MALA APOKALIPSA
soggetto, sceneggiatura e regia / ALVARO PETRICIG
fotografia e montaggio / PAOLO COMUZZI
composizione sonora / MASSIMO TONIUTTI
voce / ANJA MEDVED, ELENA BUCCI
aiuto regia, organizzazione e interviste / MICHELA PREDAN
traduzioni / MICHELA PREDAN, ŽIVA GRUDEN, KSENIJA LEBAN, NACE NOVAK
segretaria di produzione / SARA HOBAN
produttrice esecutiva / MATEJA ZORN, MARTINA HUMAR
produttore / ALEŠ DOKTORIČ
coproduttori / CIRCOLO DI CULTURA - KULTURNO DRUŠTVO IVAN TRINKO
produzione / ZAVOD KINOATELJE, KINOATELJE
video 41'

26/03/2008 - 

ITA - Mala apokalipsa non è un documentario in senso stretto e tantomeno è una fiction. Con un paradosso, potremmo definirlo un "documentario di fantascienza", che prende comunque spunto da una storia realmente accaduta: la morte di un paese. 

Cisgne è (era) un piccolo borgo delle Valli del Natisone, che le logiche economiche del vivere moderno - simili qui a quelle di tanti altri luoghi montani o marginali - hanno condannato all'abbandono e alla rovina. In questo caso, l'abbandono definitivo è avvenuto in seguito al terremoto del 1976, quando agli ultimi abitanti è stata prospettata come unica soluzione il trasferimento in altre abitazioni a fondovalle, per quanto il paese non avesse subito danni rilevanti.
Il racconto filmico mette in relazione testimonianze e ricordi legati alla vita quotidiana nel paese e al suo declino - partecipati e anche dolorosi, evocati da immagini che sembrano corrose dalla sostanza stessa del ricordo - con riflessioni e intuizioni sul senso del tempo che il paesaggio delle rovine può suscitare ad uno sguardo "esterno", scevro da implicazioni biografiche personali.
L'apocalisse in luoghi come Cisgne non si annuncia con fragore e squilli di tromba: è uno sprofondamento che avviene in sordina, come si conviene alle "periferie dell'impero", i cui accadimenti non suscitano interesse o scalpore; la sua forma visibile è la vitalità vorace della natura che seppellisce e cancella le tracce dell'esperienza umana nella suprema indifferenza delle vicende, piccole o grandi, della storia.
E le tante, future Cisgne delle Valli del Natisone sono lì, sospese nell'attesa di dimostrarlo.

SLO - Mala apokalipsa ni dokumentarec v ožjem pomenu besede, niti fiction. Paradoksalno bi lahko film poimenovali "fantazijski dokumentarec", saj vendarle črpa iz zgodbe, ki se je v resnici dogodila: smrt nekega kraja. Čišnje je (je bila) majhna vasica v Nediških dolinah - ki jo je ekonomska logika sodobnega življenja - podobno kot številne druge gorske ali obrobne kraje - obsodila na zapuščenost in propad. V tem primeru je do dokončne zapustitve prišlo po potresu v letu 1976, ko so zadnjim prebivalcem kot edino možnost ponudili preselitev v druga naselja v dolini, pa čeprav škoda v kraju ni bila tako velika.
Filmska pripoved poveže pričevanja in spomine, povezane z vsakdanjim življenjem v kraju in z njegovo usodo - sočutje zbujajoče in boleče, ki jih obujajo posnetki, obsesivne kot nočna mora, za katere se zdi, da jih razjeda sama vsebina spomina - z refleksijami in intuicijami o občutenju časa, ki ga lahko pokrajina ruševin vzbudi s pogledom od zunaj, ločenim od osebnih biografskih povezav.
V krajih kot je Čišnje se apokalipsa ne najavlja hrupno in z zvokom trobente. Gre za pogrezanje, do katerega pride potihem, kot pristoji "obrobjem imperija", katerih pripetljaji ne zbujajo zanimanja in ne dvigujejo prahu; njena vidna oblika je uničevalna življenjska sila, ki z nenehnim delovanjem briše sledi človeške izkušnje v prevladujoči ravnodušnosti za majhne ali velike zgodovinske dogodke. In veliko bodočih Čišenj iz Nediških dolin je ujetih v usodno pričakovanje, da to dokažejo.

ENG - Mala apokalipsa (Minor Apocalypse) is neither a documentary nor fiction. Paradoxically, it could be defined as "science-fiction documentary", for it is based on a true story - the death of a village. Cisgne is (was) a small settlement in the Nadiža / Natisone Valleys which, similarly to many other mountain or remote settlements, was left to abandonment and ruin by the economic reasoning of our modern lifestyle. The last inhabitants left Cisgne after the earthquake in 1976 when the abandonment of the village and transfer to other settlements in the valley below was imposed on the village dwellers as the only possible solution even though their village only suffered minor damages.
The story is a patchwork of testimonies and memories of the village's daily life and its destiny, with deeply involving and even painful memories awoken by images as persistent as nightmares and almost corroded by the very substance of the memory itself, combined with intuitive reflections on the meaning of time in a village in ruin which may arise in an "outsider", uninfluenced by the life stories of those involved.
When apocalypse approaches settlements such as Cisgne, it comes quietly, without a proper announcement, for the events occurring at the very "periphery of an empire" are of no interest to anybody. What is visible to the eye is insatiable vitality with which nature, indifferent to major or minor events in the village's history, burries and destroys the traces of human experience.
Meanwile, many Cisgnes in the Nadiža / Natisone Valleys await a similar fate.


Quest’anno OBCT festeggia 20 anni. Aiutaci a continuare il nostro cammino, rimani vicino alla nostra comunità di cui fanno parte corrispondenti, attivisti della società civile, ricercatori universitari, studenti, viaggiatori, curiosi e tutti i nostri lettori. Abbonati a OBCT!