Il logo di 'Danubio, l'Europa si incontra

Ultimo giorno del viaggio lungo il Danubio. Al Sava Center si presenta l'appello "L'Europa oltre i confini"

21/09/2003 -  Anonymous User

Il logo di 'Danubio, l'Europa si incontra

Ore 9

Dalla notte precedente. Consiglio per turisti dispersi a Belgrado. ATTENZIONE! Non è uno scherzo: nella capitale serba esiste l'hotel M e l'hotel N (in caratteri cirillici si scrive H). I due edifici si trovano a qualche isolato l'uno dall'altro, ma quando siete seduti in un taxi e l'autista vi chiede dove volete andare, badate a pronunciare molto bene il nome dell'albergo in cui avete prenotato la vostra stanza.
E' una disavventura non troppo rara (al gruppo dell'Osservatorio è capitato tre o quattro volte) e che costa disappunto del tassista e qualche centinaio di dinari spesi per nulla. Inoltre, se il sopra citato tassista non conosce bene la sua stessa città, nella quale fa un lavoro che presupporrebbe una certa perizia nell'individuare anche i vicoli più bui e misteriosi della città vecchia, il rischio è di trovarsi in quartieri sconosciuti e potenzialmente persi per sempre.

Ore 10

Ultimo giorno a Belgrado. La cornice è la stessa di ieri: il gruppo si ritrova nella stessa astronave-centro congressi «Sava Centar» per l'ultimo giorno di seminari. Domani, domenica, si faranno le valigie e dopo dieci giorni faticosi e densi ci si perderà di vista per un po'. Nella giornata conclusiva è previsto l'intervento di ambasciatori e diplomatici. Ci sarà anche la festa finale presso la sede dell'ambasciata italiana, ma tutti vorrebbero più tempo per girare Belgrado, comprare qualche libro, godere di questa città così bella. Dei suoi contrasti, dei fiumi di uomini e donne, dell'allegria e della disponibilità.

Ore 17

«Danubio: l'Europa si incontra» edizione 2003 è' ufficialmente concluso. Soddisfatti? Mah, forse è presto per dirlo. Una data di ingresso per i paesi del Sud Est Europa nell'Europa di serie A ancora non esiste, i cittadini di questi paesi continuano a essere protagonisti di problemi grandissimi quando devono affrontare un viaggio oltre confine in direzione dell'Unione e, come ribadito più volte nel corso dei seminari qui a Belgrado, il quadro attuale potrebbe essere delineato da uno slogan: «Che il Muro di Schengen non sia un nuovo Muro di Berlino».
Eppure è così. E' successo all'inizio del viaggio, quando il nostro amico Elidon, operatore presso il centro giovanile di Valona, rischiava di non poter partecipare a questa iniziativa soltanto per un problema di visti d'ingresso. Queste e altre questioni delineano una situazione ancora lontana dall'essere risolta.
A presto nuova Europa.

Massimo Gnone - Osservatorio sui Balcani/Vita

Vai al diario del 19 settembre
Vai al diario del 18 settembre
Vai al diario del 17 settembre
Vai al diario del 16 settembre
Vai al diario del 15 settembre
Vai al diario del 14 settembre
Vai al diario del 13 settembre
Vai al diario del 12 settembre


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!