Ivo Jakovljevic (Novi list, 7.6) commenta la decisione di UniCredito italiano e Allianz tedesca di rinunciare a una delle banche più importanti della Croazia - la Zagrebacka Banka - dopo che tre settimane fa i due colossi finanziari avevano annunciato di voler comprare il 75% delle azioni dell'istituto bancario di Zagabria. Secondo Jakovljevic la decisione sarebbe motivata non soltanto dalla contestazione dei monopoli levatasi in ambito governativo croato (manifestata tra gli altri dal vicepresidente del governo Slavko Linic e dal governatore della Banca centrale Zeljko Rohatinski), ma in primo luogo dall'immagine negativa che una vendita di questo tipo produrrebbe nei medi croati. La verità però è che UniCredito e Allianz intenderebbero comprare la Zagrebacka nel prossimo autunno, e l'operazione avverrebbe per conto della Deutsche Bank che già controlla la maggior parte degli istituti finanziari dell'Italia settentrionale.

15/06/2001 -  Anonymous User

Ivo Jakovljevic (Novi list, 7.6) commenta la decisione di UniCredito italiano e Allianz tedesca di rinunciare a una delle banche più importanti della Croazia - la Zagrebacka Banka - dopo che tre settimane fa i due colossi finanziari avevano annunciato di voler comprare il 75% delle azioni dell'istituto bancario di Zagabria. Secondo Jakovljevic la decisione sarebbe motivata non soltanto dalla contestazione dei monopoli levatasi in ambito governativo croato (manifestata tra gli altri dal vicepresidente del governo Slavko Linic e dal governatore della Banca centrale Zeljko Rohatinski), ma in primo luogo dall'immagine negativa che una vendita di questo tipo produrrebbe nei medi croati. La verità però è che UniCredito e Allianz intenderebbero comprare la Zagrebacka nel prossimo autunno, e l'operazione avverrebbe per conto della Deutsche Bank che già controlla la maggior parte degli istituti finanziari dell'Italia settentrionale.


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!