Immagine tratta da Kosovo 2.0

Il critico musicale di Kosovo 2.0 ha selezionato i migliori eventi culturali on-line della regione dei Balcani

30/04/2020 -  Đorđe Krajišnik

(Quest'articolo è stato originariamente prodotto e pubblicato da Kosovo 2.0 il 19 aprile 2020. E' stato qui ripubblicato con il loro permesso)

Le attività culturali ed artistiche sono state profondamente colpite dalla pandemia di covid-19. La crisi attuale ha avuto un forte impatto principalmente sulle arti performative in quanto ogni evento culturale di massa è stato sospeso durante il lockdown.

Tuttavia, dato che viviamo in un tempo segnato dalla prevalenza di internet e social media, la pandemia ha aperto le porte a numerose possibilità on-line per le produzioni artistiche e culturali.

Un numero significativo di istituzioni regionali culturali, collettivi artistici e piattaforme hanno deciso di portare avanti le loro attività nello spazio virtuale e offrono un'abbondante quantità di contenuti accessibili anche gratuitamente.

I teatri registrano in streaming le loro performance, gallerie e musei allestiscono esibizioni virtuali, film festival e case di produzione cinematografiche stanno condividendo i loro film, i musicisti eseguono le loro composizioni, gli autori leggono i loro racconti e le loro poesie. Una così vivace vita culturale mostra che la produzione culturale ha trovato un modo per resistere - nonostante tutto.

Inoltre questa crisi ha portato alla luce un considerevole livello di solidarietà tra gli artisti e i cittadini nella regione, che è sicuramente uno degli elementi più importanti dello sforzo creativo.

Qui presentiamo alcuni dei più convincenti contenuti in ambito regionale disponibili online gratuitamente.

Teatri regionali online

Un gruppo Facebook chiamato ''Teatro a Casa 2020 '' è stato da poco fondato dal drammaturgo Almir Imširević e da suoi colleghi dal mondo del teatro. Ha raggiunto gli 800 followers in meno di dieci giorni con contenuti che ogni giorno provengono da varie parti della regione dei Balcani.

"Ho ripreso me stesso mentre leggevo un estratto dal un mio manoscritto e poi ho invitato i miei amici a fare lo stesso - a recitare i loro versi, a cantare, danzare, parlare. La risposta  è stata confortante e d'ispirazione. Il teatro - come ho sempre creduto - è molto più di qui e ora", dice Imširević.

Lo scrittore ci dice che per lui questo mondo non è molto diverso da quello in cui è cresciuto: "Sfortunatamente, provo a trasmettere la mia conoscenza della solitudine agli altri, ad insegnare loro a non avere paura", aggiunge.

"In questi giorni mi sento come Dylan Dog in uno degli episodi in cui è più debole. Fortunatamente me ne sto nel mio appartamento con mia figlia Hanan e il nostro husky. Cantiamo, parliamo, leggiamo, cuciniamo e ci ritiriamo nelle nostre camere ogni tanto", dice l'autore della sua routine di isolamento.

"Credo sia stato Anton Chekhov a scrivere la grande storia di un uomo che volontariamente accettò di stare rinchiuso solo per una scommessa e che - dopo anni di solitudine - rinunciò al premio: si possono scoprire cose meravigliose in solitudine, si possono incontrare le menti più sagge''.

Parlando di Teatro a Casa 2020, lo scrittore dice che è un gruppo importante in quanto le persone hanno bisogno di leggere non meno di quanto si abbia bisogno di parlare e del dialogo umano.

Uno degli storici festival di teatro nella regione, MESS, ha deciso di caricare alcuni dei migliori brani delle precedenti 59 edizioni sul suo canale ufficiale YouTube .

L'iniziativa era stata annunciata ad una conferenza stampa per il World Theatre Day, il 27 marzo. Più tardi, quel giorno, i responsabili del MESS hanno rivelato che la 60esima edizione del festival si sarebbe tenuta a Sarajevo in ottobre. Il tema centrale dell'edizione di quest'anno sarà "Nostalgia For Future", un desiderio di "raggiungere un sogno di sicurezza, pace e solidarietà".

