Il Ministro degli interni croato Sime Lucin ha annunciato una serie di azioni che dovrebbero scardinare i vertici del crimine organizzato nel paese (Vecernji list, 18.5). Lo stesso giorno è apparsa sui quotidiani nazionali la notizia dell'arresto di due avvocati e un ex-agente della polizia segreta, accusati di aver fatto da mediatori nella corruzione di alcuni giudici.
Altri nomi eccellenti circolano sulla stampa locale, in particolare nella comunità istriana di Pola: tra questi il presidente della Corte suprema locale Ivan Milanovic, e l'avvocato di Zagabria Anto Nobilo. Il primo ha già dichiarato la sua estraneità ai fatti: "Non ho mai guadagnato nessun denaro al di fuori del salario statale" (Novi list, 19 maggio). Nobilo invece si è difeso accusando il Procuratore della Repubblica di Pola, Radovan Ortynski, di aver estorto false dichiarazioni al suo assistito Miroslav Kutle. Questi, personaggio di fiducia dell'ex-presidente Tudjman e fino al 1999 uomo più ricco del paese, è stato rimesso in libertà il 18 maggio scorso dopo 15 mesi di carcerazione preventiva. Secondo Nobilo, il procuratore Ortynski avrebbe ricattato il prigioniero Kutle chiedendogli di testimoniare contro Ivic Pasalic (attuale capo dell'ala destra radicale interna all'HDZ, e già consigliere principale dell'ex-presidente Tudjman) e contro l'ex-generale Ljubo Cesic Rojs, ambedue sospettati di aver partecipato al saccheggio della ricchezza nazionale. Ortynski ha immediatamente annunciato un'adeguata risposta a queste pesanti accuse.
La cronaca di Pola non è nuova a vicende di corruzione: recentemente infatti il vice-sindaco del capoluogo istriano Mario Quaranta si è dovuto dimettere per lo scandalo provocato dal suo arresto per presunta corruzione. La polizia croata lo avrebbe pescato con ancora in tasca una mazzetta proveniente da un intermediario che lavora per la ditta italiana Chini costruzioni - nota come una delle principali imprese del mattone in Trentino. La cronaca poi non ha seguito molto il caso, stretta com'era tra la polemica sul bilinguismo nella regione e le elezioni amministrative che hanno coinvolto anche Pola. Resta il fatto che molti segnali indicano come la Croazia attuale, pur non raggiungendo i livelli di economia off-shore che si vedono ad esempio in Montenegro, sia attraversata da profondi fenomeni di criminalità economica e di corruzione diffusa. E questo avviene mentre vasti pezzi del paese, dalle risorse turistiche della costa al sistema bancario, stanno finendo in mani straniere - tedesche e italiane in particolare.

25/05/2001 -  Anonymous User

Il Ministro degli interni croato Sime Lucin ha annunciato una serie di azioni che dovrebbero scardinare i vertici del crimine organizzato nel paese (Vecernji list, 18.5). Lo stesso giorno è apparsa sui quotidiani nazionali la notizia dell'arresto di due avvocati e un ex-agente della polizia segreta, accusati di aver fatto da mediatori nella corruzione di alcuni giudici.
Altri nomi eccellenti circolano sulla stampa locale, in particolare nella comunità istriana di Pola: tra questi il presidente della Corte suprema locale Ivan Milanovic, e l'avvocato di Zagabria Anto Nobilo. Il primo ha già dichiarato la sua estraneità ai fatti: "Non ho mai guadagnato nessun denaro al di fuori del salario statale" (Novi list, 19 maggio). Nobilo invece si è difeso accusando il Procuratore della Repubblica di Pola, Radovan Ortynski, di aver estorto false dichiarazioni al suo assistito Miroslav Kutle. Questi, personaggio di fiducia dell'ex-presidente Tudjman e fino al 1999 uomo più ricco del paese, è stato rimesso in libertà il 18 maggio scorso dopo 15 mesi di carcerazione preventiva. Secondo Nobilo, il procuratore Ortynski avrebbe ricattato il prigioniero Kutle chiedendogli di testimoniare contro Ivic Pasalic (attuale capo dell'ala destra radicale interna all'HDZ, e già consigliere principale dell'ex-presidente Tudjman) e contro l'ex-generale Ljubo Cesic Rojs, ambedue sospettati di aver partecipato al saccheggio della ricchezza nazionale. Ortynski ha immediatamente annunciato un'adeguata risposta a queste pesanti accuse.
La cronaca di Pola non è nuova a vicende di corruzione: recentemente infatti il vice-sindaco del capoluogo istriano Mario Quaranta si è dovuto dimettere per lo scandalo provocato dal suo arresto per presunta corruzione. La polizia croata lo avrebbe pescato con ancora in tasca una mazzetta proveniente da un intermediario che lavora per la ditta italiana Chini costruzioni - nota come una delle principali imprese del mattone in Trentino. La cronaca poi non ha seguito molto il caso, stretta com'era tra la polemica sul bilinguismo nella regione e le elezioni amministrative che hanno coinvolto anche Pola. Resta il fatto che molti segnali indicano come la Croazia attuale, pur non raggiungendo i livelli di economia off-shore che si vedono ad esempio in Montenegro, sia attraversata da profondi fenomeni di criminalità economica e di corruzione diffusa. E questo avviene mentre vasti pezzi del paese, dalle risorse turistiche della costa al sistema bancario, stanno finendo in mani straniere - tedesche e italiane in particolare.


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!