Il cantante croato Marko Perković Thompson sul palco durante un suo concerto di agosto 2013

Marko Perković Thompson, agosto 2013 (roberta_f - Wikipedia CC BY-SA 3.0 )

In Croazia, sta suscitando grande scalpore la decisione dell’Alto Tribunale per le infrazioni che ha stabilito che il motto “Per la patria, pronti”, che apre una canzone del controverso cantante, non viola l’ordine e la quiete pubblica

05/06/2020 -  Lionella Pausin Acquavita

(Originariamente pubblicato su Radio Capodistria , il 4 giugno 2020)

Una legalizzazione, quella del motto utilizzato ai tempi del regime ustascia di Ante Pavelić, che divide il paese. Da una parte le forze di destra che salutano la decisione e dall’altra quelle di sinistra che la reputano inammissibile. Disgustati e increduli gli attivisti della “Casa dei diritti umani” di Zagabria secondo i quali la depenalizzazione della frase perché parte di un testo d’autore, risulta poco convincente. “Nessuna circostanza può portare alla negazione di un fatto inconfutabile: si tratta di un saluto che simboleggia il nazifascismo, una delle ideologie più cruente e malvagie della storia dell’umanità” dicono e ricordando le sentenze della Corte europea dei diritti dell’uomo e quelle della Corte Costituzionale croata affermano “oltre che a essere inconciliabile con i valori di una società civile e democratica, la decisione del Tribunale si contrappone a una serie di normative interne che esigono l’intervento delle preposte istituzioni”.

“Una vergogna per il potere giudiziario che attraverso il testo di una canzone legalizza l’eredità del NDH, lo Stato indipendente di Croazia ovvero il regime fantoccio di Pavelić” scrivono gli analisti della stampa liberale e democratica, mentre gli esperti di diritto pongono l’accento su alcune incongruenze: innanzitutto la nuova decisione del Tribunale per le infrazioni si contrappone a precedenti sentenze dell’organismo che, solo l’estate, scorsa aveva punito un altro esecutore della stessa canzone, mentre ora Thompson risulta innocente, inoltre - sebbene indubbiamente anticostituzionale - non c’è nessuno che possa ricorrere contro tale giudizio.

“Thompson non lo farà sicuramente, mentre la polizia, che ha avviato il procedimento contro il cantante in rappresentanza dello stato, non può farlo nemmeno” spiegano gli esperti secondo i quali comunque la Corte costituzionale dovrebbe - al di là degli improbabili ricorsi - esprimersi su un caso di lampante anticostituzionalità.

Naturalmente di tutt’altro parere gli opinionisti e i politici dell’ala destra con in testa Miroslav Škoro ed il suo Movimento patriottico , in corsa per le parlamentari del 5 luglio, che saluta la decisione del Tribunale. “ Reputo un’assurdità già l’aver messo in discussione la canzone di Thompson, che glorifica la Guerra patriottica, quando nel paese circolano i simboli del regime jugoslavo e comunista” ha affermato Škoro aggiungendo che “va riconosciuto e rispettato il merito e gli emblemi di chi ha combattuto per la libertà del paese”.

Ricordiamo che lo scorso 3 giugno il collegio generale dei giudici del Tribunale per le infrazioni ha decretato - con 15 voti favorevoli, 4 contrari ed un astenuto - che il motto “Per la patria pronti” che apre il brano patriottico intitolato “Čavoglave” del cantante Marko Perković Thompson non rappresenta una violazione dell'ordine e della quiete pubblica. Lo stesso tribunale dal 2015 in qua aveva emesso una serie di sentenze di condanna, interrotta lo scorso novembre con un primo decreto di assoluzione che ora è stato confermato ufficialmente.

Va detto che la Corte Costituzionale dal 2013 - in seguito alla “performance” dell’ex calciatore croato Josip Šimunić al termine di una partita di qualificazione per i mondiali - ha decretato più volte che lo slogan è contrario alla Costituzione e alle normative croate.

Della questione si era occupata pure una Commissione ad hoc istituita dal premier Plenković [nel 2017, per risolvere la questione della targa contenente il motto ustascia "Za dom spremni" apposta su un edificio nel centro della cittadina di Jasenovac, a poca distanza dal più grande campo di concentramento nei Balcani, ndr] con l’intento di disciplinare l’uso pubblico dei simboli dei regimi del secolo scorso.

Mesi di lavoro conclusisi con un nulla di fatto in quanto il rapporto finale stabiliva l’incostituzionalità del "Per la Patria, pronti", ma d’ altro canto ne permetteva l’uso in situazione di commemorazione per i membri di alcune formazioni militari e paramilitari [dell'HOS (Hrvatske Obrambene Snage) Forze di difesa croate, ala paramilitare del Partito croato dei diritti durante la guerra degli anni Novanta, ndr] uccisi in combattimento.

La canzone

La canzone "Bojna Čavoglave" di Marko Perković Thompson è stata incisa durante il conflitto degli anni '90. E' stata mandata in onda per la prima volta il 31 dicembre del 1991 sulle onde di Radio Split, quando ancora l'autore era uno sconosciuto. Negli anni del conflitto si ascoltava ovunque, anche al fronte, ed è diventata il simbolo della difesa del paese con la "Guerra patriottica" (Domovinski rat) come viene definito il conflitto '91-'95 in Croazia.


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!

I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by