Un altro progetto virtuale portato avanti dal MESS è Memory Module con un'esibizione online del fotografo Velija Hasanbegović intitolata "Migrant Abas". L'esibizione segue un bambino di nove anni che vive attualmente in uno dei centri per i migranti in Bosnia Erzegovina.

"Nonostante la pandemia, la paura e i pericoli per cui il 2020 sarà ricordato, non c'è dubbio che faremo ogni cosa per rendere il MESS il lato positivo della storia - la storia di persone buone, di solidarietà, empatia, dell'importanza che l'arte e la libertà portano in tutte le società", ha dichiarato il direttore del festival alla conferenza stampa del World Theatre Day.

"La nostra esperienza serve inoltre come spinta per ciò che dovrà accadere, per spronarci ad andare oltre il movimentato passato e l'inizio del nuovo secolo. Guardare avanti è certamente simile ad una scintilla di una vita nuova, una ricerca nostalgica per qualcosa di non reale".

Heartefact Fund ha lanciato Heartrospective , un programma online che trasmette in streaming spettacoli ogni venerdì.

Alcuni di questi spettacoli prodotti da Heartefact Fund hanno avuto un impatto duraturo sulla scena culturale regionale negli ultimi 20 anni; il programma online è stato ora lanciato con Hypermnesia , diretto da Selma Spahić.

Un programma simile è stato inaugurato da Yugoslav Drama Theater e viene presentato ogni giovedì sul suo sito web e sul canale YouTube del teatro . Oltre alle performance in streaming, il teatro invita le persone  a stare a casa e a spendere del tempo di qualità per aiutarsi a vicenda ad uscire dall'isolamento più facilmente.

Un altro notevole progetto è portato avanti dalla Società degli Scrittori Croati. Come parte di una sua serie quotidiana sulla quarantena , scritti e/o video sono postati online quotidianamente - creati per quest'occasione da scrittori e artisti indipendenti.

Al progetto si sono uniti attori dello Zagreb Youth Theatre che filmano e condividono le loro interpretazioni sotto il titolo ''Attori dalla Quarantena '' .

Il Teatro Nazionale del Kosovo di Pristina, insieme ad altri teatri in Kosovo, si sta organizzando per trasmettere in streaming i propri spettacoli ogni weekend in aprile . Dopo aver annunciato un interessante programma, il direttore artistico del Teatro Nazionale, Adrian Morina, ha sottolineato che si augura che le performance on-line terminino nel più breve tempo possibile "così possiamo tornare alle nostre vite normali e i cittadini possono avere la libertà di cui hanno bisogno".

La stagione dei concerti su internet

Il virus ha persino fermato i Dubioza Kolektiv, una delle band più popolari nella regione. In risposta hanno cominciato il loro Quarantine Show. Le loro performance sono live ogni lunedì alle 20:30, durano circa 20 minuti e sono seguite da decine di migliaia di persone in tutto il mondo.

"Nel tentativo di trovare un modo per rendere questi lunghi giorni in auto-isolamento più corti e più interessanti sia per noi che per altre persone, abbiamo deciso di creare la serie Dubioza Kolektiv Quarantine show", hanno scritto i membri della band sul loro profilo Facebook.

"Ogni membro della band suonerà da casa propria e le persone potranno guardare sul nostro canale YouTube e su altri social media. Se non possiamo venire nella vostra città per suonare - verremo nei vostri computer, tablets, cellullari", spiegano, invitando ognuno ad alzare il volume così da poter ballare, saltare e cantare insieme.

"Se i tuoi vicini si lamentano, manda loro un link e chiedi loro di unirsi", aggiungono.

Ha adottato un approccio un po' differente la band di Sarajevo Letu Štuke, che ha inaugurato un programma per l'isolamento chiamato ''Quarantine Antenna '' il cui scopo è dare vita a vecchi pezzi creando nuovi video durante questo periodo di auto isolamento.

"In questo tempo di pandemia e quarantena, sentiamo il bisogno di comunicare con i nostri fans", dice Dino Šaran, frontman della band. "Dunque, abbiamo alzato le nostre antenne per trasmettere delle canzoni storiche con video nuovi. Prendiamoci un momento per riflettere sul nostro mondo e su noi stessi e dopo concentriamoci sulla vita e la sua essenza. Ogni cosa passa e così la pandemia. Prendiamoci cura di noi stessi e degli altri. Siamo responsabili".

