Un libro che è anche - ma non certo solamente - la storia di un cammino comune fatto da Diego Zandel e noi di Osservatorio Balcani e Caucaso. Una recensione

16/04/2018 -  Davide Sighele

Con Diego Zandel noi di OBCT abbiamo iniziato a collaborare ormai sei anni fa. Una relazione che è cresciuta, nel tempo, di una progressiva conoscenza reciproca e che ha portato ai nostri lettori decine di incursioni nelle letterature del sud-est Europa.

Ci siamo avvicinati in modo naturale, come le barche sono spinte a frequentare le insenature più riparate. Ci siamo attratti a vicenda per DNA. Per noi metaforico, per Diego non solo.

La storia personale di Diego è infatti fortemente legata ai paesi a noi cari. Diego è figlio di esuli da Fiume, ha conosciuto l'essere profugo e questa sua origine ha poi avuto molta rilevanza nei suoi libri. Ma Diego è anche legato in modo viscerale alla Grecia, in particolare all'isola di Kos, della quale era originaria la moglie Anna. Da nord a sud, quindi, la sua biografia è un abbraccio dell'intera penisola balcanica. Come la nostra.

“Balcanica. Viaggio nel Sud-Est europeo attraverso la letteratura contemporanea” [Novecento Libri, 2018; pp. 252, euro 16,50; collana “Entroterra”, prima uscita] è la sua ultima fatica e racconta molto del nostro incontro. È una raccolta di articoli, saggi brevi, interviste e schede editoriali dedicata alla letteratura e alla cultura del sud-est Europa. Alcuni di questi pezzi i nostri lettori li hanno già incontrati sulle pagine di OBCT, altri sono stati pubblicati da “Il Piccolo”, “La Gazzetta del Mezzogiorno” e “Thriller Magazine”.

La consapevolezza di appartenere alla stessa famiglia deriva anche dal rivedere, nella lettura di questa raccolta, molti amici – nonché letture - in comune. Per citarne solo alcuni Predrag Matvejević, Giacomo Scotti, Francesco Strazzari, Slavenka Drakulić, Dubravka Ugrešić, Drago Hedl. Con molti di loro, Diego compreso, in questi anni abbiamo cercato di raccontare e capire assieme l'Adriatico, il sud-est Europa, l'Europa allargata.

Diego è un assiduo lettore di letteratura balcanica sin dalle sue estati giovanili trascorse presso i parenti a Fiume. “Mi sono letto tutti, ma proprio tutti, gli autori jugoslavi che l'Edit, la casa editrice della minoranza italiana, traduceva allora in italiano, da Il sole era lontano di Dobrica Ćosić a Terra e donne di Ivan Potrč, da Martin Kačur di Ivan Cankar ai tanti libri per ragazzi...", racconta.

Da allora non ha più smesso e questo libro è una sorta di quaderno di appunti in cui invita anche noi lettori ad innumerevoli passeggiate letterarie, fornendoci la mappa dei sentieri possibili. Senza però vincolarci ad un percorso prestabilito. Non è nel suo stile, non è nel suo essere curioso e gentile viaggiatore. Lo chiarisce del resto lo stesso Diego, fin dall'inizio: questo libro non vuole essere una summa di tutta la letteratura dei Balcani ma piuttosto una serie di incursioni personali nella stessa.


I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by