Tirana (©Lumiere et compagnie/Shutterstock)

Tirana (©Lumiere et compagnie/Shutterstock)

Anemica per l'esodo dei suoi cittadini, l'Albania è ora a corto di manodopera. In alcuni settori, come i servizi alla persona e l'edilizia, in aumento l'assunzione di persone provenienti da paesi dell'Africa o dell'Asia

02/03/2020 - 

(Pubblicato originariamente da Monitor, selezionato e tradotto da Courrier des Balkans e Obct)

Sono trascorse poche settimane da quando Chandra Selli è arrivata in Albania per lavorare. Attualmente fa la cameriera a Tirana. Suo marito vive in Italia e il resto della famiglia è rimasto in Sri Lanka.

“Sono arrivata di recente e mi piace molto Tirana. La gente parla con me, mi saluta. Sono una cameriera ma è un lavoro temporaneo, presto lavorerò come colf per una famiglia. Ho lasciato il mio paese perché non riuscivo a trovare lavoro ed ho due figli da mantenere. Sono davvero felice, penso che resterò qui per molto tempo”, racconta.

Come Chandra, anche Stanley Still è appena arrivato a Tirana. Originario della Nigeria, ha da poco iniziato a lavorare per un'azienda di sicurezza privata. "Vengo da un paese povero, dove è difficile trovare un lavoro, ma devo prendermi cura della mia famiglia. Per prima cosa sono andato in Turchia, non ho trovato che lavoretti temporanei, per qualche settimana o massimo un mese. In Albania, ho contattato alcune agenzie di reclutamento e sono riuscito a firmare un contratto con un'azienda locale. Lavorerò come guardia giurata e guadagnerò uno stipendio decente. Mi piace molto Tirana, le persone sono gentili con me ovunque io vada", spiega. Le questioni migratorie non sono certo cosa nuova per l'Albania. Negli ultimi anni sono molte le lavoratrici e i lavoratori qualificati partiti per l'Europa occidentale. Questo ora mette a repentaglio la produttività delle imprese albanesi.

Secondo Ermal Jauri, direttore dell'agenzia interinale Europe Agency, "le aziende sono alla ricerca di professionisti stranieri in sostituzione del personale albanese. Questa è l'unica soluzione che è rimasta loro. Mentre parliamo, abbiamo 120 posti vacanti per stranieri. La domanda è generalizzata, ma il settore che è altamente alla ricerca di personale è quello dei servizi. Abbiamo bisogno sia di persone senza particolari qualifiche che di programmatori e informatici. Molte aziende sono anche pronte a formare i propri futuri dipendenti, a condizione che firmino contratti a lungo termine”.

Secondo gli uffici del lavoro albanesi, ogni mese vengono firmati nuovi contratti con lavoratori provenienti da paesi dell'Africa e Asia: hanno basse richieste dal punto di vista salariale e sono pronti a fare tutti i tipi di lavori. Diventano commessi, camerieri, baristi, babysitter o lavorano presso i distributori di benzina. Molti di loro sono anche impiegati nel settore edile. La domanda è anche molto forte nel settore dell'informatica. Secondo l'Istituto albanese di statistica (INTSTAT), nel 2018 il numero di stranieri in possesso di un permesso di soggiorno per lavoro era di 14.162, in crescita del 9,7% rispetto al 2017.

Anche le aziende tessili si trovano ad affrontare un'emigrazione intensa dei propri dipendenti. Secondo Gjergji Gjika, a capo dell'Unione dei produttori tessili e calzaturieri dell'Albania, quasi il 5% dei dipendenti del settore ha lasciato il proprio posto nel 2019. “In precedenza, coloro che lasciavano venivano facilmente sostituiti, anche da lavoratori non qualificati, ma ora non è rimasto nessuno", continua. "Finora non abbiamo avuto contatti con aziende interinali all'estero per far arrivare lavoratori ma se gli albanesi continuano ad andarsene, saremo costretti ad assumere persone provenienti da altri paesi".

Secondo un sondaggio di EP & Partners Consultancy, oltre il 60% dei dipendenti in Albania afferma di essere insoddisfatto delle proprie condizioni di lavoro a causa di bassi salari, straordinari non retribuiti e opportunità di carriera limitate. Motivo sufficiente per spingere gli albanesi a cercare migliori opportunità al di fuori dei confini del loro paese.


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!

I commenti, nel limite del possibile, vengono vagliati dal nostro staff prima di essere resi pubblici. Il tempo necessario per questa operazione può essere variabile. Vai alla nostra policy

blog comments powered by