L'Orchestra Filarmonica di Belgrado (BGF) trasmette in streaming i suoi concerti, con un repertorio aggiornato ogni giorno . La programmazione dei concerti è disponibile sulla loro pagina Facebook , dove sono accompagnati da una grande varietà di altri contenuti: ve ne sono in primo piano ogni giorno, così i visitatori possono "incontrare" differenti musicisti ma hanno anche la possibilità - ogni martedì - di parlare con gli ospiti di BGF: musicisti e conduttori ora impossibilitati a raggiungere la Filarmonica per concerti precedentemente programmati.

"Solo qualche mese se qualcuno mi avesse detto che la prima cosa a cui si sarebbe pensato parlando di corona ("pausa nel linguaggio musicale) era pandemia invece che una forma di annotazione musicale o la metafora per invitare a prendere una birra dopo un concerto, non gli avrei creduto", dice il direttore del BGF Ivan Tasovac.

"Questo corona ci ha separato gli uni dagli altri ma si immagini cosa l'isolamento sarebbe stato senza internet. Così, in questo mare di contenuti di qualità disponibili velocemente, siamo nella posizione di offrirti cose per cui la musica viene ascoltata e la Filarmonica di Belgrado è amata. Questa è la nostra missione", dice Tasovac.

Programmazione di film in isolamento

Restart - un'organizzazione focalizzata sulla produzione, educazione, distribuzione e esibizione di documentari creativi con sede a Zagabria - ha deciso di postare 20 documentari dalla regione e oltre on-line; i film saranno gratuiti fino a fine aprile ma eventualmente anche di più se il lockdown continuasse.

"Crediamo che la pandemia di COVID-19 sicuramente lascerà un segno per tanto tempo nel mondo in cui viviamo e sarà probabilmente così profondo che non sarà più la stessa cosa, Restart ha deciso di rendere più semplice per tutti perseverare durante il lockdown in quanto stiamo tutti aspettando che venga il futuro e renda la pandemia una cosa del passato", ha dichiarato l'organizzazione.

Alcuni dei titoli disponibili sono il miracolo cinematografico della Macedonia del Nord ''Honeyland'', ''Leonard Cohen: Bird on a Wire'' e ''Citizenfour'', un documentario su Edward Snowden.

Film gratuiti da guardare sono offerti anche dal Motovum Film Festival (MFF) in veste di uno dei partner del festival online ''My Darling Quarantine ''. Esso è stato lanciato su iniziativa di Enrico Vannucci, un curatore di cortometraggi al Festival Internazionale del Cinema di Venezia.

Come parte del programma, MFF seleziona e carica sette cortometraggi distopici ogni settimana, dando l'opportunità di votare quelli che si preferiscono. MFF ha anche promosso una campagna di raccolta fondi - metà dei fondi raccolti sarà destinata a supportare la scena culturale indipendente e l'altra metà andrà all'organizzazione Medici Senza Frontiere che lavora senza sosta per contenere il diffondersi del virus nei campi profughi e tra le persone vulnerabili in Grecia e lungo la Rotta dei Balcani.

Anche Pula Film Factory ha affiancato MFF continuando al sua programmazione pur evitando incontri pubblici. Il gruppo di Pola ha introdotto la Digital Film Quarantine , un nuovo concetto che consente di proiettare film online e discuterne attraverso l'interazione sui social media.

La sedicesima edizione del ZagrebDox International Documentary Film Festival è stata rinviata a causa dello scoppio della pandemia, ma il programma ZagrebDox Pro rivolto ai professionisti del cinema si è tenuto ugualmente, on-line, dal 15 marzo. "Anche se siamo stati costretti a cambiare il formato del festival a causa di questa sfortunata serie di eventi, sarà interessante e una vera sfida per noi testare le nuove opportunità che saranno il risultato di questo approccio innovativo ed espandere l'utilizzo di questi strumenti e formati", ha dichiarato Marina Burić, produttrice di ZagrebDox Pro.

Anche DokuFest - il più grande festival cinematografico del Kosovo - ha seguito l'esempio nel programma "Sweet and Short Quarantine" proiettando ogni giorno un film prodotto dal DokuFest Documentary Film Center.

