunità vengono tagliate fuori da fonti vitali di reddito e da altri aspetti importanti della loro vita, punite solo per il luogo in cui vivono. La Russia esercita un controllo di fatto su Abkhazia e Ossezia del Sud/Regione di Tskhinvali, e perciò deve rispettare i propri obblighi ai sensi del diritto umanitario internazionale e sostenere i diritti umani in questi territori" ha affermato Marie Struthers, direttrice per l'Europa orientale e l'Asia centrale di Amnesty International.

Separare comunità, sconvolgere la possibilità di sostentamento

Le forze russe sono di stanza in Abkhazia e Ossezia del Sud/Regione di Tskhinvali senza il consenso della Georgia dal conflitto dell'agosto 2008.
Nel 2011, le forze russe hanno avviato il cosiddetto processo di "frontierizzazione" per trasformare la linea di confine amministrativa – spesso solo tratteggiata su una mappa – in una barriera fisica che separa rispettivamente Abkhazia e Ossezia del Sud/Regione di Tskhinvali dal territorio controllato dalla Georgia.
Davit Vanishvili, 85 anni, abitante del villaggio di Khurvaleti che è stato diviso durante il processo di "frontierizzazione", ha raccontato ad Amnesty International che nel 2013 le forze russe l'hanno messo di fronte ad una scelta netta: rimanere nella sua casa in Ossezia del Sud/Regione di Tskhinvali o spostarsi e vivere il resto della vita sfollato nella parte controllata da Tbilisi.

Ha scelto di restare, ma ora è separato dal resto della sua famiglia e dai suoi amici. Lui e i suoi parenti rischiano la detenzione ogni volta che provano ad attraversare la recinzione al riparo delle tenebre per ritirare la pensione, le medicine e altri beni dalla parte georgiana.
“Le guardie di frontiera russe sono venute a casa mia e mi hanno detto che non era più Georgia. Il giorno stesso hanno iniziato a installare recinzioni intorno al mio cortile. Non posso più accedere al resto del villaggio o al resto del paese", ha detto ad Amnesty International. La "frontierizzazione" ha colpito comunità di tutte le etnie su entrambi i lati del territorio diviso.
Secondo le autorità georgiane, alla fine del 2018, almeno 34 villaggi erano stati divisi da recinzioni installate dalle forze russe. Si stima che dalle 800 alle 1.000 famiglie in totale abbiano perso l'accesso ai propri terreni agricoli.

Amiran Gugutishvili, agricoltore di 71 anni del villaggio di Gugutiankari vicino alla frontiera Ossezia del Sud/Regione di Tskhinvali, deve dipendere dai sussidi sociali da quando ha perso l'accesso al suo meleto nel 2017. “Ogni anno raccoglievo dal mio frutteto più di cento casse di mele e le vendevo. Il profitto era sufficiente per mantenere la mia famiglia. Dal 2017 non riesco ad accedere al mio frutteto. Le guardie di frontiera russe hanno installato un cartello di confine di Stato. A volte passo ancora a dare un'occhiata ai miei meli attraverso il recinto”, ha detto ad Amnesty International.

La chiusura dei punti di attraversamento colpisce il commercio

La "frontierizzazione" ha comportato la chiusura di numerosi valichi ufficiali tra Ossezia del Sud/ Regione di Tskhinvali e Abkhazia e ha avuto un impatto dannoso su quello che una volta era un attivo commercio transfrontaliero. Ha gravemente eroso la situazione sociale ed economica delle comunità a cavallo del confine, poiché i produttori locali hanno perso l'accesso ai mercati più vicini", ha affermato Marie Struthers.

Il villaggio di Khurcha sul lato abkhazo del fiume Inguri, che separa la regione separatista dal resto del territorio georgiano, era un tempo uno snodo commerciale locale, grazie al suo punto di attraversamento. Ma il punto di attraversamento è stato chiuso a marzo 2017, spingendo alcuni residenti a spostarsi altrove nel territorio controllato da Tbilisi.
"Il nostro villaggio è diventato un vicolo cieco: come le nostre vite", ha detto un residente di Khurcha di 85 anni.

Gli attraversamenti effettuati fuori dai punti designati e senza documenti adeguati, spesso difficili da ottenere, sono considerati illegali dalle autorità russe e locali. Questo porta a centinaia di persone arbitrariamente detenute ogni anno, alcune delle quali presumibilmente percosse e sottoposte ad altri maltrattamenti in detenzione.
“Le autorità russe e le autorità di fatto dei territori separatisti devono riaprire i punti di passaggio precedentemente chiusi e allentare le restrizioni di movimento per i locali che vivono vicino alla linea amministrativa. Quando si applicano restrizioni alla libera circolazione, devono essere strettamente necessarie, dettate da autentiche considerazioni di sicurezza o militari, e proporzionate", ha affermato Marie Struthers.

Inoltre, Amnesty International invita la Georgia a fornire un sostegno consistente alle famiglie i cui diritti economici, sociali e culturali sono stati compromessi a causa della "frontierizzazione", comprese quelle che hanno perso i propri mezzi di sostentamento.

Informazioni di contesto:

Le grandi questioni politiche alla base delle ostilità tra Georgia, Russia e le due regioni separatiste accadute negli anni '90 e 2000 sono importanti e attuali, ma vanno oltre lo scopo della nostra ricerca.

Il briefing si basa su circa 150 testimonianze raccolte durante le trasferte in Georgia a marzo e luglio 2018 e giugno 2019. Amnesty International ha scritto al governo russo, alle autorità di fatto in Abkhazia e Ossezia del Sud/ Regione di Tskhinvali e al governo georgiano un riepilogo delle conclusioni e preoccupazioni in materia di diritti umani, offrendo alle istituzioni l'opportunità di rispondere e vedere il proprio contributo riflesso nel rapporto. Amnesty International ha ricevuto solo una risposta dalla Georgia.


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!

I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by