L'Hdz forma il governo nello stesso anniversario della morte del generalissimo, Franjo Tudjman. Ma quale è stata la traiettoria della famiglia Tudjman dalla morte del Presidente? Una breve rassegna del percorso dei suoi esponenti più illustri.

18/12/2003 -  Drago Hedl Osijek

Per una strana coincidenza, il premier incaricato e presidente della Unione Democratica Croata (Hdz), Ivo Sanader, ha formato il governo il 10 dicembre, esattamente 4 anni dopo la morte del fondatore dell'Hdz e primo presidente della Croazia, Franjo Tudjman.

Il quarto anniversario della morte di Tudjman è stato celebrato più pomposamente all'estero, a Siroki Brijeg (Bosnia Erzegovina), che in patria. A Siroki Brijeg un grande monumento di bronzo - una statua di 3,2 metri raffigurante Tudjman - è stata posta nella piazza principale della città. In Croazia, solo qualche fiore sulla sua tomba. La famiglia Tudjman, un tempo sicuramente una delle famiglie più potenti del Paese, nel quarto anniversario della morte di Franjo sta progressivamente decadendo.

Il Fondo Umanitario "Per i bambini croati", della vedova di Tudjman, Ankica, non dà più molti profitti. Dalla morte di Franjo Tudjman, in realtà, il Fondo non è più riuscito a raccogliere grosse somme di denaro. Durante l'era Tudjman la situazione era molto diversa, quando i managers delle grosse compagnie statali, e di quelle private che erano in affari con le compagnie di Stato, donavano grosse somme al Fondo Umanitario di Ankica. Anche la figlia di Tudjman, Nevenka, è nei pasticci. Lei in questo momento è impegnata con molti processi, cercando di difendersi dall'accusa di aver preso una tangente di 2,6 milioni di kune (circa 350.000 euri), per aver favorito una impresa privata nell'aggiudicarsi lavori presso le istituzioni dello Stato.

Il suo figlio minore, Sinisa Kosutic, che ha sviluppato pienamente i suoi talenti nelle gare automobilistiche grazie al fatto che il nonno governava il Paese, non è più una star del mondo dello sport. Nel periodo tudjmaniano, Sinisa correva per le autostrade della Croazia, e gli sponsors inseguivano lui e le sue automobili. Suo fratello maggiore, Dejan, uno dei banchieri croati di maggior successo durante l'età d'oro dell'Hdz, che si era guadagnato il titolo adulatore di "genio delle banche" della nuova generazione, ha dovuto chiudere la sua "Kaptol Banka" in fallimento poco dopo la morte del nonno, per cominciare a fare affari fuori dalla Croazia.

Oggi, porta avanti il suo business a Belgrado, in Serbia, dove ha investito in una compagnia di spedizioni postali, la "Global Express". Anche Stjepan Tudjman, il figlio più giovane del Presidente, è lentamente precipitato dopo la morte del padre. Durante l'età d'oro dei Tudjman, Stjepan aveva costruito il suo impero sotto l'egida della compagnia "Domovina" (Patria). Il figlio del grande leader era stato autorizzato a diventare il maggior fornitore di alimentari per i ministeri della Difesa e degli Affari Interni. Il cibo veniva venduto ad un prezzo molto più alto del suo valore di mercato. Stjepan, poi, era anche proprietario di molti bar e ristoranti di élite a Zagabria. Dopo il 2000, tuttavia, anche il suo impero è crollato.

Miroslav, il figlio maggiore del Presidente, ex capo dei servizi spionistici, si è tenuto alla larga dal business decidendo che il suo futuro stava nella politica. Ha fondato il partito del "Vero Rinascimento Croato", sperando che il suo cognome attraesse elettori delusi dalla reputazione dell'Hdz. Le recenti elezioni, tuttavia, hanno mostrato che il piano non è funzionato alla perfezione. Il partito di Tudjman non è riuscito a raccogliere in nessuna circoscrizione croata i voti necessari per entrare in Parlamento. La traiettoria della famiglia Tudjman mostra che non è poi così facile fare affari, sport, lavoro umanitario e politica senza un piccolo aiuto da parte di un potente genitore...

Vedi anche:

- Le imprese criminali dell'HDZ

- La rapina del secolo. Breve storia delle privatizzazioni in Croazia


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!