Nel frattempo, il Kosovo Cinematography Center (QKK) trasmette i film realizzati in Kosovo sul proprio profilo Facebook in collaborazione con RTK, l'emittente pubblica del Kosovo.

Viaggi nei musei virtuali

I musei tengono il passo con le altre istituzioni culturali in questa reazione online contro la pandemia.

Una campagna chiamata "Let's Let Live Culture #stayhome " è stata avviata dal ministero della Cultura montenegrino con l'obiettivo di fornire alla popolazione del Montenegro contenuti culturali e artistici durante questo periodo di isolamento.

"Il ministero della Cultura ha aderito a pieno titolo alla campagna #stayhome, attraverso la creazione di una piattaforma composta da diversi canali di comunicazione su cui tutti i cittadini saranno in grado di accedere ai media riguardanti la cinematografia, il teatro, la musica e l'arte montenegrina, nonché una pletora di programmi", ha annunciato il ministero.

Il Museo Nazionale del Montenegro partecipa organizzando tour virtuali attraverso quattro dei suoi musei: il Museo del Re Nikola, il Museo d'Arte, il Museo di Storia e la Bijarda di Njegoš.

Facendo un ulteriore passo avanti, il Museo storico della Bosnia Erzegovina ha deciso di commemorare il 6 aprile - il giorno della liberazione di Sarajevo durante la Seconda guerra mondiale - aprendo una mostra online dal titolo "Was Ist Walter ?". Il titolo è un'allusione alla ricerca di eroi contemporanei che ricordano Vladimir Perić Valter, che ha preso parte alla liberazione della città. Annunciato come "un viaggio critico attraverso la storia di Sarajevo", la mostra si sarebbe dovuta tenere nel giardino del museo, ma a causa dell'epidemia di COVID-19 il piano ha subito delle modifiche.

"La mostra non ci aiuterà a trovare un vaccino o una cura per il coronavirus. Speriamo, tuttavia, che ci aiuti a ricordare a noi stessi tutti i valori che hanno mantenuto lo spirito di Sarajevo nel corso della storia, nonostante tutte le crisi. Uno spirito di solidarietà e resistenza, la personificazione di ciò è Valter stesso", ha affermato il consiglio del museo.

Il bassista della band Let 3 di Fiume Damir Martinović Mrle e Ivanka Mazurkijević si sono uniti sotto lo pseudonimo di Lee&IvaneSky per creare "Rain Jollies", un album per bambini pubblicato sia in formato audio che come libro da colorare.

Il loro canale YouTube contiene brevi video in cui Mrle legge storie della buona notte tra cui ad esempio "Muha, Muhičica i Muhačak".

E qualcosa di straordinariamente interessante viene dall'Albania. Il designer di arti grafiche albanese Renato Tata e la sua partner creativa Stefania Esposito hanno progettato una serie di salvaschermi che ricordano alle persone di pulire i loro telefoni e lavare le mani. Lo screensaver #AntiCOVID19 è un esempio di arte che fa la sua parte per aiutare e di arte posta direttamente nelle mani del pubblico.

Questa è solo una piccola parte di una notevole quantità di contenuti offerti al pubblico regionale da istituzioni culturali e artistiche e da singoli artisti.

L'inevitabile domanda è: uno spettacolo teatrale da casa o un concerto dal proprio balcone è lo stesso di essere a teatro o assistere a un concerto con altre persone?

Certamente no, e ovviamente non c'è sostituto della caratteristica atmosfera di condividere un'esperienza teatrale o concertistica. Tuttavia, grazie alla rapida risposta delle istituzioni culturali e degli artisti, questo contenuto è ora disponibile per noi almeno in parte. Ciò svolgerà un ruolo importante durante i giorni di inattività dell'isolamento.

Tuttavia, rimane una domanda cruciale: in che modo le istituzioni culturali possono proseguire le loro attività dopo la fine della pandemia? Alcuni ministeri della cultura nella regione hanno già promesso di sostenere la cultura e l'arte in questo difficile periodo, ma si deve ancora vedere se riusciranno a mantenere le promesse.

Indipendentemente dall'entità della turbolenza causata dall'attuale situazione economica, dovremmo tenere presente che senza produzione culturale e artistica, ogni società è condannata all'oscurità ed è priva di speranza. 


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!

I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by